ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Respirazione nel prematuro

I prematuri, soprattutto se di età gestazionale inferiore a 27 settimane, sono soggetti ad una malattia respiratoria legata ad immaturità biochimica del polmone.

a cura di: Dott.ssa Teresa Santilli (neonatologa)

Mio figlio è nato alla 25° settimana di gestazione con un peso di 775 grammi; attualmente si trova in un reparto di terapia intensiva, dove è curato con estrema professionalità. I pediatri che lo hanno in cura non si sbilanciano eccessivamente sulle sue condizioni anche se il peso è in continuo aumento (ad oggi, dopo 50 giorni, è di 1040 grammi). Dopo la nascita, per aiutarlo nella respirazione è stato intubato e, dopo un mese, è passato ad utilizzare l'infant-flow. Ora mi dicono che, nonostante i vari tentativi fatti di eliminare il respiratore, il bambino non riesce a respirare autonomamente e che probabilmente per molto tempo dovrà essere aiutato con l'ossigeno. Quindi mi chiedo quali sono le difficoltà di carattere respiratorio che normalmente si hanno nei casi relativi a bambini nati così prematuri, e come evolvono anche nell'ottica del futuro accrescimento del piccolo.

I prematuri, soprattutto se di età gestazionale inferiore a 27 settimane e di peso inferiore a 1000 g, sono soggetti ad una malattia respiratoria legata ad immaturità biochimica del polmone, cioè ad una minor produzione di surfattante, che è la sostanza che impedisce il collabimento alveolare alla fine dell’espirazione. Tale malattia prende il nome di "malattia delle membrane ialine polmonari". Essa ha la massima incidenza (85%) proprio nella categoria di neonati prematuri di peso molto basso (500-750 grammi).

Gli alveoli polmonari colpiti da tale patologia, privi quindi di surfattante e pieni di liquido derivante dai capillari perialveolari (liquido che non è stato riassorbito al momento della nascita e che continua ad aumentare per l’aumentata permeabilità alveolo-capillare), per potersi espandere necessitano spesso di ventilazione meccanica ed ossigenoterapia ad alte concentrazioni, a volte.

Questi due presidi terapeutici, che presentano come effetti collaterali negativi il danno ossidativo (dovuto all’ossigeno) ed il barotrauma (vale a dire il trauma dovuto al picco di pressione inspiratoria utilizzato per la ventilazione meccanica) possono essere essi stessi causa, insieme ad altri fattori, della mancata guarigione della malattia e della sua transizione nella displasia broncopolmonare.

Tale patologia è per definizione una ossigeno-dipendenza per 28 giorni o più in un neonato di peso molto basso sottoposto a ventilazione meccanica. In questi ultimi anni è diventata sempre più rara, almeno nella sua forma più grave (incidenza compresa tra il 4,2 ed il 40%) per l’impiego del surfattante suppletivo e per il miglioramento delle tecniche di ventilazione meccanica (impiego di trigger flusso-sincronizzato).

L’evoluzione di questa patologia respiratoria nella maggior parte dei casi è favorevole: i neonati colpiti presentano un lento miglioramento della funzione polmonare e del quadro radiografico e, dopo un periodo di tempo variabile, possono essere divezzati dal respiratore e dall’ossigeno.

La prognosi varia a seconda della gravità: nei primi due anni di vita è frequente, oltre allo scarso accrescimento staturo-ponderale, una ri-ospedalizzazione per infezioni da virus respiratorio sinciziale e/o broncospasmo. Nel corso degli ultimi anni, soprattutto in seguito alla messa a punto di misure profilattiche (somministrazione di steroidi alla madre, uso di surfattante suppletivo, somministrazione di steroidi al neonato con modalità pulsata) la mortalità nel primo mese di vita si è ridotta al 30-40%.

31/3/2000

3/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Respirazione nel prematuro"

Distress respiratorio
Per distress respiratorio si intende una "sindrome dispnoica".
Inalazione di liquido amniotico
L'inalazione del liquido amniotico provoca seri problemi al neonato quando è frammisto a meconio denso.
Aspirazione di meconio
La aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Quale terapia per l'angioma rilevato?
Dalla nascita ha due angiomi di cui il primo, è rilevato e di colore rossastro, sulla schiena. Il trattamento consigliato dal chirurgo.
Quando togliere il ciuccio?
Solitamente il ciuccio viene spontaneamente abbandonato verso i due-tre anni di vita a mano a mano che il piccolo acquista fiducia in se stesso.
Consigli per l'alimentazione in gravidanza
La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione.
Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta