ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Dislessia: difficoltà nella lettura e/o scrittura

La dislessia è una difficoltà duratura dell'apprendimento della lettura e della scrittura in bambini di intelligenza normale e normalmente scolarizzati.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Difficoltà nella lettura e/o scrittura Ho una bambina di otto anni compiuti che frequenta la terza elementare. Con una ricorrenza molto superiore al normale fa errori di ortografia abbastanza particolari (doppie mancate, ve al posto di fe, gi al posto di ci, ecc.). L'ho notato perché ha un fratello gemello che frequenta la stessa classe e che non presenta gli stessi problemi. Parla perfettamente (anzi anche troppo!) e non credo abbia problemi di udito, come mi conferma il nostro pediatra di famiglia. Ha già visto una logopedista che le ha suggerito alcuni esercizi.

Si parla di un disturbo di apprendimento in lettura e/o scrittura quando un bambino a fine della prima elementare non capisce ciò che legge, alla fine della seconda elementare legge ancora sillabando, a fine della terza elementare scrive ancora con numerosi errori di ortografia.

I disturbi di apprendimento in letto-scrittura si distinguono in disturbi secondari, cioè dipendenti da altra condizione patologica (disturbo motorio, disturbo sensoriale visivo o uditivo, ritardo cognitivo) e in disturbo primario o dislessia.

La dislessia è una difficoltà duratura dell'apprendimento della lettura e della scrittura in bambini di intelligenza normale, normalmente scolarizzati e indenni da turbe sensoriali e motorie. Generalmente si conviene che una difficoltà di lettura è duratura quando persiste in terza elementare.

In teoria si dice che la dislessia è una difficoltà selettiva in lettura e scrittura non accompagnata da difficoltà in altre materie scolari e da disturbi di comportamento a scuola. In realtà la lettura e la scrittura pongono le basi per gli altri apprendimenti scolari (percezione dell'enunciato di un problema o percezione di simboli matematici, ecc.).

Inoltre in questi bambini spesso il senso di inferiorità e di frustrazione di fronte all'insuccesso scolastico provoca delle turbe di comportamento reattive con rifiuto dell'ambiente scolare.

La lettura del dislessico è tipica: ritmo esitante, irregolare, flusso sillabico senza percezione della punteggiatura, manca l'intonazione oppure non corrisponde al senso, lo sguardo può correre da destra a sinistra o viceversa sulla riga scritta per cui il bambino legge ad esempio, "cosa" invece di "sacco".

Nella scrittura esistono errori tipici: confusione visiva tra grafemi di forma identica orientati diversamente (p-b, d-q), confusione uditiva fra fonemi vicini (b-p, f-v), omissioni di consonanti, sillabe, inversioni (mela invece di lame), aggiunta di consonanti (stufo invece di tufo).

Diventando adolescente il dislessico finirà per leggere più o meno correttamente, ma non gli piacerà mai leggere e la lentezza e la mancanza di intonazione dimostreranno sempre che gli automatismi della lettura non sono mai stati acquisiti; sul piano della scrittura continuerà a fare molti errori di ortografia, sintassi e copiare un testo resterà sempre un'operazione lenta e densa di errori.

Una volta esclusi l'esistenza di deficit visivi, uditivi e motori o il ritardo mentale, cioè fatta diagnosi sicura di dislessia, è utile sconsigliare ogni terapia individuale o la certificazione per insegnante di sostegno; è bene invece chiedere la collaborazione della logopedista affinché programmi con scuola e famiglia un piano di rieducazione pedagogica ispirato al modello neuropsicologico di Luria e verifichi periodicamente i risultati raggiunti (Prove operatorie di Piaget, valutazione delle prove strumentali dell'analizzatore visivo: figura di Rey, prova di Head; dell'analizzatore uditivo: memoria di cifre, analisi e fusione di suoni ecc.).

I fattori eziopatogenetici (cioè le cause) evocati per la dislessia sono:

  • fattori socioculturali;
  • fattori genetici (la dislessia è un disturbo ad ereditarietà poligenica);
  • fattori neurologici congeniti (difetti di migrazione neuronale nello sviluppo fetale);
  • fattori neurologici acquisiti (pre o peri-natali dovuti a prematurità, rischio in gravidanza, traumi da parto);
  • fattori linguistici (ritardo di sviluppo di linguaggio);
  • fattori emotivi (difficoltà di rapporto interpersonale in epoca molto precoce, anomalie della condotta alimentare, escretoria, disturbi del sonno, iperattività e deficit dell'attenzione);
  • fattori pedagogici (stile e metodo dell'insegnante).

Per quanto riguarda la prognosi a distanza, i soli fattori che sembrano predire l'esito a distanza della dislessia risultano essere il sesso e la scolarità dei genitori: il sesso femminile e l'alta scolarità dei genitori sono dei fattori predittivi positivi.

1/2/1997

12/3/2017

I commenti dei lettori

Complimenti per il vostro sito. Lo trovo veramente attuale, ricco, dove intervengono persone molto competenti e soprattutto risulta di vero aiuto ai genitori e non solo!!! Complimenti!

Giusy 25/11/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Dislessia: difficoltà nella lettura e/o scrittura"

I bambini acquatici
E' un libro che narra la storia di Tom che si sveglia e scopre di essere diventato uno dei tanti bambini acquatici!
Associazione Italiana Dislessia
L'Associazione Italiana Dislessia ha l'obiettivo di sensibilizzare sul problema della dislessia evolutiva.
Lettura per l'infanzia: un libro da leggere
I diritti dell'infanzia: un libro da leggere
Non è necessario spostarsi fuori dalle mura di vita agiata per capire che il diritto dei bambini nasce o muore molto prima: nella nostra vita quotidiana.
Il piccolo Principe
La storia dell'incontro tra l'aviatore costretto da un guasto a un atterraggio nel deserto e il Piccolo Principe.
Nascere e poi, dall'attesa alla prima infanzia
La psicanalista Drina Candiliss-Huisman ha scritto il libro "Nascere e poi, dall'attesa alla prima infanzia" che parla della storia dell'infanzia e maternità.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
La toxoplasmosi in gravidanza: il gatto o il cane in casa danno problemi? Che prevenzione attuare?
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.
Prevenzione delle infezioni delle vie aeree
Da quando l'ho inserito all'asilo nido, il mio bambino si ammala spesso. Come posso prevenire le infezioni delle vie aeree?
A sette mesi non gattona, ma vuole camminare con il mio aiuto
Non c'è fretta di far camminare un bambino: un bambino sano lo farà entro i termini di tempo fisiologici ma che possono essere diversi da soggetto a soggetto.
I fattori predisponenti l'otite media acuta
L'otite media acuta è causata da batteri o da virus che dalla gola e/o dal naso penetrano nell'orecchio medio risalendo attraverso le tube di Eustachio.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti è una controindicazione all'allattamento materno?
La miopia
La prematurità
L'infezione da virus HIV (quello che provoca l'AIDS)
L'ittero da latte materno