ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La laringite

La laringite è una malattia frequente causata da virus, determinata da una infiammazione della laringe e della parte alta della trachea. Può ripresentarsi fino ai 5-6 anni.

a cura di: Dott. Roberto Bussi (pediatra)

Come si cura la laringite e quali sono le sue possibili conseguenze.

La laringite è una malattia frequente causata da virus, determinata da una infiammazione della laringe e della parte alta della trachea. Colpisce per lo più bambini dai 6 mesi ai 3 anni, ma può ripresentarsi anche fino ai 5-6 anni; i maschi sono più colpiti delle femmine in un rapporto di 2 a 1. Le stagioni in cui ricorre più spesso sono la primavera e l’autunno. L’infiammazione della laringe è preceduta da una infiammazione delle vie aeree superiori spesso presente anche in altri membri della famiglia. L’esordio è per lo più notturno e si caratterizza soprattutto per uno stridore inspiratorio (urlo), tosse abbaiante e rientramenti al giugulo.

La febbre, se c’è, di solito non è elevata. Le condizioni generali normalmente sono buone. La situazione, che soprattutto la prima volta spaventa i genitori (oltre al bambino), migliora la mattina, salvo ripresentarsi la notte successiva. Il pianto e la paura peggiorano la respirazione. Molto spesso, la prima volta, c’è ricorso al Pronto Soccorso. La diagnosi è clinica e gli esami non aiutano. La diagnosi differenziale va fatta con l’epiglottite che, pur avendo stridore inspiratorio e tosse abbaiante, è caratterizzata da condizioni generali che rapidamente peggiorano, febbre per lo più elevata, difficoltà a deglutire. In questo caso l’origine è batterica (Haemophilus Influenzae) e la terapia va iniziata il più presto possibile.

La maggior parte dei casi non richiede ricovero e viene trattata a domicilio per l’evoluzione benigna della malattia. Trae giovamento soprattutto dalla umidificazione (vapori caldi ottenuti in bagno aprendo i rubinetti dell’acqua calda o in cucina facendo bollire l’acqua in una pentola; oppure vapori freddi con umidificatore). Discusso, ma comunque usato di frequente, è il cortisone per via topica (aerosol) o generale. Nei casi più importanti bisogna ricorrere all’adrenalina in ambiente ospedaliero.

15/6/2000

25/3/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La laringite"

Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Laringospasmo
Il laringospasmo è una patologia particolarmente frequente tra uno e tre anni, anche se può colpire altre età. Improvvisamente, in genere in piena notte.
La raucedine: voce rauca o afona
La raucedine con voce rauca o afona è segno di infiammazione della laringe e delle corde vocali.
Quale apparecchio per l'aerosol?
Gli apparecchi per aerosol (nebulizzatori) sono molto usati nella terapia dell'asma e nei pazienti affetti da infezioni delle vie respiratorie.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Soffre di tracheite e laringite
La tracheite è una infiammazione della trachea, con tosse abbaiante a suono di corno. La laringite dà difficoltà a respirare e voce afona.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica