ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Aspirazione di meconio

Con il termine meconio si intende quel materiale che riempie l'intestino del neonato e che viene emesso dopo la nascita. L'aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La figlia di un mio caro amico è ricoverata in rianimazione perchè "ha del meconio nei polmoni". Tutto questo poche ore dopo la nascita. Il parto dopo undici ore dalla rottura delle acque è stato cesareo. Potreste chiarirmi il tutto?

Con il termine meconio si intende quel materiale che riempie l'intestino del neonato, di colore verde-nerastro, vischioso, costituito da acqua, bile ispessita, secreti intestinali, muco, cellule di sfaldamento delle mucose ecc., e che viene emesso dopo la nascita, in genere nelle prime 24-48 ore di vita. La presenza di meconio nel liquido amniotico dovrebbe essere considerata un segno distintivo di sofferenza fetale. Si verifica in circa il 10% di tutti i parti, prevalentemente nei neonati con ritardo di crescita intrauterina e nei neonati post-maturi, nati cioè dopo la 42° settimana di gestazione.

Molti neonati con una colorazione meconiale del liquido amniotico non mostrano segni di depressione, sebbene sia possibile che un breve periodo di asfissia abbia indotto l'emissione di meconio prima che fosse espletato il parto. Una delle ipotesi più accreditate per spiegare l'emissione di meconio in utero è che, durante un episodio di asfissia, si verifichi una ipossia (cioè una riduzione di ossigeno nel sangue), che induce un aumento della peristalsi intestinale (in altre parole del movimento del canale intestinale), rilasciamento dello sfintere anale e fuoriuscita di meconio. Può accadere però che, raramente, l'ipossia possa provocare per via riflessa una serie di profondi atti inspiratori del feto ancora in utero, che portano all'aspirazione nelle vie respiratorie di meconio e liquido amniotico. Esiste un ampio spettro di gravità clinica che generalmente è correlato alla quantità di meconio aspirato.

Una modesta aspirazione può provocare solo un aumento della frequenza respiratoria, qualche volta con comparsa di gemito espiratorio e lieve cianosi, tutti reperti clinici che in genere scompaiono entro 48 ore. Nelle forme più gravi si verifica una polmonite, favorita dall'azione chimica irritativa esercitata dal meconio sulle mucose delle vie respiratorie, e una "sindrome da aspirazione di meconio": il materiale aspirato provoca una ostruzione delle vie respiratorie, una vasocostrizione polmonare ed un intrappolamento di aria nei polmoni. In questi casi sono molto evidenti la cianosi e l'aumento della frequenza respiratoria e possono comparire complicanze polmonari come enfisema (un eccessivo aumento di contenuto di aria nei polmoni) e pneumotorace (raccolta di aria nella cavità pleurica).

Alla lunga, per effetto della insufficienza respiratoria, si può verificare un danneggiamento del sistema nervoso centrale con comparsa di apnea, vomito, pianto ad alta tonalità, convulsioni. Per prevenire l'aspirazione di meconio, occorre aspirare l'orofaringe del neonato nel momento in cui la testa emerge dal canale del parto e prima che si compia il primo atto respiratorio; immediatamente dopo il parto si dovrebbe aspirare la trachea del neonato utilizzando un tubo endotracheale per eliminare il meconio aspirato.

1/7/1997

19/12/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Aspirazione di meconio"

Respirazione nel prematuro
L'insufficienza respiratoria, secondaria a una mancanza primitiva di surfattante è spesso presente nei neonati prematuri.
Inalazione di liquido amniotico
L'inalazione del liquido amniotico provoca seri problemi al neonato quando è frammisto a meconio denso.
Ileo da meconio
L'ileo da meconio rappresenta la forma più precoce della fibrosi cistica o mucoviscidosi: compare infatti in circa il 10% dei neonati affetti dalla malattia.
Distress respiratorio
Per distress respiratorio si intende una "sindrome dispnoica".
Occlusione intestinale alla nascita
Neonato che non riesce a scaricarsi. I consigli del pediatra.
Asfissia neonatale
L'asfissia neonatale è una grave sofferenza del bambino al momento del parto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte