ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Leishmaniosi

Le Leishmaniosi sono malattie infettive provocate da protozoi appartenenti al genere Leishmania, parassiti dell'uomo e di numerosi animali domestici e selvatici.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

E' possibile che la leishmaniosi si trasmetta tramite contatto col cane? Quali sono i sintomi sul bambino?

Le Leishmaniosi sono malattie infettive provocate da protozoi appartenenti al genere Leishmania, parassiti dell'uomo e di numerosi animali domestici e selvatici. Nell'uomo l'infezione può rendersi responsabile di una malattia generalizzata (Leishmaniosi viscerale) o invece di una forma localizzata alla cute e alle mucose (Leishmaniosi cutanea e Leishmaniosi mucocutanea). Recenti indagini hanno permesso di dimostrare che, nell'ambito di determinate specie, esistono sia ceppi viscerotropi (cioè che colpiscono gli organi interni) sia ceppi più tipicamente dermotropi (che interessano la cute).

leishmaniosiIl serbatoio naturale dell'infezione è rappresentato dai cani domestici e da taluni roditori e canidi selvatici diversi a seconda delle regioni e del ceppo di Leishmania in causa. Solo in India l'unico serbatoio documentato risulta l'uomo. I vettori sono le femmine di numerose specie di flebotomi (pappataci) che si infettano succhiando il sangue dei mammiferi parassitati. Il contatto con il cane, anche se portatore, non dovrebbe causare alcun danno almeno se non c'è contatto diretto e improbabile con il suo sangue.

L'infezione viene di norma contratta per puntura del vettore. Per quanto riguarda la forma viscerale sono state tuttavia accertate anche la trasmissione materno-fetale, nonché l'infezione per trasfusione di sangue contaminato (evenienze comunque assai rare) La Leishmaniosi viscerale è dovuta alla Leishmaniosi Infantum nel bacino del Mediterraneo. L'incubazione varia da quattro a dieci mesi. Ha un esordio graduale ed insidioso con punte febbrili che si protraggono per qualche giorno, seguite da fasi senza febbre (3-4 giorni).

In poche settimane si passa al "periodo di stato" in cui sono presenti tutti i sintomi classici della malattia: febbre, febbricola con puntate serali elevate che recedono con sudorazioni abbondanti, milza aumentata notevolmente di volume e di consistenza, aumento di volume del fegato, tumefazione dei linfonodi, deperimento grave e progressivo. Costanti sono anche la diminuzione dei globuli rossi, dei globuli bianchi e delle piastrine, e la alterazione delle proteine sia per numero e che per tipo.

La prognosi è infausta se non si interviene con la terapia, ma è favorevole nei casi trattati precocemente. La terapia si avvale di sali di antimonio; sembra efficace anche l'uso di amfotericina B e paromomicina. La Leishmaniosi cutanea del Vecchio Mondo è dovuta a numerosi agenti patogeni: Leishmaniosi Tropica in Medio Oriente ed in alcuni Paesi del Mediterraneo. In Italia la Leishmaniosi più diffusa è costituita da alcuni ceppi dermotropi della Leishmaniosi Infantum. Nel nostro Paese vengono notificati ogni anno dai 30 ai 50 casi.

Dopo un periodo di incubazione variabile, anche di diversi mesi, nel punto di inoculazione compare una piccola macula rossa che evolve lentamente nel caratteristico "Bottone d'Oriente": nodulo di consistenza dura, mobile sui piani profondi, ricoperto da cute livida al cui centro si forma una crosta aderente. La prognosi è buona e la terapia è sempre con derivati antimoniali. La Leishmaniosi cutanea del Vecchio Mondo e la Leishmaniosi mucocutanea riguarda le aree dell'America centrale e meridionale. La prognosi è seria.

4/1/2000

11/10/2015

I commenti dei lettori

E' uscito un vaccino europeo per la leishmaniosi canina, al momento per un uso privatistico. Forse è il caso che a livello preventivo l'ASL se ne faccia carico.

corrado mandese (TA) 15/04/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Leishmaniosi"

Allergia al gatto e al cane nei bambini
Come si manifesta nei bambini l'allergia al gatto e al cane, con quali sintomi, quali rimedi consiglia il Pediatra. Esiste un vaccino al pelo di cane e gatto.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Un cane in casa
Tenere in casa un cane con un bambino neonato. I consigli del pediatra.
Animali e bambini
Prendersi cura di animali offre un'esperienza di apprendimento senza pari per i bambini.
Disinfestare dalle pulci
La puntura della pulce determina una lesione cutanea pruriginosa. I consigli per disinfestare la casa dalle pulci.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce ancora a strutturare le frasi
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte