ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Consigli per l'alimentazione in gravidanza

La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione. Nutrirsi in modo appropriato e sano può apparire molto difficile, in realtà bastano pochi accorgimenti.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Nutrirsi in modo appropriato, sano ed ecologico può apparire molto difficile; in realtà bastano pochi accorgimenti per utilizzare cibi ed alimenti più corretti:

  • acquistare cibi di stagione, prodotti locali, evitare frutti esotici e prodotti (olio, vino, legumi secchi, cereali in grani, aglio e cipolle) acquistati direttamente dai produttori
  • evitare affettati, formaggi, verdure preconfezionati
  • preferire confezioni in vetro anziché in plastica, prodotti surgelati e quelli inscatolati
  • controllare l’etichetta con i dati che caratterizzano il prodotto e la data di scadenza
  • non conservare per parecchi giorni i prodotti deperibili (latte, insalata, frutta, carne, pesce) e per periodo lunghi pasta, caffè, biscotti.

Anche in cucina durante la preparazione dei cibi possono essere messi in pratica degli accorgimenti che mantengono il più possibile intatti i valori nutritivi degli alimenti:

  • Carne: evitare metodi di cottura a temperature (rosolatura, grigliatura) molto alte perché denaturano le proteine e distruggono  le vitamine; meglio il lesso, lo stufato, il brasato. Il brodo di cottura, contenendo le sostanze nutritive rilasciate dai prodotti animale e dalle verdure, può essere un ottimo integratore. La carne va scongelata lentamente nel frigorifero.
  • Pesce, molluschi, crostacei: possono essere cotti anche arrosto o alla griglia e non andrebbero mangiati crudi.
  • Latte: non va bollito perché già pastorizzato per non perdere la carica vitaminica.
  • Uova: vanno cotte sempre molto bene.
  • Legumi: vanno lasciati in ammollo in acqua fredda per 12 – 24 h cambiando l’acqua 2-3 volte per eliminare le sostanze nocive che possono ridurre l’assimilazione delle proteine e di alcuni sali minerali. L’ammollo riduce molto i tempi di cottura ed aumenta la concentrazione di vit C e B2.
  • Pasta: va cotta al dente.
  • Grassi: preferire olio di oliva, meglio se extravergine, riducendo il più possibile grassi animali (burro, lardo).
  • Verdure: è bene cuocerle poco per non ridurre il contenuto di vitamine, sali minerali e alterare le proteine, preferibilmente con cottura a vapore.

I pasti

Poiché la notte è il periodo più lungo che intercorre fra 2 pasti, la colazione dovrebbe essere il pasto più abbondante e contenere tutti gli elementi nutritivi essenziali (carboidrati, proteine e grassi).
Il pasto va consumato con calma, la cena deve essere leggera, poiché la sera o di notte il nostro corpo consuma molto meno che durante il giorno; sarebbe meglio riservare la frutta agli spuntini fuori pasto.
E’ importante fare attenzione a come si abbinano i cibi durante uno stesso pasto: non vanno abbinati legumi con carne e pesce (eccesso di proteine), i piatti unici sono una soluzione molto corretta: cereali e legumi (pasta e fagioli), cereali e carne (pasta al ragù), cereali e pesce (zuppa di pesce),  legumi e verdure (minestrone). La pizza può essere un’ottima alternativa al piatto unico. Per la colazione sono ottimi gli abbinamenti di cereali e frutta, fresca o secca (muesli), o latte e cereali.

10/12/2009

5/10/2017

I commenti dei lettori

Ma leggendo si capisce che i cibi biologici vanno evitati? E' cosi'?

ilaria (PD) 05/01/2011

Anch'io ho capito così ma credo sia un'errore. Qualquno può chiarire, grazie.

Micaela (VR) 04/04/2011

io vorrei sapere come comportarmi se si deve mangiare fuori casa, es. al self service! grazie

Laura (LC) 13/04/2011

buongiorno mi chiamo laura, ho messo su cinque chili e sono gravida di 15+4 settimane, la mia domanda è esiste una dieta specifica da seguire in gravidanza?

laura (TS) 11/01/2012

si possono mangiare i bastoncini pi pesce al forno in gravidanza ... :)

domy (BO) 04/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Consigli per l'alimentazione in gravidanza"

La prima pappa
Gli esperti di Pediatria On Line consigliano la prima pappa nello svezzamento dei neonati verso i 5-6 mesi.
Uovo crudo nello svezzamento e salmonella
A quale età introdurre l'uovo crudo nello svezzamento di un neonato e come evitare il rischio di salmonella.
Non mangia più carne
Da circa due settimane non mangia più la carne. I consigli del Pediatra.
Alimentazione dopo l'anno
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Disturbi intestinali
Ha scariche di diarrea tre-quattro volte al giorno da parecchi mesi.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore