ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il tempo dell'infanzia

bambini nell'arte e nella cultura

Un po' di letteratura

Il gioco nella letteratura. Una poesia di Gianni Rodari ed un brano tratto dai "Miserabili" di Victor Hugo.

a cura di: Dott.ssa Maria Antonietta Filipponio

"La mia analisi è un po' colta:

Sai che i giochi di una volta

Hanno, sì, qualcosa in più?

Indovini? La vocale U.

Ti par poco?

Per gioco si diceva giuoco."

(Gianni Rodari)

 

"Nel momento in cui Cosette uscì col secchio in mano, sebbene fosse tanto tetra e oppressa, non poté impedirsi di levare gli occhi su quella prodigiosa bambola, "la signora", come la chiamava lei. La povera bambina si fermò impietrita. Non aveva ancora visto la bambola da vicino. Tutta quella botteguccia le sembrava un palazzo; la bambola non era una bambola, era una visione. Erano la gioia, lo splendore, la ricchezza, la felicità che apparivano in una specie di sfavillio chimerico a quello sventurato esserino immerso tanto profondamente in una miseria funebre e fredda. Cosette misurava con la sagacia ingenua e triste dell'infanzia l'abisso che la separava da quella bambola. Diceva tra sé che era necessario essere regina o almeno principessa per possedere una "cosa" come quella. Considerava quel bell'abito rosa, quei bei capelli lisci e pensava: "Come deve essere felice quella bambola !". I suoi occhi non potevano staccarsi dalla fantastica botteguccia. Più guardava e restava abbagliata. Le sembrava di vedere il paradiso. C'erano altre bambole dietro quella grande che le sembravano fate e genii. Il venditore che andava e veniva in fondo alla baracca le faceva un po' l'effetto del Padreterno".

(da "I Miserabili" (1862) di Victor Hugo, Einaudi Tascabili, Torino, 1998, tomo I°, p. 364)

10/9/2009

10/9/2009

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Un po' di letteratura"

Vuole i giochi del fratello più piccolo
Se non ottiene i giochi del fratello piange ed urla. Comprare doppi giochi non risolve il problema.
Vuole socializzare con i bambini più grandi, ma quasi sempre la allontanano
I bambini più grandi l'allontanano e la picchiano quando gioca con loro. Come posso aiutarlo? I consigli della psicologa.
Gioca solo con gli adulti
Bisogna valutare quali siano i motivi che portano il bambino a giocare solo con gli adulti. I consigli della psicologa.
Non vuole che gli si tocchino i suoi giochi
Quando mio figlio è in compagnia di altri bambini, non vuole che gli tocchino i suoi giochi. E' una situazione ricorrente nei bambini.
L'igiene nel parto
Il tempo dell'infanzia. L'igiene nel parto attraverso l'arte e la cultura.
Filial Therapy
Secondo il modello terapeutico della Filial Therapy, il gioco è inteso come strumento di terapia, che permette di migliorare il rapporto genitori-figli.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte