ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Disturbo del linguaggio nei bambini

Il disturbo del linguaggio rappresenta una condizione frequente in età prescolare. Generalmente si considera la soglia 36 mesi un'età "limite" tra una variazione normale e un disturbo specifico.

a cura di: Dott. Biagio Di Liberto (psicologoterapeuta - direttore di cild – centro italiano logoterapia dinamica - www.cild.it)

Sono una mamma di un dolcissimo bimbo di 21 mesi. La mia piccola preoccupazione riguarda il linguaggio perché ho letto in diversi occasioni che è considerato un "segnale di rischio" quando a 18 mesi il bimbo dice meno di 20 parole e a 24 mesi meno di 50. Il mio, dice solo "no", "ya" (sì) e "gnogna" (nonna). Da mamma posso dire che mio figlio dimostra, in più di un'occasione, di essere un gran pigrone e penso che anche il linguaggio non faccia eccezione (anche se noto che capisce tutto). Mi piacerebbe però avere un suo parere al riguardo.

Gentile signora, sentirla definire dolcissimo il suo bambino mi spinge ad affrontare l'argomento in oggetto con tranquillità. Il linguaggio è una funzione molto complessa, estremamente vulnerabile, specialmente in età evolutiva. Le abilità linguistiche, soprattutto nelle prime fasi di sviluppo hanno importanti significati e investono diverse aree dello sviluppo del bambino. È di una complessità estrema la strutturazione di quelle tappe fisiologiche che inaugurano il linguaggio. Il ritardo nell'acquisizione del linguaggio può costituire per il bambino un grave problema di sviluppo, specie se non è identificato in tempo, con un'incidenza in età prescolare che può variare secondo le statistiche tra il 4% e il 15%. Da un punto di vista strettamente epidemiologico la percentuale di bambini con ritardo di linguaggio in età prescolare non si mantiene costante, ma tende a ridursi con l'aumentare dell'età.

Considerare un segnale di rischio il fatto che un bambino a 18 mesi il bimbo dice meno di 20 parole e a 24 mesi meno di 50 è una preoccupazione forse eccessiva, che non conferma la presenza di disarmonie nella maturazione generale. Secondo gli studiosi sembra che la soglia 36 mesi debba essere considerata uno spartiacque particolare nei processi di acquisizione linguistica, una età "limite" tra una variazione normale (o un ritardo transitorio) e un disturbo specifico del linguaggio. Nei piccoli con evoluzione positiva e favorevole infatti risultano, entro questa età, acquisite le regole della grammatica di base, anche se il processo non può considerarsi del tutto concluso.

Ricordo di un bimbo (età 28-30 mesi) che, pur in presenza di un ritardo del linguaggio espressivo, possedeva un livello globale positivo e adeguato sia cognitivo che socio-affettivo. Terapeuticamente ritengo un criterio equilibrato considerare che nei bambini in cui a 30 mesi (circa) non si è ancora verificata la cosiddetta "esplosione del vocabolario" ed il parallelo decollo della combinazione di due parole, ma la comprensione è normale, può essere giustificato mantenere un atteggiamento vigile di attesa senza necessariamente attivare iniziative terapeutiche dirette.

La presenza invece di un deficit di comprensione costituisce una precisa indicazione per una presa in carico diretta del bambino già a partire da un'età precoce. Consideri sempre il lato "psicologico" e motivazionale della comunicazione che può istaurare con il suo bambino, attendendo e valorizzando il potenziale evolutivo sempre evocabile. Offra il tempo e le esperienze quotidiane quale strumento dinamico del processo di crescita.

15/1/2003

26/6/2015

I commenti dei lettori

Mio figlio ha 4 anni e a marzo 2o11 ne farà 5. Nonostante parli a volte adotta un linguaggio poco chiaro in frasi lunghe e riesce a pronunciare solo frasi piccole.Vorrei sapere un suo parere ...grazie in anticipo

Loredana (SR) 21/01/2011

Buona sera, sono il papà di una bambina stupenda purtroppo alla nascita di questo angioletto è stata diagnosticata una malattia rara chiamata "galattosemia", questa patolagia oltre a tanti problemi se non curata con una dieta appropriata comporta anche la disprassia verbale, da settembre frequenta il primo anno di asilo e abbiamo notato che la bimba a volte nel parlare rimane incagliata alle parole cosa che durante il periodo estivo, natalizio non avveniva, sarà un condizionamento degli amici di scuola? grazie mille.

vincenzo (LT) 22/01/2011

Sono un genitore di un bimbo di circa 36 mesi che appunto stamattina in una visita foniatrica ha avuto la preoccupante notizia di un ritardo nel linguaggio di suo figlio con conseguente prescrizione di terapie logopediche. Sono pertanto contento di leggere qust'articolo che in parte mi rassicura, in quanto mio figlio é un bimbo molto vivace, capisce tutto a volo e sente benissimo, allegro, in buona sostanza normalissimo, tranne che per questo ritardo nel parlare nel quale dice solo mamma, papà, nò, sillaba le prime lettere di quasi tutto ma comunque dice meno di 20 parole. Vi sarei molto grato se mi poteste dare un Vs. parere.

Giuseppe (NA) 24/02/2011

ho un bambino di 30 mesi e non parla ad un anno diceva mamma papa'nonna e dida ora niente...capisce tutto se gli facciamo vedere un libro sA RICONOSCERE ANCHE I COLORI...SONO PREOCCUPATA

(CA) 17/06/2011

ho un bambino di 24 mesi ancora non parla ma capisce tutto,dice solo mamma,a,e e sempre a quando vuole dire qualcosa. sono preoccupata che non parlerà mai.

Rosy (TP) 29/11/2011

ho una bellissima nipotina di di quasi 28 mesi che capise tutto sente ma pronuncia poche parole : mamma,papa' tata'(nonna) coniata da sola , aa =acqua bubu' si fa capire in tutto ma altro non pronuncia ha una mimica facciale e gesticolare grandissime e per ogni occasione . Crede che c'è da preoccuparci dato che non ha sviluppato un vero e proprio linguaggio? siano un po' preoccupati grazie mille per la risposta .

 

antonella (NA) 31/01/2012

ho una nipotina di 19 mesi e sono preoccupata perche dice solo alcune parole come mamma papa' nonna ma è' molto inteligente capisce tutto al volo e gesticola taniissimo ma si fa capire. sono un po' preoccupata vorrei avere un consiglio.grazie.

carmela (RE) 28/10/2012

Salve dottore sono un papà mia figlia ha 29 mesi,è molto vivace ma a tutt'oggi dice meno di 20 parole e non compie una frase ,ma si fa delle discussioni anche lunghe da sola ma con parole e frasi incomprensibili (tipo inglese)ora ultimamente quando vuole qualcosa mi prende per la mano e mi accompagna verso la cosa che vuole .abbiamo fatto una visita dall'otorino dove ci conferma che ci sente regolarmente è già una cosa positiva e ci dicono di aspettare ,ma sa io e mia moglie stiamo vivendo questa con ansia perchè non capiamo se può esser un discorso solo di linguaggio e quindi con logopedista si sistema o può esserci dell'"altro". a dimenticavo va al nido da quando aveva 18 mesi e con i bimbi relaziona benisimo .la ringrazio in anticipo per la sua risposta saluti giuseppe

giuseppe (CL) 06/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Disturbo del linguaggio nei bambini"

La televisione a un bambino piccolo
E' preferibile far vedere una TV per bambini adatta al suo livello di sviluppo, con orari ben scanditi, in compagnia di un adulto.
È un chiacchierone a casa, ma alla materna è timido
A casa è un chiacchierone, ma a scuola è molto timido. È una timidezza che passerà quando diventerà più grande? I consigli per rargli superare questa fase.
Imparare una seconda lingua
Vorrei affiancare a mia figlia una baby-sitter inglese per alcune ore al giorno per farle imparare una seconda lingua.
Sviluppo del linguaggio
Un bambino ha problemi di linguaggio quando per una qualunque causa presenti un ritardo significativo nella espressione e/o comprensione linguistica.
Non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Tarda a parlare e camminare
Ogni bimbo ha i suoi tempi per iniziare a parlare e camminare, ma esistono dei limiti entro i quali il bimbo deve aver raggiunto una discreta autonomia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta