ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Nevo acromico

Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione di dimensioni variabili e distribuzione regionale.

a cura di: Dott. Fabio Arcangeli (dermatologo)

Mia figlia di cinque anni manifesta dall'età di un anno (e forse anche da prima) un estesa macchia localizzata alla spalla e al braccio sinistro. Tale macchia è visibile ma non evidenziabile al tatto e con l'esposizione al sole si rende più evidente poiché al contrario del resto del corpo non si "abbronza". Alla bambina è stato diagnosticato "nevo acromico zosteriforme", mi hanno detto di non preoccuparmi ma non ho capito bene di che cosa si tratta. Gentilmente potreste darmi dei chiarimenti su questa diagnosi?

Il nevo acromico (detto anche nevo depigmentoso) è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione (cioè un'area priva della normale melanina, la sostanza che fa abbronzare la pelle), di dimensioni variabili e distribuzione regionale.

Nel suo caso, è stata chiamata "zosteriforme" perchè segue una distribuzione cutanea simile a quella che si osserva nella infezione da virus Herpes Zoster o fuoco di S. Antonio. Si tratta di un deficit di pigmentazione dovuto a una anomalia dello sviluppo cutaneo, simile a quello che si realizza per eccesso nel caso di una chiazza caffè-latte. E' una affezione del tutto benigna, stabile nel tempo, e per la quale non esiste alcun trattamento efficace.

7/12/2000

25/9/2016

I commenti dei lettori

salve a tutt.i mia figlia di tre anni a un neo acromico macchia bianca sul collo, sapete se con la crescita c'è la possibilita che se ne vada via?

gianni (CS) 12/07/2012

I nevi acromici sono macchie stabili, che non spariscono con la crescita.

Dott. Giuseppe Varrasi, Pediatra di MAMMAePAPA'' 12/07/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Nevo acromico"

Nei
Occorre considerare principalmente i cambiamenti di dimensione, colore, struttura e alterazioni dei margini dei nei.
Nevo sebaceo di Jadasshon
Il nevo sebaceo di Jadasshon è una lesione benigna della pelle. E' molto verosimile che possa recidivare.
Macchie caffelatte nel bambino
Le macchie caffelatte, chiamate, cafè au lait spots, sono una evenienza relativamente frequente nel bambino (10-20% dei soggetti sani).
Nevo peloso
Il nevo melanocitico congenito di medie dimensioni ricorre in uno-due neonati ogni cento e non presenta alcun pericolo nell'età pediatrica.
L'angioma
L'angioma è una macchia della pelle, dovute ad una dilatazione dei capillari sanguigni, chiamati anche con il termine popolare di "voglie".
Nevo sebaceo
Il nevo sebaceo è un piccolo difetto della pelle, del tutto benigno.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo