ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Sport e allattamento

Praticare attività fisica non competitiva, avendo escluso preventivamente, l’eventuale presenza di controindicazioni cliniche o fa parte di uno stile di vita salutare.

a cura di: Dott. Gaetano Iachelli (medico sportivo)

Ho un bimbo di due mesi e ora vorrei ricominciare a fare un  po' di sport per tornare in forma. Posso correre anche se allatto?

Praticare attività fisica non competitiva, in maniera moderata e costante e avendo escluso preventivamente, con un’attenta visita medico sportiva, l’eventuale presenza di controindicazioni cliniche evidenti o anche misconosciute, fa parte di uno stile di vita salutare che sostiene tutte le funzioni del nostro organismo in ogni circostanza della nostra vita e quindi anche durante l’allattamento.

Inoltre è possibile, grazie un’adatta prescrizione dell’esercizio, ottenere specifici risultati di salute non solo in senso preventivo ma anche terapeutico, in riferimento a conseguenze naturali del parto quali inestetismi, sovrappeso, irregolarità dell’umore, ritenzione idrica, irregolarità fame/sazietà, irregolarità sonno, dismetabolismi.

Contrariamente a quanto spesso paventato, nelle donne in allattamento che praticano attività fisica, oltre ad ottenere gli innegabili effetti benefici (cardiovascolari, circolatori, respiratori, metabolici, neurologici), è stato ampiamente dimostrato che rimangono inalterate le qualità del latte (esiste addirittura uno studio – University of North Carolina – che evidenzia un maggiore contenuto di grassi polinsaturi nel latte materno che rendono più benefico l’alimento).

L’eccesso di attività fisica o la pratica competitiva della stessa, invece, può costituire un rischio sia in riferimento al sistema immunitario della mamma, con deficit transitori e possibili affezioni, sia a causa dell’ acidificazione del latte che comporta  però solo alterazione del gusto e non della qualità.

In generale quindi, per chi gode di una condizione di buona salute, il consiglio del medico dello sport è di muoversi con regolarità e moderazione,  con attività aerobiche per circa 30 min. per tre volte a settimana, aggiungendo 1-2 volte esercizi di muscolazione, senza strafare soprattutto a carico degli addominali evitando di sollecitare eccessivamente il perineo finchè lo stesso non riacquisti pienamente la sua capacità contrattile.

Per chi è affetta da qualche problema di salute, il movimento, grazie ad una specifica prescrizione, può costituire una valido presidio naturale di cura e ripresa, mantenendo inalterato il latte materno e quindi la salute del neonato.

20/9/2011

18/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sport e allattamento"

Come curare una scoliosi
Le hanno diagnosticato una scoliosi inferiore ai 20 gradi. Si può praticare uno sport per migliorare questa situazione?
Sport nei bambini e microtraumi
I microtraumicausano uno squilibrio motorio che si traduce in input sensoriali anomali. E' necessario sempre un percorso di riabilitazione.
Ginnastica artistica e sviluppo fisico
L'attività motoria nelle sue varie specialità (come la ginnastica artistica in età pre-puberale) deve essere praticata nel rigoroso rispetto dei tempi.
Storia dell'allattamento
La storia dell'allattamento dai secoli passati ai giorni nostri. Iniziamo il percorso storico ricordando Sorano di Efeso e le sue teorie.
Quale latte vaccino nello svezzamento?
Passando dal latte di proseguimento al latte vaccino, quale tipo è consigliato nello svezzamento? I consigli del Pediatra.
Quanti pasti deve fare un neonato?
Il numero dei pasti di un neonato è relativamente poco importante, purché la quantità di latte ingerito nella giornata sia normale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte