ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Epistassi: il sangue dal naso

L'epistassi è un disturbo molto comune durante l'infanzia. Ecco cosa fare quando scende il sangue dal naso.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Mio figlio di 5 anni perde spesso il sangue dal naso. Come devo comportarmi quando questo accade? Esistono degli accorgimenti per prevenire il problema?

L'epistassi, cioè la fuoriuscita di sangue dal naso, è un disturbo molto comune durante l'infanzia. I vasi sanguigni che irrorano la mucosa nasale sono molto superficiali, quindi basta poco per provocarne la rottura. Ad esempio può causare sanguinamento una soffiata di naso piuttosto energica oppure il vizio tipicamente infantile di infilarsi le dita nel naso.

Fattori predisponenti sono d'inverno un'eccessiva secchezza della mucosa nasale e, in estate, una prolungata esposizione al sole che ha una azione vasodilatatoria (favorisce cioè l'afflusso di sangue). Tutti questi problemi sono inoltre accentuati nei pazienti che soffrono di rinite allergica.

Quando insorge l'epistassi vanno poste in atto alcune manovre utili:

  • Far sedere il bambino inclinandone la testa in avanti in modo da non fargli ingoiare il sangue.
  • Tenere a portata di mano una bacinella o un asciugamano per consentirgli di eliminare il sangue eventualmente presente in gola.
  • Cercare di eliminare i coaguli facendogli soffiare il naso.
  • Stringere la parte molle delle narici tra pollice e indice per almeno 10 minuti. Durante questo periodo il bambino deve respirare attraverso la bocca. Se la fuoriuscita di sangue non si arresta, introdurre nella narice un pezzo di garza imbevuto di gocce nasali vasocostrittrici comprimendo nuovamente le narici per altri 10 minuti; la garza va tenuta nelle narici per altri 10 minuti.

Ci sono invece alcune manovre, comunemente praticate, che sono inutili o dannose:

  • Far piegare la testa all'indietro: in questa posizione si rischia che il bambino deglutisca il sangue il quale, avendo un effetto irritante sullo stomaco, favorisce l'insorgenza di vomito.
  • Riempire le narici di cotone perché, al momento di rimuoverlo, porterà con sé la crosticina che si sarà nel frattempo formata.
  • Comprimere la parte ossea del setto poiché tale manovra non interrompe il sanguinamento.

Esistono infine alcuni accorgimenti per prevenire il disturbo:

  • Umidificare l'ambiente, soprattutto durante la notte, utilizzando un umidificatore.
  • Ridurre la secchezza della mucosa nasale instillando spesso durante il giorno soluzione salina sterile e applicando una piccola quantità di vaselina sulla parete centrale (setto) della parte interna del naso.
  • Evitare l'uso di aspirina e dei suoi derivati. Essi possono far aumentare la predisposizione dell'organismo a sanguinare con facilità e quindi possono protrarre in maniera significativa la durata dell'epistassi.
  • Evitare in estate l'esposizione eccessiva al caldo.

1/1/1997

22/3/2012

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

Mio figlio compirà tre anni a luglio. Soffre di epistassi da quando aveva circa 18 mesi. Non abbiamo dato particolare peso alla cosa perchè la pediatra ci ha detto che è molto frequente nei bambini ma adesso sta diventando un vero e proprio problema perchè gli succede praticamente tutti i giorni (soprattutto la notte ma anche all'asilo e durante il giorno) e comincio a preoccuparmi.

Tania (VT) 16/05/2011

ciao, posso dirti che io ho sofferto moltissimo da bambina di questo disturbo, fino ai 16 anni circa...mio figlio di 5 anni ha purtroppo lo stesso problema. Parla col tuo pediatra, il mio bimbo è stato cauterizzato chimicamente e per un anno il problema è stato risolto con grande sollievo per tutti. Si tratta di tamponare la venuzza nel naso con un cotton fioc imbevuto di un liquido cauterizzante, lo fa l'otorino in ambulatorio e dura un attimo. E' ripetibile se necessario, come nel nostro caso...se invece con la cauterizzazione non si risolve del tutto c'è sempre un piccolo intervento chirurgico, noi speriamo di evitarlo...Auguri!

DEBORAH (CO) 09/07/2012

Mio figlio ha tre anni e 4 mesi e soffre di epistassi da quando neaveva 15 mesi. Da quest' estate sanguina quasi tutti i giorni e spesso la mattina appena sveglio, oppure dopo un eccessiva attivita' fisica (e' molto attivo!) Qualcuno sa dirmi quando passera? [Lucia da Casarano-Le ] '

lucia giuri (LE) 10/09/2012

Salve anch'io ho tre figli ma solo mio figlio di 6 anni soffre di epistassi capita anche durante la notte che controlli devo fargli? io ho fatto le analisi del sangue e la pediatra ha detto che è tutto a posto e poi l'ho portato anche ad un otorino e mi ha detto di mettergli una pomatina quando gli capita non mi ricordo il nome . grazie maria (IS)

maria (IS) 01/10/2012

ciao vorrei sapere molto bene come si "guarisce"un epistassi. Prima,quando ero un pò più piccola all'incirca 5-6-7 anni soffrivo proprio di questo. A scuola ora mi esce sempre il sangue e mi dicono di tenere la testa alta e tenere premute le narici. Però io non sapevo come dirgli (alle maestre\i) allora mi stavo zitta se no si preoccupavano.ciao

isabella (PA) 23/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Lo sviluppo della vista nel neonato
Le tappe dello sviluppo della vista nel neonato e nel primo anno di vita.
Nausea e vomito in gravidanza
La nausea accompagnata da conati di vomito o, più raramente, da vomito vero e proprio, è spesso il primo segno della gravidanza.
Tarda a parlare e camminare
Ogni bimbo ha i suoi tempi per iniziare a parlare e camminare, ma esistono dei limiti entro i quali il bimbo deve aver raggiunto una discreta autonomia.
Convulsioni febbrili
Le convulsioni febbrili sono crisi convulsive che si manifestano mentre il bambino ha la febbre. A che cosa sono dovute e quanto c'è da preoccuparsi.
Cure per la miopia nei bambini
La terapia più indicata per curare la miopia nei bambini piccoli. I consigli dell'oculista.

Quiz della settimana

Che cosa è l'ambliopia?
Una particolare forma di zoppia
Il mancato o diminuito sviluppo della capacità visiva da uno o entrambi gli occhi
Una rara forma di strabismo che interessa alternativamente i due occhi
La difficoltà a vedere gli oggetti da lontano