ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Calcolo del peso fetale

Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? Per calcolare il peso si utilizzano due misure ecografiche: il Diametro Biparietale e la Circonferenza Addominale.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

L’epoca della gravidanza si calcola semplicemente contando i giorni dal primo giorno dell’ultima mestruazione e convertendoli in settimane.
Tale valore (epoca anamnestica) ipotizza un ciclo di 28 giorni con un’ovulazione al 14° giorno. In realta’ la durata del ciclo e l’epoca dell’ovulazione sono molto variabili ed è infrequente che siano costanti.
Considerando che l’ovulazione rappresenta lo scoppio del follicolo con la fuoriuscita dell’ovulo, si comprende come un anticipo o un ritardo d’alcuni giorni di tale evento, possa essere responsabile di un’epoca anamnestica maggiore o minore rispettivamente per variazione del momento del concepimento (quando lo spermatozoo incontra l’ovulo determinando così la formazione di un embrione).
Con tale metodo si ammette che la durata normale della gravidanza sia pari a 40 settimane.

L’epoca di amenorrea o anamnestica (E.A.) può non coincidere esattamente con l’epoca gestazionale effettiva (E.G.) che viene stabilita ecograficamente in base alle reali dimensioni dell’embrione-feto.
In altre parole per avere corrette informazioni riguardanti la crescita durante la gravidanza, è necessario eseguire un’ecografia precoce (es. 8 settimana); in assenza di patologie come minacce d’aborto o anomalie cromosomiche, un embrione con dimensioni inferiori a quanto atteso sarà spesso il risultato di un’ovulazione ritardata (e quindi non di un ritardo di crescita) e viceversa, nel caso in cui le dimensioni embrionali fossero maggiori rispetto a quanto calcolato in base alla data dell’ultima mestruazione.

Nelle prime settimane è possibile misurare la distanza vertice-sacro dell’embrione (Crown-Rump Length: CRL).

Con il progredire della gravidanza, sarà possibile misurare diametro biparietale (DBP) e fronto occipitale (DF), circonferenza cranica (CC), circonferenza addominale (CA) e lunghezza del femore (FL). Dalla media di queste misure, l’apparecchio ecografico calcolerà l’epoca ecografica che sarà confrontata con quella anamnestica. A volte anche un errore di un millimetro nella rilevazione della misura può causare una variabilita’ di alcuni giorni nell’epoca ecografica.
Per questa ragione le misure dovranno essere interpretate con una certa “elasticità“ soprattutto se campionate da medici diversi operanti con apparecchiature differenti.

Il peso fetale è calcolato in base alle misure fetali prima elencate. Non è quindi un valore assoluto, ma soltanto una stima che rispecchia con un’ampia variabilita’ (anche del 10% in più o in meno secondo i casi), i dati acquisiti con le singole misure.

Cosa significa se...

Il feto presenta un epoca ecografica maggiore rispetto a quell’anamnestica?

Se tale incremento era già presente all’epoca della prima ecografia, si tratta di un’ovulazione anticipata o di un anticipo nel concepimento-annidamento. In tal caso la data del parto potrebbe essere quella calcolata in base alle dimensioni reali (epoca ecografica).

Se dalla prima ecografia, i valori dell’epoca anamnestica e quelli dell’epoca ecografica risultavano simili o uguali, il bambino cresce di più per motivi costituzionali, eccessiva alimentazione materna o più raramente per lo sviluppo di diabete. Anche se il feto è più grande, non necessariamente nascerà prima. 

Il feto presenta un’epoca ecografica minore rispetto a quell’anamnestica?

Se tale diminuzione era già presente all’epoca della prima ecografia, si tratta di un’ovulazione ritardata o di un ritardo nel concepimento-annidamento. In tal caso la data del parto potrebbe essere quella calcolata in base alle dimensioni reali (E.G.).

Se dalla prima ecografia, i valori dell’epoca anamnestica e quelli dell’epoca ecografica risultavano simili o uguali, potrebbe realmente trattarsi di un ritardo di crescita. E’ necessario però considerare che spesso una settimana in meno (o in più ) non necessariamente identifica una patologia, potendo rappresentare una normale variabilità. In questi casi è necessario procedere ad un’attento esame del liquido amniotico e del profilo flussimetrico fetale, oltre alla pianificazione di un’ulteriore controllo biometrico a breve termine per la valutazione del ritmo di crescita.

La normalita’ della crescita fetale viene valutata confrontando le misure (ed il peso fetale da queste cal colato) con quelle di una popolazione di riferimento per l’epoca gestazionale corrispondente. 

24/11/2009

19/6/2016

I commenti dei lettori

ho fatto l'ecografia settimana scorsa e secondo la misurazione e il peso del bimbo x la ginecologa sn alla 32 settimana mentre dall'ultimo ciclo che e stata il 26 giugno 2012 sn alla trentesima settimana il bimbo il giorno che ho fatto l'ecografia cioe il 18 gennaio 2013 pesava hg 1900 cm mai?

libera maria (MI) 29/01/2013

Buongiorno. Approfitto di questo spazio per esporre un mio dubbio. La data del mio ultimo ciclo è 17 ottobre 12 e quindi le settimane trascorse fino ad oggi sono esattamente 15. La data presunta del parto è 23 luglio, in che modo è stata dedotta tale data? Un calcolo sulla presunta data di concepimento? Il bambino presenta fin dall'ecografia alla ottava settimana peso e lunghezza nella norma. Grazie.

barbara (MB) 30/01/2013

mia cognata aspetta un bimbo da 35 settimane ,ma oggi alla visita ha saputo che la crescita si e' arrestata alla 30 esima .ora e' stata ricoverata...cosa accadra'
grazie .

gabriella (CZ) 02/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte