ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La salmonella

Esistono tre tipi di salmonella. Sono malattie causate da batteri del genere Salmonella, che possono causare da una semplice gastroenterite al tifo. I sintomi e la cura.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mia figlia, di due anni e dieci mesi, viene ricoverata nel reparto di pediatria della nostra città con una enterite acuta da salmonellosi tipo B, poi tipizzata come Typhimurium a cura dell'Ufficio di Igiene. Nessuna cura viene data alla bambina. A seguito di sierodiagnosi di Widal - Wright risultano i seguenti dati: Tifo 0 positivo 1/640, presenza di agglutinine specifiche, Tifo H positivo 1/80, Paratifo B O Positivo 1/320, Brucella Negativo. Al nostro timore di fronte a questi risultati i medici rispondono che la sierodiagnosi risulta falsata a causa di reazioni incrociate con altre salmonelle che possono creare antigeni e positività errata alla sierodiagnosi di Widal- Wright . La mia domanda è: non si cura la Salmonella? E i risultati positivi del tifo perché non vengono presi in considerazione?

Le salmonellosi sono malattie causate da batteri del genere Salmonella di cui esistono tre specie: la salmonella typhi, la salmonella cholerae suis e la salmonella enteritidis. Tenendo conto della presenza sulla parete cellulare del germe di una struttura chiamata antigene O, le salmonelle vengono suddivise in cinque gruppi: A, B, C, D ed E. Ad esempio la salmonella typhi (per intenderci quella che provoca il temibile tifo) appartiene al gruppo D mentre la salmonella typhimurium, a cui si accenna nella domanda, appartiene alla specie enteritidis ed al gruppo B.

Questa premessa un po’ specialistica è necessaria per spiegare che la salmonellosi da cui è stata colpita sua figlia è dovuta ad un ceppo molto frequente (il più comune in Italia) che solitamente dà infezioni gastrointestinali (dette anche salmonellosi "minori", per differenziarle da quelle "maggiori" e più pericolose, come appunto il tifo), caratterizzate da diarrea, spesso con sangue e muco nelle feci, febbre, dolori addominali e vomito (non sempre presente).

È consueto, durante le infezioni da salmonella typhimurium, che la reazione di Widal (che valuta la presenza nel siero del malato di anticorpi contro gli antigeni O ed H e che classicamente è positiva nella febbre tifoide) sia falsamente positiva per un fenomeno di reazione crociata nei confronti di antigeni O comuni ai due tipi di salmonella. L’utilità di tale esame è perciò a tutt’oggi materia di discussione proprio per il riscontro di possibili reazioni falso-positive, ma anche falso-negative.

La terapia antibiotica nelle salmonellosi "minori" non è utile, ma, anzi, favorisce lo stato di portatore, prolungando l’emissione del germe con le feci e favorendo la selezione di germi resistenti. Tutto ciò vale anche in corso di quadri clinici severi, con febbre elevata: studi controllati non hanno dimostrato nessun miglioramento in caso di somministrazione di antibiotici per bocca o per via intramuscolare, sia per quanto concerne la durata della febbre, sia riguardo all’imponenza o alla durata delle scariche diarroiche.

Confortante è il dato che, nonostante frequentemente si associ all’infezione intestinale la presenza di salmonella nel sangue (vale a dire una batteriemia), sono comunque estremamente rare le localizzazioni extraintestinali come la meningite. Il trattamento antibiotico viene invece utilizzato in pazienti a rischio come i lattanti sotto i tre mesi di vita o nei pazienti immunocompromessi o portatori di protesi cardiache o affetti da malattie infiammatorie croniche dell’intestino, come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn.

1/9/1997

18/1/2016

I commenti dei lettori

Ma i disinfettanti intestinali sono utili?

nico (PD) 16/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La salmonella"

Vaccinazione contro il tifo
La vaccinazione contro il tifo è indicata in particolari situazioni epidemiche.
Uovo crudo nello svezzamento e salmonella
A quale età introdurre l'uovo crudo nello svezzamento di un neonato e come evitare il rischio di salmonella.
Salmonella: i sintomi
I sintomi della salmonella sono il vomito e le scariche diarroiche contenenti catarro. Spesso è presente anche la febbre.
Salmonella e asilo nido
Un bambino affetto dalla salmonella non può frequentare il nido fino che non risultino tre coproculture negative.
La salmonella: le cause del contagio
Tutti gli alimenti che causano il contagio da salmonella.
Salmonella nei bambini
La salmonella nei bambini rimane più a lungo nelle feci, ma non vuol dire che la malattia duri di più. Utile ripetere la coprocoltura.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha difficoltà nel socializzare
Mio figlio di cinque anni spesso si avvicina ad un gruppo, ma viene respinto. I consigli dello psicologo.
Spasmi affettivi
Gli spasmi affettivi sono una crisi emotiva: per una causa anche banale, il bambino piange, trattiene il fiato. Quali sono le cause e come comportarsi.
Una tachicardia inspiegabile
Ho fatto ricoverare mia figlia per una tachicardia. Dagli esami non è risultato nulla ed è stata dimessa come se non fosse accaduto nulla.
Ernia iatale
Con il termine ernia iatale si intende lo spostamento di un organo dalla sua cavità naturale attraverso un'apertura anomala.
Il ciuccio per un neonato
Il ciuccio può essere di due tipi: a ciliegia (forma rotonda più adatta ai neonati) o anatomico (a forma di goccia). I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Quanti sono i virus che possono provocare il raffreddore?
50
70
100
Più di 200