ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Nevo sebaceo di Jadasshon

Il nevo sebaceo è una lesione del tutto benigna. La sua asportazione è motivata, generalmente, da considerazioni di ordine prevalentemente estetico. E' molto verosimile che possa recidivare.

a cura di: Dott. Fabio Arcangeli (dermatologo)

Mia figlia di 13 mesi è stata operata a cinque mesi per un nevo sebaceo al cuoio capelluto. All'esame istologico è risultato trattarsi di un nevo sebaceo di Jadasshon. Attualmente è comparsa sul margine inferiore della cicatrice una macchiolina giallo-arancio di circa 1 mm quadrato, e poco più avanti due microscopici puntini neri. Diversi dermatologi interpellati non hanno formulato una diagnosi certa. Il nostro timore è che il nevo possa recidivare o peggio evolvere in un epitelioma basocellulare.

Il nevo sebaceo è una lesione del tutto benigna. La sua asportazione è motivata, generalmente, da considerazioni di ordine prevalentemente estetico. E' molto verosimile che possa recidivare, e quelle due "macchioline" potrebbero essere facilmente il primo segno di una "recidiva". Tuttavia, ciò non deve preoccupare più di tanto, poiché le eventuali neoplasie che possono insorgere nel suo contesto sono generalmente benigne (nel "peggiore" dei casi può trattarsi di un epitelioma basocellulare, una neoplasia cutanea comunque sostanzialmente priva di malignità sistemica) e ciò accade in una percentuale limitata di casi (15% circa) e solitamente non prima della pubertà.

Per il momento credo non si debba attribuire troppa attenzione a queste lesioni; fra qualche anno eventualmente potranno essere asportate, se desiderato, anche le due piccole lesioni residue.

1/6/1999

18/11/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Nevo sebaceo di Jadasshon"

Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Nevo peloso
Il nevo melanocitico congenito di medie dimensioni ricorre in uno-due neonati ogni cento e non presenta alcun pericolo nell'età pediatrica.
L'angioma
L'angioma è una macchia della pelle, dovute ad una dilatazione dei capillari sanguigni, chiamati anche con il termine popolare di "voglie".
Nei
Occorre considerare principalmente i cambiamenti di dimensione, colore, struttura e alterazioni dei margini dei nei.
Macchie caffelatte nel bambino
Le macchie caffelatte, chiamate, cafè au lait spots, sono una evenienza relativamente frequente nel bambino (10-20% dei soggetti sani).
Una chiazza chiara sulla pelle
Mia figlia è nata con una chiazza chiara sulla pelle. La nostra pediatra ritiene sia un "nevo ipodermico non rilevato".
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha paura dei tuoni
Mio figlio di due anni ha paura dei tuoni e dei forti rumori. E allora cosa fare con un bimbo pauroso? I consigli dello psicologo.
Rimane attaccata al seno anche un'ora
Ad ogni poppata rimane attaccata al seno anche un'ora. E fa 3 o 4 pasti di notte. Le regole per un buon attacco al seno.
Speciale: Le cause del mal di gola
Il mal di gola si accompagna spesso ai cambiamenti climatici tipici del periodo autunnale. Nella maggior parte dei casi, in età pediatrica è provocato da virus.
Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno