ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Macchie caffelatte nel bambino

Le macchie caffelatte, chiamate, cafè au lait spots, sono una evenienza relativamente frequente nel bambino. Possono avere dimensioni estremamente variabili e interessare qualsiasi zona di cute.

a cura di: Dott. Mario Cutrone (dermatologo)

A mio figlio, che adesso ha otto mesi, è comparsa una macchia marrone chiara abbastanza estesa sul polpaccio sinistro quando aveva cinque mesi. La macchia, dapprima impercettibile, sta diventando sempre più scura. Ieri una macchia simile è comparsa sulla gamba destra. Il medico ha definito le macchie "cafe` au lait spots" (non conosco il nome in italiano) e mi ha spiegato che può trattarsi di una manifestazione esterna di problemi interni. Vorrei saperne di più.

Le macchie caffelatte (cafè au lait spots) sono una evenienza relativamente frequente nel bambino (10-20% dei soggetti sani). Possono avere dimensioni estremamente variabili (da pochi mm a decine di cm) e interessare qualsiasi zona di cute. Di per sé non rappresentano alcun pericolo per il bambino (per intenderci, non sono soggette a trasformazione maligna o ad altri problemi locali). La loro "cattiva fama" è dovuta alla possibile associazione (peraltro rara) con alcune malattie che interessano altri organi oltre alla cute (neurofibromatosi, sindrome di McCune-Albright, sclerosi tuberosa, sindrome LEOPARD e altre).

La più nota e la più frequente (a cui faceva probabilmente riferimento il suo Pediatra) è la Neurofibromatosi (chiamata anche malattia di von Recklingausen), che associa alle chiazze possibili problemi di tipo neurologico di gravità variabile. Può trovare notizie molto dettagliate a riguardo nella risposta ad un precedente quesito specifico. Per quanto riguarda suo figlio possiamo dire alcune cose: le chiazze sono per ora molto poche per prendere in considerazione la Neurofibromatosi (vedi la già citata risposta il progressivo aumento della colorazione della chiazza non mi sembrerebbe tipico di una chiazza caffe-lattè.

Bisognerebbe però, come sempre succede per le patologie dermatologiche, poter vedere la lesione (perché non ci invia una foto passata allo scanner?). In effetti non sappiamo quanto è grande (la madre dice"abbastanza", concetto molto variabile a seconda dell'ansia legata alla lesione), né come sono i margini (lineari? indentati?), né come è la superficie (liscia? verrucosa? desquamante?).

E la seconda lesione è proprio identica alla prima? Pur non dubitando dell'occhio del Curante del bambino, a seconda dell'aspetto la lesione principale descritta potrebbe essere infatti in alternativa un nevo (ad esempio un nevo ipercromico), di nessun rilievo clinico, o qualcos'altro (ad esempio un mastocitoma, un nevo epidermico oppure una iperpigmentazione da esposizione solare post-contatto con sostanza fotosensibilizzante come un profumo, un deodorante o una salvietta rinfrescante).

Come curiosità, tra questo qualcos'altro metterei anche il cosiddetto "nevo fantasma": alone marroncino di frequente riscontro attorno alle lesioni cutanee e dovuto all'eccesso di "rispetto" durante il lavaggio della zona circostante (per paura di provocare danni). Concludendo, direi ai genitori del piccolo di rimanere in ogni caso tranquilli e di far soltanto controllare periodicamente le lesioni al Curante in occasione dei normali controlli di salute, che a quell'età sono peraltro frequenti.

1/11/1997

25/5/2016

I commenti dei lettori

 salve ,sono mamma di un bambino di 3 anni in sospetto di neurofubromatosi 1  sono disperata, il bambino  sta bene vivacissimo molto inteligente voglio quaque consilgio o quialque parole che mi tranquillizzano grazie

fatiha (GE) 23/04/2011

MIA FIGLIA DI QUASI DUE ANNI HA DALLA NASCITA UNA MACCHIA CAFFE' LATTE SU UNA NATICA, VICINO ALL'ANO.... MI DEVO PREOCCUPARE??? DICONO NASCONDA PROBLEMI SERI

MAMMA MAURA (RO) 30/09/2011

Mia figlia ha quasi 11 anni e da circa 1 anno ha delle macchie caffelatte sui gluitei. alla nascita non ce le aveva o ora sono estese su meta glutei. Il pediatra dice che non è niente ma a me sembra che "crescano". Che faccio?

12/12/2011

Mio figlio è nato con una macchiolina dietro la coscia, la pediatra l'ha chiamata come macchia di caffèlatte e mi ha detto che sicuramente con la crescita si ingrandirà. In effetti aveva ragione.

ILARIA (VA) 16/05/2012

mia figlia ha due anni e fin dalla nascita ha una macchia caffelatte dal ginocchio alla caviglia, abbastanza grande, da qualche mese e' comprarsa un altra sull'altro ginocchio e una all inguine, piccoline, ma sono molto preoccupata, tutti dicono che esagero, ma secondo voi dovrei preoccuparmi o sono veramente io ad esagerare? 

cinzia (VV) 03/06/2012

scusate il mio bimbo presenta una macchia color caffe latte chiaro sul dorso, vorrei sapere se è pericolosa grazie

Laura Marra (GE) 21/11/2012

salve, ho una bimba di 16 mesi , dal 3° mese di vita è comparsa una macchia caffe latte vicino l'ascella destra , sul dorso dei piccoli puntini, devo preoccuparmi? vi prego rispondetemi

katia (RC) 26/11/2012

salve mia figlia ha 6 anni e al ginocchio ha una macchia marrone scura con peli che cresce con lei è pericolosa? sono preoccupata grazie

lucia (NA) 15/08/2013

Salve ho la mia bimba di 2 anni che gli sn uscite delle macchie di varie dimensioni 1 ce l'ha dalla nascita dietro l'orecchio una da 1 anno gli è uscita all'orecchio e piano piano si ingrandisce l'altra e grande dietro la schiena 1 piccola sul polso..aiutatemi a capire perche mi sto un po preoccupando...la pediatra ha detto che sn voglie di caffe latte..ma!!

valentina (RN) 19/08/2013

mio figlio di 3 anni ha sospetto di neurofibramotosi, non so come fare le macchie non fanno altro che aumentare, ed io non so come aiutare a fermare queste macchie. lui fortunatamente è molto vivace, va all'asilo gioca impara le canzoncine insomma se non fossero per queste macchie non sembrerebbe che avesse qualche problema aiutatemi a farmi sapere come muovermi dove andare a fargli fare le visite appropriate perchè non so cosa fare, aiutatemiiiiiiiiiiiiiiiii

concetta (ME) 07/10/2013

mio figlio e nato con 3 macchie ma adesso ne a in tutto il corpo piu di 15 lo devo portare dal dermatologo

federica (FC) 12/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Macchie caffelatte nel bambino"

Glioma: un tumore al cervello
Il glioma è un tipo di tumore che inizia nel cervello o della colonna vertebrale. E' chiamato glioma, perché nasce da cellule gliali.
Neurofibromatosi
La neurofibromatosi è una malattia neurocutanea multisistemica ereditaria caratterizzata dalla predisposizione allo sviluppo di tumori benigni.
Neurofibromatosi
Con il termine di neurofibromatosi si intendono almeno sette diverse malattie genetiche. Nel 50% dei casi la malattia viene ereditata da un genitore affetto.
Associazione Neuro Fibromatosi (A.N.F.)
Una associazione di volontariato per la neurofibromatosi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte