ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Latte di capra

Il latte di capra possiede proteine antigenicamente simili a quelle del latte vaccino, in grado cioè, nei pazienti con vera intolleranza al latte vaccino, di determinare le stesse reazioni allergiche.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

1° domanda: ho un figlio di 11 mesi intollerante al latte vaccino scoperto dopo una gastroenterite a cinque mesi e dopo aver cambiato cinque tipi di latte in polvere consigliati dal pediatra (per ultima la soia). A otto mesi, dopo che il piccolo rifiutava l'alimento consigliato dalla gastroenterologa, ho iniziato a dargli il latte di capra (su consiglio di una amica con gli stessi problemi). La mia domanda è questa: perché non consigliare il latte di capra subito quando viene scoperta l'intolleranza? A mio parere è sicuramente più genuino del latte in polvere. Mio figlio adesso mangia anche il formaggio (naturalmente di capra!) e gli piace da morire.

2° domanda: mio figlio è allergico alle proteine del latte vaccino. Posso provare a dargli formaggi freschi di latte di capra

3° domanda: premetto che sono padre di due bimbi, tre anni il primo e sette mesi il secondo, e che, finora, non sono emerse intolleranze al latte vaccino da parte del più grande. Vorrei conoscere la vostra opinione riguardo all'utilità di introdurre latte alternativo al vaccino come il latte di capra. [

La raccomandazione di somministrare il latte di capra nei pazienti con intolleranza alle proteine del latte vaccino o con dermatite atopica risale a più di 50 anni orsono e la nozione che il latte di capra sarebbe un sostituto sicuro del latte di mucca è ancora piuttosto diffusa anche ai giorni d’oggi.

In realtà è dimostrato che il latte di capra possiede proteine antigenicamente simili a quelle del latte vaccino, in grado cioè, nei pazienti con vera intolleranza al latte vaccino, di determinare le stesse reazioni allergiche con un meccanismo di cross-reattività.

Quest’ultimo è quel fenomeno per cui un individuo allergico ad una sostanza (in questo caso il latte di mucca), può reagire nei confronti di una o più sostanze diverse (ad esempio il latte di capra o il latte di soia), perché presentano allergeni uguali, strutture cioè che vengono riconosciute estranee dal paziente e contro cui vengono prodotti anticorpi.

Il latte di capra è in parte nutrizionalmente diverso da quello vaccino: contiene ad esempio più acidi grassi essenziali (indispensabili per una corretta formazione delle fibre nervose e della struttura delle membrane cellulari) e, più in generale, i suoi grassi sono più facilmente digeribili di quelli del latte di mucca.

E’ inoltre più ricco di calcio, ma ha tuttavia una minor quantità di vitamina B12 e di acido folico, sostanze indispensabili per la sintesi dell’emoglobina e per la formazione dei globuli rossi, ed è inoltre carente (come d’altronde anche il latte vaccino) di ferro e di vitamina A, C e D.

Una prolungata bollitura (per 20-30 minuti) sembra ridurre significativamente l’allergenicità (cioè la capacità di provocare reazioni allergiche) del latte di capra. In conclusione il latte di capra può risultare efficace in alcuni soggetti intolleranti al latte vaccino, ma non va usato in coloro che abbiano presentato gravi manifestazioni cliniche (ad esempio shock anafilattico), a meno che la sua somministrazione venga eseguita, con le dovute precauzioni, in ambiente protetto, cioè in ospedale, per poter affrontare eventuali reazioni.

Una volta accertatisi della mancata comparsa di reazioni allergiche alla sua assunzione, il latte di capra può essere preferito, per il suo miglior sapore e per il costo sensibilmente inferiore, ai prodotti attualmente esistenti in commercio come i latti di soia e gli idrolisati proteici; va però integrato con vitamine, ferro e acido folico, (di cui è carente) e va somministrato dopo appropriata bollitura.

28/1/2000

10/9/2012

I commenti dei lettori

la mia piccola ha 19 mesi ed e' anche lei allergica proteine latte! pediatra e allergologo sono d'accordo di provare con latte di capra solo x formaggi ogni tanto senza esagerare, variare, visto che x colazione mangia latte di riso arricchito di calcio che assume volentieri. formaggio che apprezza "casalpino" (stagionato ma non troppo)sapore delicato e ieri primo sale non male! c'e' anche la crescenza oltre la ricotta e lo yogurt! prova e ...auguri!!!

daniela (CO) 07/05/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Latte di capra"

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Latte di asina
A mia figlia che è allergica al lattosio, hanno consigliato il latte di asina. E' ragionevole?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Brufolo sulla palpebra. Può essere un calazio?
Gli è comparso un brufolo sulla palpebra in concomitanza alla crescita dei canini. La piccola neoformazione potrebbe essere un banale calazio.
Dà il latte adattato: fermatelo!
Ribadiamo la assoluta e indiscutibile superiorità dell'allattamento al seno sul biberon.
La preeclampsia
La preeclampsia è una malattia della gravidanza. Le forme più lievi scompaiono dopo il parto.
Come prepararla psicologicamente ad un intervento chirurgico?
I genitori devono favorire nel bambino il contenimento di angosce, paure e dolore fisico e ciò per consentire che egli si possa riappropriare del proprio corpo.
Hanno riscontrato un difetto del setto interatriale
Il difetto del setto atriale è una della cardiopatie congenite più frequenti. L'intervento viene eseguito, in assenza di sintomi, entro i 2 - 3 anni di età.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K