ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Cardiopatie congenite e genetica

Genitori che hanno già avuto un bambino con cardiopatia congenita possano, più facilmente di altri avere un altro figlio con cardiopatia congenita.

a cura di: Prof. Giovanni Stellin (cardiochirurgo)

Sono la mamma di una bambina con una cardiopatia congenita; vorrei sapere, prima di prendere la decisione di avere un altro figlio, se la cardiopatia della mia bambina può aver avuto origini genetiche. Ci sono esami da poter fare? In quali strutture? A chi posso rivolgermi?

Le cardiopatie congenite incidono per circa lo 0.8% dei bambini nati vivi. Questo vuol dire che quasi un bambino su 100 nasce con una cardiopatia congenita più o meno grave. Alcune di queste sono state identificate come legate ad anomalie cromosomiche (per esempio la sindrome di Down).

Della maggior parte, tuttavia, non è ancora chiara l'origine, anche se è ovvio che queste siano l'espressione di una potenzialità legata al patrimonio genetico dei due genitori. Non vi sono particolari esami da fare, per quanto riguarda i genitori. E' fuori di dubbio che genitori che hanno già avuto un bambino con cardiopatia congenita possano, più facilmente di altri, avere un altro figlio con cardiopatia congenita. La loro percentuale tuttavia rimane bassa (attorno al 2-3%), a meno che uno dei due genitori non sia lui stesso portatore di cardiopatia congenita.

10/5/2000

4/11/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Cardiopatie congenite e genetica"

Una malattia al cuore non riconosciuta
Non hanno riconosciuto a mia figlia una rara malattia al cuore. Che spiegazioni ci sono per una mancata diagnosi? Risponde il pediatra.
Prematuri e malattie del cuore
E' vero che i bambini prematuri hanno elevate probabilità di soffrire di seri disturbi cardiovascolari in età adulta? Il parere della neonatologa.
Stenosi mitralica
La stenosi mitralica come cardiopatia congenita spesso spazia da forme di valvole "quasi normali" a forme più severe.
Cardiopatia congenita e crescita
Una cardiopatia congenita molto complessa può portare ad una scarsa crescita.
Sostituzione valvola polmonare
E' già stato sottoposto ad un intervento chirurgico per correggere la tetralogia di Fallot, ma la stenosi sottopolmonare è ancora presente.
Cardiopatia e sport
Quali tipi di sport può praticare un bambino che soffre di una lieve cardiopatia? Il parere del medico sportivo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La timidezza la rende antipatica
Per aiutare un bambino a superare la sua timidezza è importante fare sentire il bambino sempre amato ed accettato per quello che è.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Quale apparecchio per aerosol è meglio usare con il beclometasone?
Per alcuni farmaci, fra cui il beclometasone, è meglio usare apparecchi tradizionali e non ad ultrasuoni.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sintomi e cure della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.

Quiz della settimana

Parlando dei mucolitici, è corretto affermare che:
Calmano la tosse
Vanno somministrati insieme ai sedativi della tosse
Fluidificano il catarro
Fanno abbassare la febbre