ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Intolleranze alimentari

Nel sospetto con intolleranze alimentari spesso si instaura in modo scorretto una dieta molto restrittiva. Come diagnosticare e come curare le intolleranze alimentari.

Salve, sono il papà di un bambino di 1 anno e mezzo, che presenta allergie alimentari, quali: proteine del latte (capra), uova, pomodoro, banana, mela, patata, pollo, etc. Inoltre presenta sintomi di tipo dermatite atopica assumendo gli omogeneizzati di carne (quelli di pesce non li può mangiare perché contengono limone). Per il momento mangia solamente carne di agnello, tacchino, cavallo e coniglio macinate, la platessa e il merluzzo, pastina, brodo vegetale (carota, zucchine, lattughe, bietola), fagioli, pera, pizza bianca, dessert e biscotti anallergici e soia. Il latte che prende è il [latte HA di proseguimento]. Vorrei sapere quali altri alimenti possiamo introdurre.

La domanda costituisce un evidente esempio di come sia facile, nel sospetto di intolleranza alimentare, cadere in una situazione di confusione e instaurare una dieta molto restrittiva. Occorre, invece, essere molto prudenti nello stabilire una relazione fra sintomi ed alimenti, in quanto ogni restrizione finisce con l'impoverire la dieta e quindi deve essere accuratamente accertata. Il mezzo corretto per fare ciò è la combinazione "dieta di eliminazione/dieta di scatenamento", come bene illustrato in un'altra risposta.

Tornando alla domanda, sarebbe utile precisare alcuni elementi importanti: le allergie alimentari si manifestano con semplici e banali eruzioni cutanee o con manifestazioni più importanti quali orticaria, angioedema, aggravamento acuto dell'eczema, sintomi gastrointestinali ecc.? a quale età sono comparse le allergie? Sono stati fatti dei tentativi di reintroduzione di alcuni alimenti incriminati e che risultati si sono avuti? Tutto ciò in considerazione del fatto che molti pazienti acquisiscono con il tempo (spesso entro i due anni di vita) una tolleranza a cibi che quando sono più piccoli provocano problemi.

In ogni caso il fatto che il bambino assuma senza problemi un latte ipoantigenico, cioè il latte HA (che è forse indicato nei bambini con familiarità allergica, ma certamente non in pazienti con allergia alle proteine del latte vaccino) fa supporre che non dovrebbero esserci particolari problemi ad introdurre il latte vaccino e i suoi derivati (formaggi, yogurt, biscotti non dietetici, ecc.), in quanto il latte HA contiene proteine tutto sommato simili a quelle dei normali latti adattati e quindi a quelle del latte vaccino.

1/1/1997

28/6/2016

I commenti dei lettori

Salve, chiedo cortesemente un aiuto se è possibile. Grazie Ho una bambina di 14 mesi e di circa 7,7 kg. intollerante alle proteine del latte da circa 9 mesi. (almeno pensiamo) Quindi mangia tutto tranne i componenti contenente proteine del latte. Adesso la mia domanda è: posso provare oggi a 14 mesi a dargli qualcosa che contenga quelle proteine? Che precauzioni prendere? Quale potrebbero essere le reazioni? Cosa fare? Oppure è meglio attendere ancora? La mia dottoressa, mi ha detto che possiamo iniziare a dargli un po di parmiggiano Per circa una settimana e vedere cosa accade? Per la seconda settimana yougurt e poi latte di vaccino. Cosa devo fare? Provo? Grazie. giuseppedlg@alice.it

nunzia (NA) 10/04/2012

Ciao a tutti, il mio bambino a 5 mesi ha avuto una brutta reazione allergica al latte in polvere, portato in ospedale ci hanno detto che era allergico alle proteine del latte, così ho continuato finchè ho potuto con il latte materno integrandolo con un latte ipoallergenico. Però la pediatra mi ha detto che poteva essere un'allergia passeggera e di provare dopo qualche mese a introdurre piano piano alimenti contenenti latte, così ho fatto, gli davo 10 ml di latte o un cucchiaino di yogurt ecc. adesso ha quasi un anno e da un paio di settimane beve e mangia tranquillamente alimenti contenenti latte. Senza più nessuna reazione allergica.

(BT) 24/10/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta