ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Si scarica con muco nelle feci

Ha scariche di diarrea che spesso sono accompagnate dal muco. E' importante valutare se queste scariche provocano un rallentamento della crescita.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Mio figlio ha circa due anni e, da quasi cinque mesi, ha scariche di diarrea che spesso sono accompagnate dal muco. Abbiamo eseguito degli esami delle feci che non hanno riscontrato alcuna infezione ma, anche seguendo una dieta stretta in bianco accompagnata da diversi fermenti lattici, non ci sono stati miglioramenti. Abbiamo anche abolito il latte dandogli un latte in polvere senza lattosio ma senza risultato. Sembra che il bambino continui a crescere, anche se però non aumenta di peso. Dopo avergli dato un medicinale addensante le feci sono risultate solide, ma hanno assunto una colorazione verde e un aspetto comunque molto innaturale. Dopo aver smesso con l'addensante la diarrea è subito ricomparsa. La frequenza è di circa 3/4 volte al giorno. Questi sono gli unici sintomi che ha il bambino e non ha altri tipi di manifestazioni. Ho letto anche che esistono delle diarree chiamate aspecifiche. Può essere questo il mio caso?

La diarrea, ossia l'aumento della frequenza delle scariche, che si presentano di consistenza nettamente ridotta, è un evento molto frequente in età pediatrica. Può trattarsi di forme acute, che si risolvono cioè nel giro di una o due settimane (ad esempio, le infezioni intestinali o parenterali od anche le intolleranze alimentari), oppure si tratta di forme croniche, che durano cioè più di due settimane (ad esempio, la celiachia, la fibrosi cistica od anche l'allergia alle proteine del latte vaccino). Le scariche in corso di diarrea, a seconda delle cause, hanno diverse connotazioni: si presentano molli o francamente liquide, a volte con presenza di sangue, a volte con presenza di muco o muco e sangue, altre con tracce di grassi o di residui alimentari poco digeriti. In effetti, la presenza di muco in abbondanza esprime, generalmente, un interessamento anche del colon, cioè una enterocolite.

Da un punto di vista pratico è, invece, importante distinguere le forme di diarrea che influenzano negativamente la crescita del bambino da quelle che invece non compromettono la crescita staturo-ponderale. Nel suo caso, non si capisce bene se vi è un rallentamento della crescita, perché l'affermazione che "sembra che il bambino continui a crescere anche se non aumenta di peso" non spiega bene la situazione esistente.
Ad ogni modo, le forme che si accompagnano a rallentamento della crescita richiedono approfonditi accertamenti per una corretta identificazione ed un'efficace trattamento. Viceversa, esistono condizioni di diarrea ricorrente, variamente denominate come diarrea cronica aspecifica, diarrea del divezzo o intestino irritabile che non incidono sulla crescita del bambino, che non richiedono trattamenti specifici e che scompaiono nel corso di alcuni anni.

25/1/2002

7/3/2014

I commenti dei lettori

Salve, mio figlio ha 14 mesi, da circa 6 giorni presenta muco nelle feci con evacuazioni frequenti(3/4 volte ql giorno) molli(mai liquide) accompagnate da cattivo odore e da emissione di gas. da subito abbiamo iniziato a somministrare fermenti lattici e dieta in bianco ma il problema persiste e aumenta con l'introduzione di latte(utilizzo ancora latte nipiol 3 da 1 a 3 anni) e non con yogurt e parmiggiano. nei primi giorni dietro consiglio del pediatra abbiamo effettuato esame delle feci e coprocultura con esito negativo. Mio figlio però continua ad avere questa scariche soprattutto dopo mangiato, piene di muchi senza avere alcun altro sintomo, nè febbre, nè tosse, nè raffreddore nè nausea, c'è chi dice che sia intolleranza al lattosio o celiachia, chi dice invece enterocolite che passerà da sola e chi dice i dneti canini che devono spuntare ma io ho letto qualcosa su internet in merito ai motivi della mucorrea e mi sono un pò spaventata, nel frattempo i due pediatri di riferimento mi dicono di aspettare e nel caso fare solo accertamenti per intolleranze alimentari. che devo fare? sono molto preoccupata.

vale (NA) 13/09/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si scarica con muco nelle feci"

Naso chiuso
Un organo molto importante: ci permette di ricevere ossigeno e funge da filtro naturale per l'organismo.
A cosa servono i mucolitici
I mucolitici agiscono con meccanismi diversi a secondo della molecola da cui sono composti.
La colite
La colite è una malattia che fortunatamente, almeno nella maggior parte dei casi, si limita ad essere blanda e poco invasiva.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Complesso di Edipo: è morbosamente attaccata al suo papà
Il complesso di Edipo nasce con Freud e identifica il desiderio sessuale nei confronti del genitore di sesso opposto.
Contraccezione durante l'allattamento
La contraccezione durante l'allattamento è necessaria se si desidera evitare una nuova gravidanza a pochi mesi dal parto.
Scoliosi nei bambini: quali esercizi consiglia il fisiatra
Gli esercizi consigliati dal fisiatra per la scoliosi nei bambini.
Cheratosi pilare
La cheratosi pilare è caratterizzata dalla presenza di piccole papule cheratosiche, di colore ora bianco-grigiastro ora rossastro.
Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.

Quiz della settimana

Al vostro bambino di 14 mesi compaiono spesso chiazze rosse sul mento ed agli angoli della bocca ogniqualvolta mangia alimenti contenenti il pomodoro (minestrine, sughi della pastasciutta ecc.), che poi spariscono rapidamente e spontaneamente. Qual è l'ipotesi diagnostica più probabile?
Un'allergia
Una dermatite da contatto
Un'intolleranza
Un'orticaria