ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Che cosa fare in caso di ferite?

Le lesioni cutanee possono essere ferite conseguenti a traumi da caduta o da oggetti contundenti, ferite da taglio, ferite da punta, ferite da morso.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Come si interviene in un bambino che si ferisce cadendo? Quali disinfettanti preferire? Come fare la medicazione? E in quali evenienze è necessario l'antibiotico?

Cari genitori, cercheremo di sintetizzare un problema che presenta numerosi aspetti, in quanto le possibili lesioni possono variare da piccole e modeste ad importanti, tali da richiedere un immediato accesso al Pronto Soccorso.
Le lesioni cutanee possono essere ferite conseguenti a traumi da caduta o da oggetti contundenti e in questo gruppo possiamo distinguere ferite lacero-contuse (superficie arrossata, bordi della ferita irregolari), ferite da taglio (ad esempio schegge di vetro), ferite da punta (con foro di ingresso piccolo, tragitto anche profondo talora contenente un corpo estraneo come le ferite da punta di matita con ritenzione di frammento), ferite da morso oppure escoriazioni dovute a caduta su superfici abrasive.

Normalmente sussiste in tutti questi casi un sanguinamento più o meno importante in relazione alla lesione ed al coinvolgimento dei vasi o capillari o venosi o eventualmente di una arteria. In ogni caso è importante pulire la ferita con abbondante uso di acqua ossigenata che consente la rimozione di eventuali detriti e permette di ridurre la carica batterica locale e quindi il rischio di infezione.

Successivamente la ferita deve essere coperta con una garza, che va tenuta aderente alla cute con cerotto o con retina elastica. Se la lesione è modesta il trattamento domiciliare come descritto può essere sufficiente; nel caso in cui sia più importante o presenti un sanguinamento abbondante deve essere praticata una compressione della lesione con molti strati di garza ed occorre recarsi al Pronto Soccorso per un trattamento adeguato dove, se necessario, verrà prescritto anche una terapia antibiotica.

30/10/2002

29/5/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Che cosa fare in caso di ferite?"

La medicazione del moncone ombelicale nel neonato
Il distacco del cordone ombelicale avviene solitamente entro il 15° giorno dalla nascita. I consigli da seguire per la medicazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Le sono già comparse le smagliature sul seno
Il seno si è riempito di smagliature ancora rosse, posso fare qualcosa di più efficace? I consigli del dermatologo.
Pro e contro l'asilo nido
La scelta di mandare all'asilo nido bambini anche molto piccoli è un'esigenza "moderna". I consigli del Pediatra.
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La pelle del neonato
La pelle del neonato è soggetta ad arrossamenti ed irritazioni a causa dell'estrema fragilità cutanea e del contatto prolungato con fattori irritanti.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore