ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Gelosia per il fratellino

Idee e suggerimenti da utilizzare per affrontare la gelosia dell'arrivo del fratellino in modo positivo e per sostenere ciascun figlio nel modo più appropriato.

a cura di: Dott.ssa Maria Rita Esposito (psicopedagogista)

Ho una bimba di tre anni e mezzo, va all’asilo, è sempre stata molto brava. Da quattro  mesi è nato un fratellino, non è gelosa per ora, lo riempie di baci... ma è diventata molto agitata e non fa mai quello che le si dice, quasi di principio, dice sempre no, e anche a scuola le maestre mi han detto che è diventata più birichina. Può essere di reazione al fatto che si ha meno tempo per lei? Cosa devo fare?

Cara mamma, la nascita di un fratellino in famiglia si caratterizza per tutti, compresi i genitori, per un periodo di riadattamento di abitudini e organizzazioni quotidiane. Non sempre l’emozione legata a questo riequilibrio è la gelosia, ma certamente occorre del tempo e dello spazio affinché la famiglia tutta e la sua primogenita di tre anni e mezzo si adattino al cambiamento. Molto spesso l’osservazione dei comportamenti registra proprio quello che lei, mamma, dice nella sua lettera.

Un continuo no per dire, in altri termini, “io ci sono”: è una delle modalità classiche per attirare l’attenzione su di sé. E ciò deriva dal fatto che, nei primissimi mesi di vita, i neonati hanno bisogno di svariate attenzioni e di accadimenti  che assorbono tempi lunghi ai genitori, che, loro malgrado, non sempre riescono a dedicare la qualità della loro relazione all’altro figlio, e per stanchezza, e per i ritmi imposti da quelli del piccolo nato. Occorre solo un po’ di tempo e vedrà che la sua bimba tornerà quella di prima.

Un consiglio: osservi cosa accade subito prima che la bambina manifesti il suo comportamento “birichino”, ne faccia un vero diario: potrà così registrare cosa la rende maggiormente agitata, perché quasi certamente scoprirà che la causa è sempre la stessa. Le porto un esempio per rendere chiara l’importanza del diario.

  • Episodio A): Mamma dice “Metti a posto il bicchiere dopo aver bevuto!”. La piccola comincia ad agitarsi.
  • Episodio B) La nonna dice alla bimba “Non alzare il volume dei cartoni in TV! Non vedi che il fratellino dorme?”. La piccola fa ancor più la monella.

In questi due episodi nota che l’antecedente motivazionale al comportamento “agitato” (uso un suo termine) è una regola data, ma vissuta dalla piccola come regola imposta. E’ qui che la mamma, la nonna devono risalire al prima della nascita del piccolo.

Magari ricordando che prima in casa queste regole non era necessario darle, perché A) il bicchiere lo metteva a posto la mamma; B) la TV poteva essere ascoltata anche a volume  più alto di adesso. Sono esempi ma rendono l’idea della sensibilità dei nostri figli verso la novità.

15/9/2010

12/10/2015

I commenti dei lettori

gentilmente ho un nipotino che quando sta dai nonni che hanno animali e gli consentono di gioocare con gli stessi cane, coniglio, lui fà di tutto per intrappolarli e dargli con un bastone o con le mani, i nonni lo lasciano fare così si tiene occupato, ha 5 anni cosa vuol dire un comportamento del genere? io ho un bambino di 2 abnni e lo tengo lontano da questi comportamenti e gli dico che non bisogna perchè ho paura che impari a fare la stessa cosa grazie e buona giornata Genni

gennilisa (VI) 26/05/2011

salve sono stefano ho un figlio di quasi due anni e anche lui ha già cominciato la fase del no ed è un periodo snervante. quello che mi preoccupa di più è che continua a cambiare idee da un secondo all'altro sembra incontrollabile e poi dice sempre che ha paura e vuole sempre stare in braccio. mi piacerebbe capire da cosa e' dato questo comportamento

stefano (MN) 15/02/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gelosia per il fratellino"

Il fratellino e la gelosia
È piuttosto comune che un bambino reagisca con gelosia alla nascita di un fratellino con atteggiamenti più o meno aggressivi.
Gelosia del fratellino
La gelosia per il fratellino è un sentimento normale. I consigli di come gestirla perché non diventi un problema fra di loro.
E' geloso di sua sorella
Da quando è nata la sorellina ha assunto un atteggiamento violento. Mentre quando non c'è la sorella lui è un angelo.
Una camera in comune per due fratelli
Se non si ha possibilità di spazio, i bambini possono vivere nella stessa stanza: ciò non influenzerà il loro sviluppo emotivo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Non racconta nulla di quello che succede a scuola
Quando le chiedo cosa ha fatto a scuola mi risponde che non sa, non si ricorda. E non ci racconta nulla. I consigli della psicologa.
Torcicollo congenito
Il torcicollo congenito è una deformità presente alla nascita. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta