ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento misto del neonato: al seno e con il biberon

La quantità totale di latte che il bambino deve prendere in una giornata deve essere orientativamente calcolato in base al peso del bambino.

a cura di: Dott. Rodolfo Varani (pediatra)

Il piccolo Riccardo segue l'allattamento misto: latte materno + latte artificiale. Come regolarsi per le quantità? Quante poppate, quanti biberon, che tempo di poppata, che quantità nel biberon. E quando alla poppata segue immediatamente il biberon?

L'allattamento misto è di difficile generalizzazione: si va da casi in cui l'aggiunta di latte artificiale non è necessaria ad altri in cui la quota di latte materno è talmente irrisoria che il bambino è praticamente allattato solo al biberon.

Essendo la gestione di questa alimentazione affidata quasi esclusivamente ai genitori, le regole debbono essere le più semplici e comprensibili possibili senza rendere il loro compito complicato.

La quantità totale di latte (materno + artificiale) che il bambino deve prendere in una giornata deve essere orientativamente calcolato in base al peso del bambino, secondo la seguente tabella:

Se pesa (gr.) deve mangiare al giorno numero di pasti
3500 gr 600-650 di latte 100-110 x 6 volte al giorno
4000 gr 650-700 di latte 110-120 x 6 volte al giorno
4500 gr 700-750 di latte 120-130 x 6 volte al giorno
5000 gr 750-800 di latte 130-150 x 5-6 volte al giorno

 

Queste cifre debbono essere orientative e, se il bambino prende un po' meno alimento ma cresce a sufficienza, non va forzato; così pure se dimostra di volerne di più non va limitato eccessivamente. In genere sarebbe opportuno registrare, per 3-4 giorni, le quantità di latte materno assunto (non è facile ma ci si deve provare) per regolarsi su quanto latte liquido andrebbe aggiunto e preparare dei biberon già pronti per i due o tre pasti successivi.

In questo modo si può capitare che, in alcuni casi ed in alcuni orari, il latte materno sia quasi sufficiente, in altri necessiti di un supplemento non esagerato, in altri ancora cospicuo.

Facciamo l'esempio di un bambino che deve prendere, in base al suo peso, 120 gr di latte x 6 volte al giorno; la mamma sperimenta che al mattino, al seno, il bambino ha preso 110 grammi, poi al 2° e 3° pasto ne ha presi 90, al 4° e 5° ne ha presi 60 ed al 6° ne ha presi solo 40 con molta fatica e in 40 minuti. Possiamo dire che il pasto da 110 gr è sufficiente e, se il neonato è soddisfatto, non è necessario nessun supplemento. Ai pasti di 90 sarebbe necessario un supplemento di 30 grammi ma sarà bene darne un po' di più (40 per esempio) e lasciar scegliere al bambino. Ai pasti di 60 il supplemento dovrebbe essere di 60 grammi (60 materno + 60 liquido = 120). Il pasto della sera di 40 grammi è molto scarso e in questo caso, se la cosa si verifica con puntualità, alla stessa ora e con le stesse cifre, può essere deciso di non attaccare per niente al seno il bambino perché spesso fatica eccessivamente e potrebbe essere stanco dopo la poppata e non prendere il supplemento.

Il problema principale nell'allattamento misto è proprio questo. Il latte materno viene stimolato dalla suzione del bambino e più il bambino succhia e più la mamma produce latte: quindi, prima di prendere la decisione di far saltare una poppata al seno, debbono esserci motivi fondati. Infatti il latte materno, oltre al fattore nutritivo, ha il gran pregio di essere un latte "vivo" con fattori protettivi esclusivi di questo alimento (anticorpi, cellule ed altri elementi) per cui anche le piccole quantità hanno un valore importante.

Dall'altra parte c'è il fatto che, se la mamma non ha latte, il bambino, impegnato per 30-45 minuti e oltre in una poppata (magari per prendere 40 grammi al posto di 120), alla fine è spossato e si addormenta per poi risvegliarsi dopo un paio di ore con molta fame e molta stanchezza.

Allora all'inizio prevale la fame e prende 60 grammi di latte e poi prevale la stanchezza e si ferma ai 60-80, per poi creare le premesse per un successivo risveglio precoce e così via. Quindi, come regola principale, è consigliabile tenere impegnato il bambino non più di 20 minuti al seno e dare il supplemento relativo, evitando quegli inutili pasti di 45 minuti al seno per ottenere 50 grammi invece di 40.

Regole generali:

  • valutare bene la situazione prima di sospendere una poppata: a volte i genitori credono che se il bambino salta una poppata al pasto successivo ne troverà di più e sbagliano. Io sono solito ripetere loro che il seno materno è diverso dal conto in banca e più si fanno prelievi e più il latte aumenta... diversamente dal conto in banca;
  • non tenere attaccato al seno più di una ventina di minuti ed evitare quei pasti interminabili dove il neonato fatica il doppio ed ottiene pochissimo latte;
  • per le quantità regolarsi con le cifre orientative di sopra, ma far partecipare il bambino alla scelta delle quantità e non lesinare quei 50-100 grammi giornalieri di più, se li prende volentieri;
  • il problema degli orari che fa impazzire i genitori (spesso per colpa di noi pediatri) si può risolvere dicendo che il neonato nasce senza l'orologio, ma con il senso della fame e quindi adattiamoci al questo senso primordiale più importante ed aspettiamo prima di fargli timbrare il cartellino già da neonato.

Quindi se ha fame non fatelo piangere due ore perché il pediatra ha scritto sul cartellino che alle ore tot ... etc. etc. e tantomeno non interponete troppo tempo (una pesata rapida) tra seno e biberon.

31/1/2002

17/10/2016

I commenti dei lettori

articolo veramente utile chiaro ed esauriente!!!

paolo razzi (SI) 25/11/2010

Salve il mio bambino dopo l'allattamento al seno non accetta subito il biberon per l'aggiunta ma lascia passare anche mezz'ora prima di chiedere altro latte.Quindi, specialmente durante il giorno, mangia "di continuo" con delle brevi pause.Ciò lo soddisfa e cresce serenamente.

28/11/2010

Il mio bambino di 6 mesi fino a circa 2settimane fa prendeva voletieri la "giunta" da circa due settimane fatica a prendere il biberon della giunta, devo insistere nel dargli la giunta o posso saltare? faccio la doppia pesara e prende cira 100 gr di latte a pasto, quello di mezzogiorno è sositutito dalla pappa...grazie

10/12/2010

io invece uso il tiralatte e poi mi tocca dargli l'aggiunta..il mio bimbo ha 29 giorni io riesco a tirare a volte 110 a volte 80 e il mattino 150-160..il fatto è che mediamente il mio latte dovrebbe bastargli ma mi tocca fare l'aggiunta e arrivare a 150...ieri ha fatto solo 5 pasti facendo un calcolo prende in media sempre la stessa quantità al giorno ma così è più soddisfatto...bisogna autoregolarsi a seconda l'esigenze del piccolo tutto qua!!!!

08/01/2011

molto utile e aiuta veramente, mi dispiace che niente di simile non mi è stato mai suggerito da nessuno 18 anni fa anche se la mia bambina è cresciuta  lo stesso, ma mi sento in colpa che non sono arrivata da me...

rossana (PO) 26/09/2011

La mia bimba è nata di 3,950 kg ora pesa 5,6 kg; dal biberon mangia quantità molto diverse a pasto: dai 10 ai 90 gr; la attacco al seno 15'/20' per parte e tira dai 30 ai 110 gr, in alcuni casi si stacca lei prima e non ne vuole sapere di riattaccarsi anche se il seno di latte ne ha ancora (uso il tiralatte in questi casi) e poi si attacca al biberon e completa il pasto. Con questo sistema la bimba (2 mesi prossima settimana) si è stabilizzata autonomamente (mai svegliata o lasciata piangere) sulle tre ore tra un pasto e l'altro e la notte sulle 4/5 ore e cresce dai 200 ai 250gr la settimana... Ora vorrei provare ad attaccarla esclusivamente al seno, è possibile? Provando, rischio di creare qualche problema sregolandone orari e abitudini acquisite? A cosa devo fare attenzione per capire se il mio latte è sufficiente? Il mio pediatra mi ha sconsigliato di darle da mangiare prima delle tre ore tra un pasto e l'altro e di non prolungare le poppate al seno più di 15/20' per parte... Nota: la bimba si addormenta mentre mangia e svegliarla è spesso difficile, l'allattamento misto è cominciato perchè lei perdeva peso eccessivamente e solo grazie alla stimolazione con il tiralatte il latte è arrivato.

Sara (TV) 30/03/2012

Il mio bambino e nato il 23/02/2013 di 3.200 il 25/02, era 3050 ora siamo a 19/03, e il suo peso e 3150 allatondo solo al seno.Sto pensando di darle l'aggiunta. tania.

tania vasile (SR) 19/03/2013

Scusate, una domanda ingenua da papà preoccupato che vivendo in Kenya non sa praticamente dove trovare informazioni "valide" (anche se gli ospedali sono ormai belli ed efficienti anche qui). Ma come si fa a sapere quanti grammi di latte il bimbo ha "poppato" dal seno materno?

Roberto Gerosa (PA) 27/09/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento misto del neonato: al seno e con il biberon"

Madonna con il bambino
Madonna con il bambino è il quadro di Orazio Gentileschi che raffigura la Vergine come se fosse una semplice donna del popolo che si appresta ad allattare.
Allattamento e tinture per capelli
Allattando al seno è consigliabile fare ricorso a tinture che abbiano di base sostanze coloranti naturali senza additivi chimici.
Intolleranza al lattosio
L'intolleranza al lattosio è un difetto di digestione degli zuccheri. L'elenco degli alimenti contenenti lattosio.
Allattamento artificiale: come accettare il biberon?
Consigli per far accettare il biberon in corso di allattamento artificiale.
Ambliopia e allattamento
La diagnosi di ambliopia è difficile prima dei tre anni. Per quanto riguarda l'allattamento è necessario conoscere le cause.
Vaccinazione contro la varicella durante l'allattamento
E' possibile vaccinarsi contro la varicella durante l'allattamento. Il vaccino puo' essere somministrato dal suo Medico curante.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La tosse nei bambini: tosse persistente, tosse di notte, tosse secca. Quali rimedi adottare?
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.
Vaccinarsi contro la varicella prima di una gravidanza
E' opportuno che le donne che non hanno avuto la varicella eseguano la vaccinazione prima di intraprendere la gravidanza.
Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare