ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Latte vaccino

Esistono numerose buone ragioni per non usare il latte vaccino nel neonato e nel primo anno di vita di un bambino. I consigli del Pediatra.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Domanda 1: Mia figlia ha nove mesi e viene ancora allattata al seno due volte al giorno. Vorrei smettere l'allattamento naturale, posso inserire latte vaccino (la bambina mangia regolarmente senza problemi formaggi e yogurt) diluito con acqua o devo continuare con un latte di proseguimento artificiale? Che rischi può comportare il latte vaccino?

Domanda 2: Siamo una coppia di genitori al primo figlio e costantemente bombardati dai consigli di chi prima di noi ha già avuto bambini, gradiremmo, se possibile il vostro parere sull'utilizzo del latte vaccino nell'alimentazione di nostra figlia. La nostra bambina ha sei mesi compiuti ieri e, secondo i consigli del pediatra, non è opportuno iniziare l'inserimento del latte vaccino prima dell'anno di vita. Al contrario i nostri genitori consigliano vivamente l'inserimento a breve, e così anche altri conoscenti che hanno avuto figli da poco tempo. Sicuramente da parte nostra prestiamo fede ai consigli del pediatra, ma.... facciamo proprio bene per nostra figlia? Vi sarei grato, se poteste rispondermi in merito a quanto sopra, ed anche se non fosse di troppo disturbo di elencarmi i danni che l'inserimento troppo "precoce" del latte vaccino nell'alimentazione della bambina può provocare.

Domanda 3: La mia bimba ha 10 mesi e vorrei sapere che tipo di problemi può causarle l'assunzione del latte fresco di centrale che di solito viene consigliato dopo l'anno ed eventualmente se devo diluirlo con acqua o integrarlo con altre sostanze. Vorrei sapere anche qualcosa relativamente ai latti di crescita in commercio (quelli da uno a tre anni) e soprattutto se sono migliori.

Domanda 4: Mio figlio ha compiuto da poco i sei mesi di età e vorrei incominciare a darli il latte di latteria. Il mio pediatra mi consiglia invece di proseguire fino all'anno di età con il latte di proseguimento. Non ho ben chiaro i motivi per preferire il latte artificiale.

Esistono numerose buone ragioni per usare, in sostituzione del latte materno, il latte di proseguimento (cioè quel latte che viene consigliato per le esigenze nutrizionali di un lattante dai cinque mesi di età all’anno di vita), e quindi per introdurre il latte vaccino o latte "di latteria", sia intero che parzialmente scremato, e sia fresco che a lunga conservazione, il più tardi possibile, per lo meno dopo i 12 mesi di vita:

  • il latte vaccino è responsabile di un eccessivo apporto di proteine e di sali minerali (sodio in particolare): tutto ciò rischia di portare ad un sovraccarico di lavoro per i reni del lattante che sono ancora impreparati a smaltire una concentrazione così elevata di proteine e minerali (si verifica infatti un innalzamento dei livelli plasmatici di azoto e si provoca quello che in termini medici viene definito un elevato carico renale di soluti)
  • il latte vaccino contiene livelli di ferro trascurabili e a biodisponibilità molto bassa: in altre parole il poco ferro contenuto nel latte di latteria viene assorbito solo in minima parte dall’organismo
  • il latte vaccino induce microemorragie gastrointestinali, non visibili a occhio nudo, anche in assenza di segni di intolleranza al latte: ciò può aumentare la probabilità di andare incontro ad un'anemia. Infatti la frequenza di sideropenia (cioè di bassi livelli di ferro nel sangue) a 12 mesi è significativamente più elevata nei lattanti che ricevono latte vaccino. La sideropenia, anche senza anemia manifesta, può influire negativamente sullo sviluppo psicomotorio e comportamentale del bambino
  • il latte vaccino non contiene una sufficiente quantità di acidi grassi essenziali (indispensabili per una corretta formazione delle fibre nervose e della struttura delle membrane cellulari) e di vitamine (soprattutto la vitamina D, fondamentale per fissare il calcio nelle ossa, la vitamina A, che protegge la pelle e le mucose e rinforza la vista, e la vitamina C, che possiede un’azione anti-infettiva e ha un ruolo importante nell’assorbimento di ferro da parte dell’organismo).

La diluizione del latte vaccino con l'acqua, con l’aggiunta del comune zucchero da cucina, se da una parte riequilibra la concentrazione di proteine e minerali (abbassandola), dall'altra diminuisce ulteriormente il contenuto di acidi grassi essenziali, riduce la quantità di vitamine e di altri micronutrienti, e apporta come carboidrati soprattutto il saccarosio e non, come accade con il latte di proseguimento, il lattosio o altri zuccheri come le maltodestrine.

Riassumendo il latte di proseguimento, rispetto al latte vaccino, ha un apporto di proteine minore, è ricco in acidi grassi essenziali, ha un modificato apporto di sali minerali con l’integrazione di quelli carenti, in particolare il ferro e lo zinco, ha una integrazione con vitamine e ha come carboidrati solo lattosio o maltodestrine.

Il latte di proseguimento si trova normalmente in commercio in forma liquida o in polvere.

Il latte liquido è più pratico perché non necessità di preparazione; inoltre, essendo già pronto, evita che si possono commettere errori nel dosaggio. Ha però il difetto che, una volta aperta la confezione, può deteriorarsi più rapidamente di quello in polvere per cui va conservato in frigorifero e consumato possibilmente non oltre le ventiquattr'ore.

Il latte in polvere va invece diluito con acqua oligominerale, cioè un’acqua che abbia un basso contenuto di sali minerali, sciogliendo il contenuto di un misurino (allegato la confezione) in 30 ml di acqua. E’ più economico, ma richiede una maggior attenzione del prepararlo. E’ inoltre più pratico del latte liquido quando si è in viaggio perché può essere preparato al momento e non ha quindi bisogno di essere mantenuto al freddo durante il percorso.

Esiste infine una nuova famiglia di latti, commercializzata da pochi anni, i cosiddetti "latti di crescita", che possono essere usati dall’anno di vita fino ai tre anni di età. Sono tutti in forma liquida e hanno una composizione che si avvicina molto al latte vaccino, ma con un’integrazione con ferro, acidi grassi essenziali e vitamine.

1/5/1997

23/9/2016

I commenti dei lettori

La mia bimba di 19 mesi prende il latte vaccino da quando aveva 12 mesi ,sotto consiglio di un pediatra privato che io definirei di altri tempi ... solo cose genuine e fatte in casa.I bambini a 12 mesi possono mangiare di tutto e bisogna variare variare variare... La mia piccola cresce benissimo e non ha nessun tipo di problema descritto sopra ....

ade (CE) 21/10/2011

ciao..sono una neomamma.. ho due gemelli di 5 mesi..abbiamo deciso di iniziare lo svezzamento e al posto del latte in polvere usare quello vaccino (tapporosso) fresco. faccio bene?

denise (CN) 28/05/2012

Sono d'accordo nel dare il latte vaccino e farlo dopo il compimento del 12°mese..con mio figlio ho sbagliato perchè iniziai con il latte di proseguimento solo che aggiungendovi anche i biscotti vitaminizzati gli venne uno sfogo sulla pelle (probabilmente la miscela risultava troppo pesante per il fegato) e da allora non ha più bevuto un sorso di latte..rifiuto totale...fortuna che mangia i formaggi! non farò lo stesso errore con la sorellina!

francesca (RM) 16/08/2012

posso dare il latte vaccino a 9 mesi  come posso diluirlo

franco (BA) 21/11/2012

Salve dottore, le volevo fare una domanda a proposito del latte vaccino. Mio figlio ha quasi un anno, secondo lei è meglio il latte intero alta qualita' o posso comunque dargli anche il latte intero microfiltrato?

francesco (FC) 11/12/2012

ma quando non c'era il latte in polvere cosa si faceva?

alex.b (RM) 01/01/2013

Ho preso il latte vaccino dai sei mesi di età, idem mio figlio e non abbiamo problemi. Questo articolo mi sembra un po'allarmista in quanto sembra che dia per scontato che accadano tutte le cose scritte, e non mettendole come ipotesi.

Q (RM) 04/03/2013

e il latte fresco (quello da consumare entro 2 giorni), per una bimba di 12 mesi, va bene? grazie! F.

francesco (SR) 07/03/2013

Il latte vaccino costa poco e niente, mentre i latti artificiali hanno costi elevati e si da lavoro alle aziende produttrici. Avete fatto caso che il latte artificiale che si somministra nei primi 3 mesi di vita non è mai in offerta? Il perchè è semplice fino ai 3/4 mesi di vita del neonato non se ne può fare a meno e quindi le aziende ne approfittano e sparano cifre elevate 15/25 euro a scatola. Ai miei 2 bambini all'età di 4 mesi ho somministrato gradualmente latte vaccino, sono cresciuti benissimo e analisi del sangue perfette. Sarò stata fortunata? Forse si, ma visto che ho ottenuto buoni risultati lo rifarei. Miriam

Miriam (MI) 02/05/2013

I latti in polvere sono fatti con latte vaccino!! Solo costano di piu' ed ingrassano le societa' che li producono!

Mauro Bonfanti (MI) 11/09/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Latte vaccino"

Integrazione del latte materno
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Allergia alle proteine del latte: cosa può mangiare?
Se la diagnosi di allergia alle proteine del latte è sicura, è necessario che l'esclusione dei latticini dall'alimentazione sia completa e prolungata.
Quale latte vaccino nello svezzamento?
Passando dal latte di proseguimento al latte vaccino, quale tipo è consigliato nello svezzamento? I consigli del Pediatra.
Latte di capra
Il latte di capra possiede proteine antigenicamente simili a quelle del latte vaccino, in grado cioè, di determinare le stesse reazioni allergiche.
Stitichezza e alimentazione
La stitichezza (stipsi) spesso si verifica quando l'alimentazione non è equilibrata.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta