ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Latte di asina

A mia figlia che è allergica al lattosio, hanno consigliato il latte di asina. E' ragionevole?

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

A mia figlia, che presenta pluriintolleranze, anche al lattosio, è stato consigliato il latte di asina. Vorrei sapere se tale consiglio ha fondamento e se si, quale potere nutrizionale ha questo alimento, quali sono i suoi componenti e se esistano possibilità di commercializzazione.

L'uso di latti di altri mammiferi in sostituzione del latte materno è una pratica che risale senz'altro ad epoche primitive. Nell'antichità bisognava adattarsi con il tipo di animale disponibile, per cui, a seconda delle regioni italiane o delle nazioni, si può riscontrare un uso di latti derivanti da diverse specie animali; ciò in base alla disponibilità, alla comodità di approvvigionamento ed anche a tradizioni tramandate oralmente. In diverse regioni del Centro-Sud dell'Italia vi è la tradizione di utilizzare latti di origine equina (Asina, Cavalla) poiché hanno rappresentato nei secoli un alimento facilmente disponibile per i lattanti ed inoltre hanno una composizione che si avvicina molto di più a quella del latte umano, rispetto al latte vaccino.

L'enorme diffusione, avvenuta con l'introduzione del frigorifero domestico, di prodotti caseari freschi e la disponibilità di latti in polvere ha determinato un aumento incredibile, rispetto al passato, di assunzione da parte degli "umani" di proteine del latte vaccino. Ciò ha probabilmente fatto aumentare la percentuale di soggetti allergici o intolleranti a tali proteine. In questi casi (allergia o intolleranza alle proteine del latte vaccino) può essere utile sostituire il latte vaccino con un latte le cui proteine siano di origine vegetale (soia), oppure con proteine che, a causa di un processo detto idrolisi, hanno perso il potere allergizzante (latti idrolizzati). Sia i latti di soia che quelli "idrolizzati" garantiscono una crescita ottimale al bambino, anche se assunti per molti mesi o per anni. Il loro difetto è quello di non avere un gusto particolarmente gradevole, per cui spesso sono assunti malvolentieri dal lattante. Si può inoltre ricorrere a latti di specie animali diverse dai bovini e con un gusto più vicino a quello del latte tradizionale. I più usati sono quelli di Capra, Asina e Cavalla.

Purtroppo il bambino che è allergico alle proteine del latte vaccino può essere allergico, ma in percentuali inferiori, anche alle proteine dei latti appena citati. A seconda delle statistiche e del tipo di latte, la possibilità che un bambino allergico o intollerante alle proteine del latte vaccino lo sia anche a quello di altri animali varia dall'80 al 30%. Non esiste un tipo di latte al quale non si può essere allergici con certezza, ma solo una minore probabilità di esserlo. Tutti questi latti di altri mammiferi contengono lattosio, per cui non possono essere assolutamente usati nel caso di accertata intolleranza al lattosio, per la quale si usa invece un latte delattosato, il cui gusto è molto simile a quello del latte vaccino. Per Intolleranza al lattosio si intende un deficit enzimatico della lattasi (N.d.R.: un enzima intestinale che permette l’assorbimento del lattosio).

Per Allergia alle proteine del latte si intende un anomalo comportamento del sistema immunitario che produce IgE specifiche verso gli antigeni proteici. Sotto il termine di Intolleranza vanno invece compresi tutti quei meccanismi che non coinvolgono il sistema immunitario. In realtà, per quanto riguarda le proteine del latte vaccino, si verifica che per "Intolleranza alle proteine del latte vaccino" dovrebbero essere identificate le manifestazioni non determinate da IgE specifiche, ma poiché molte di queste sono causate comunque da anomalie immunitarie di tipo cellulo-mediato, alla fine sarebbe preferibile definirle tutte come "Allergia alle proteine del latte vaccino". Se il bambino presenta una contemporanea intolleranza al lattosio ed alle proteine (combinazione molto rara), si dovranno usare i latti idrolizzati o quelli a base di soia, che non contengono lattosio. Il latte di origine equina presenta una composizione in proteine e zuccheri molto più simile a quella del latte di donna, rispetto ad altre specie animali, e presenta una maggiore differenza antigenica nelle sue proteine rispetto a quelle di origine bovina. Il latte d'asina è senz'altro, tra quelli disponibili con una certa facilità, il meno allergizzante. La commercializzazione è un problema molto serio. Se si vive in una zona di allevamenti equini può essere agevole procurarsi tale latte, altrimenti la sua reperibilità è molto difficile.

5/9/2000

31/8/2014

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

se hai intéresse a comprare il latte di asina, puoi rivolgerti al CILA (consorzio italia latte d'asina) te lo spedisce direttamente a casa sia fresco che liofilizzato è un po' caro ma vista la scarsa disponibilità...cmq per i figli questo ed altro!!!io lo uso da quasi 4 mesi e il mio amore lo beve volentieri, altri latti per bambini allergici di qualunque marca li rifiuta, per non parlare del latte di soia...quello però lo bevo io, visto che di notte ancora si attacca al seno la mia alimentazione è priva di latte e derivati ed anche di carne vaccina!!!

Francesca (LT) 09/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Consigli di puericultura per il neonato
Post parto e neonati: proponiamo alcuni consigli di puericultura per facilitarne il compito nei primi mesi di vita del neonato.
Difetto ostium secondum
A mia figlia è stato riscontrato un difetto ostium secondum di 16 mm. Ci hanno consigliato l'intervento fra tre anni. Non sarà troppo tardi?
Ultrascreen in gravidanza
L'ultrascreen si basa su un'ecografia ed è un prelievo di sangue effettuati ad 11-13 settimane di gravidanza.
Bambini con difficoltà cognitive
Bisogna essere sempre fiduciosi che i nostri figli possano migliorare le proprie capacità cognitive e dare di più di quello che crediamo.
I dentini
Quando spuntano i primi dentini? Quali sono i “fastidi” legati alla comparsa dei dentini? Bisogna avere cura dei denti da latte? I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Nel sospetto di scarlattina, qual è il test più utile per la diagnosi?
Emocromo
TASL (titolo anti-streptolisinico)
Tampone faringeo
Esame urine