ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Una camera in comune per due fratelli

Se non si ha possibilità di spazio, i bambini possono vivere nella stessa stanza: ciò non influenzerà il loro sviluppo emotivo. La condivisione sarà per loro un'esperienza positiva.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

A ognuno la propria cameretta? Ho un bambino di 22 mesi che dorme come un ghiro sia di notte che nel primo pomeriggio. In previsione di un secondo figlio mi domando se, spazio permettendo, sia opportuno che ognuno abbia la propria cameretta o se invece possono stare insieme. Ciò sia dal punto di vista pratico che da quello del loro sviluppo emotivo. Sapete darmi un consiglio?

In ogni famiglia ci sono naturalmente dei limiti fisici e di spazio, però occorre tenere presente che il bambino ha bisogno di spazio per correre, per arrampicarsi, per tenersi in equilibrio e per i giochi creativi. È una vera necessità per la crescita del bambino, e non dobbiamo rendere la casa come un luogo di eleganza ma di accoglienza; sarà meglio sacrificare il nostro spazio a disposizione, piuttosto che il loro. I bambini provano piacere nel fare le cose da soli, hanno bisogno di tavoli, di sedie, di armadi, di giocattoli.

Avendone la possibilità, dovremmo dare ai bambini una stanza tutta per loro. Quindi vale la pena di rinunciare alla sala da pranzo e destinare l'ambiente ai bambini.
Ad ogni modo, se non si ha la possibilità di spazio, i bambini possono vivere nella stessa stanza: ciò non influenzerà il loro sviluppo emotivo se i genitori, con i loro comportamenti impliciti, non incideranno nel creare differenze tra di loro. La condivisione sarà per loro un'esperienza positiva, perché avranno in comune i propri interessi, attraverso anche l'esplorazione e la ricerca di nuove emozioni.

27/11/2002

10/5/2016

I commenti dei lettori

Io ho due sorelle e fino ai 18 anni abbiamo dormito nella stessa stanza;nessuna di noi tre ha avuto problemi.Non trovo neanche giusto dovergliela fare a tutti i costi rinunciando a spazi di tutti

Elena Vb 11/11/2012

Io ho condiviso la stanza con mia sorella fino a quando si è sposata. In camera mia mamma non ci lasciava giocare e non mi ci sentivo a mio agio nemmeno a studiare. Essendo la minore quando ero piccola mi sentivo più sicura sapendo che c'era anche mia sorella. Da adolescente, dopo che si è sposata lei, e prima di sposarmi a mia volta, ho trovato assolutamente più intimo e confortante avere la camera tutta per me!!

Leti (BS) 20/01/2013

Io ho due gemelli di 4 anni e mezzo, un maschio e una femmina, pultroppo non c'è possibilità di avere una stanza in più, ora loro dormono nella stessa e nemmeno volendo si potrebbero dividere perchè sono abituati e da soli non starebbero, io sono cresciuta dormendo con mia sorella e non ho avuto problemi, l'unico mio dubbio è la differenza di sesso però se non si può fare altrimenti spero che lo capiranno anche loro.

Paola (TO) 24/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Una camera in comune per due fratelli"

Il fratellino e la gelosia
È piuttosto comune che un bambino reagisca con gelosia alla nascita di un fratellino con atteggiamenti più o meno aggressivi.
Figlio unico?
Meglio figlio unico? Vantaggi e svantaggi del dargli un fratellino. I consigli della psicologa.
E' geloso di sua sorella
Da quando è nata la sorellina ha assunto un atteggiamento violento. Mentre quando non c'è la sorella lui è un angelo.
Gelosia per il fratellino
Come affrontare la gelosia dell'arrivo del fratellino in modo positivo. E' necessario del tempo perchè la bimba si adatti alla nuova situazione.
Litigi tra fratelli
Che cosa fare quando ci sono litigi tra fratelli? I genitori devono intervenite durante i litigi? I consigli dello psicologo.
Adottare una bambina dalla nascita
Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita. I consigli di come dirle che stiamo aspettando un secondo bambino.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare