ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Reagisce ai rimproveri picchiandosi

Le manifestazioni di sfide sono molto comuni verso la fine del secondo anno. I capricci sono una prima forma di autoaffermazione. I consigli dello psicologo per superare queste difficoltà.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Il mio bambino di 2 anni e 8 mesi da qualche tempo ai divieti o ai rimproveri reagisce dandosi manate talvolta pure forti in testa o pizzicandosi le guance. Vorrei precisare che noi non siamo abituati a schiaffeggiarlo nè in viso nè in testa, anche se ogni tanto vola qualche sculacciata per punire i suoi comportamenti esageratamente capricciosi. So che la fase dei due anni è molto complessa e nostro figlio ha già di suo un carattere molto determinato: si innervosisce per esempio molto facilmente se un gioco non riesce per come lui vorrebbe, non beve se la borraccia non è completamente piena e si impunta per sciocchezze che ci lasciano spiazzati. Vi prego cortesemente di darci un consiglio su come comportarci dinanzi a queste botte in testa che ci causano molto dispiacere. Ho provato a reagire con l'indifferenza con il risultato di acuire ancora di più la crisi fino a renderlo quasi ingestibile. Ho provato appunto con la sculacciata che riesce a farlo desistere al momento ma successivamente questo comportamento si ripete.

E’ fondamentale che un genitore intelligente rompa con il sistema tradizionale delle regole, ed impari invece a considerare ogni situazione alla luce di una più generale comprensione dell’istinto naturale del bambino e delle leggi dello sviluppo.

Quello che aiuta moltissimo, in ogni caso, è la capacità di inserirsi nel mondo infantile con una meditata partecipazione, la convinzione generale che i problemi di nostro figlio sono dovuti alla crescita, ed un interesse paziente ed amichevole per tutto ciò che riguarda il suo sviluppo.

Naturalmente, non è da discutere il fatto che il bambino deve essere indotto ad obbedire, limitatamente a certe cose e a certi scopi. Farsi obbedire, quando sia necessario, fa parte della responsabilità naturale insita nell’essere genitore. Ma l’obbedienza non deve diventare fine a se stessa. E’ un mezzo per ottenere un’educazione soddisfacente. Tutto il problema si riduce a che cosa dobbiamo pretendere dal bambino.

I bambini hanno bisogno di essere liberi e di poter scegliere. Come anche di obbedire, se devono crescere indipendenti e responsabili. Essi imparano ad esercitare la responsabilità con averla, proprio come impariamo a camminare e a nuotare provandoci, come impariamo a ballare ballando.

Non si può imparare ad essere responsabili mediante la forza dei nostri desideri, ma solo attraverso i loro sforzi, corretti dalla nostra esperienza. Se il bambino manifesta un atteggiamento aperto di sfida, di rabbia, e si mette a fare i capricci, non c’è nessun bisogno di sgridarlo.

E’ inutile scuoterlo, e dirgli: <smettila di strillare>, ed è molto meglio aspettare pazientemente, finché non smette di strillare o di darsi manate sulla testa. Ciò non vuol dire reagire con indifferenza. La cosa importante è quella di assicurarsi che il bambino non ottenga niente con i suoi capricci.

Queste manifestazioni di sfide sono molto comuni verso la fine del secondo anno. I capricci sono una prima forma di autoaffermazione, che viene abbandonata non appena il bambino raggiunge un grado più elevato di capacità e di socialità.

I bambini, provano sempre ad attirare la nostra attenzione con i capricci, ma un’atmosfera di calma, di pazienza e di solido affetto li aiuta a desistere.

 

18/1/2011

29/12/2015

I commenti dei lettori

Ciao! Ora mio figlio ha 3 anni e mezzo ed è passato questo Brutto ricordo ma anche lui aveVa questo istinto di darsi pugNi in testa, dopo mesi e mesi
A cercare una soluzione un gioRno istintivamente gli ho detto Con strana calma e sorriso "se Sei arrabbiato batti le mani Nn la testa"... Sai ke dal giorNo faceva proprio così? Poi ora È tutto passato, magari ti puo' Essere d'aiuto! Ciao Alessia

alessia (CA) 12/04/2011

Salve a tutti sono la mamma di Edoardo 31 mesi, anche stasera prima di andare a letto mi continuava a picchiare. Io lo blocco e appena mollo lui lo rifa' ! Poi lo rimprovero con molta calma dicendo che mi fa male e lui disperato chiama babbo il quale accorre e gli spiega che non si danno le botte... Edoardo appena puo mi ricolpisce. a quel punto parte lo sculaccione (da parte mia. Ora dorme ed io mi sento In colpa. Credo proprio di non essere una brava mamma. Edoardo non parla tanto ma capisce tutto. Io ho una figlia stupenda di 15 anni che non mi aveva mai dato problemi nemmeno ad oggi. Sono disperata. Lui distrugge tutti i giocattoli scrive sui muri, è bellissimo ma una peste cosi giuro che non ne ho visti

Morena (FI) 24/04/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Reagisce ai rimproveri picchiandosi"

Fa continuamente i capricci
Fa continuamente i capricci a casa, ma all'asilo è un angelo! E' fondamentale assumere un atteggiamento sereno.
Aggressività nel bambino piccolo
A dieci mesi non esiste aggressività: sono "prove tecniche" di relazioni con gli altri, basta guidarle nel modo giusto.
Aggressività
Gli impulsi di aggressività nel bambino di 3-4 anni (episodi violenti) sono molto frequenti.
Alla scuola materna è capriccioso e prepotente
Frequenta la scuola materna e l'insegnante si lamenta che è capriccioso un po' prepotente e che spesso non ascolta.
I capricci dei bambini
Perché un bambino fa i capricci? Consigli per evitare che un bambino capriccioso cresca viziato.
Bambina timida e capricciosa
Mia figlia di due anni è estremamente timida con gli altri e con me, invece, continua a fare i capricci. Non so proprio più cosa fare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Brufolo sulla palpebra. Può essere un calazio?
Gli è comparso un brufolo sulla palpebra in concomitanza alla crescita dei canini. La piccola neoformazione potrebbe essere un banale calazio.
Dà il latte adattato: fermatelo!
Ribadiamo la assoluta e indiscutibile superiorità dell'allattamento al seno sul biberon.
La preeclampsia
La preeclampsia è una malattia della gravidanza. Le forme più lievi scompaiono dopo il parto.
Come prepararla psicologicamente ad un intervento chirurgico?
I genitori devono favorire nel bambino il contenimento di angosce, paure e dolore fisico e ciò per consentire che egli si possa riappropriare del proprio corpo.
Hanno riscontrato un difetto del setto interatriale
Il difetto del setto atriale è una della cardiopatie congenite più frequenti. L'intervento viene eseguito, in assenza di sintomi, entro i 2 - 3 anni di età.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K