ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Toxoplasmosi in gravidanza: gli alimenti da evitare

Evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza. I consigli del ginecologo sulle norme igieniche e l'alimentazione da seguire per ridurre i rischi per il neonato.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Il germe responsabile di questa infezione, il toxoplasma, è ospite abituale del gatto, anche domestico, le cui feci possono contaminare le verdure, la frutta, il terreno e, di conseguenza, gli animali erbivori.

Per evitare di venire a contatto con questo germe durante la gravidanza, consigliamo le seguenti norme igieniche

  • evitare di mangiare carni crude o poco cotte: cuocere bene la carne, fino a una temperatura di almeno 700 gradi (si ricorda che le cisti del toxoplasma nelle carni vengono distrutte dal congelamento-scongelamento e dall'essicazione)
  • evitare di mangiare salame crudo e altri insaccati o prosciutto crudo non stagionato da almeno 12 mesi
  • evitare di portare le mani alla bocca o agli occhi mentre si sta maneggiando carne cruda
  • dopo aver toccato la carne cruda, lavare bene le mani e anche le superfici della cucina che ne sono venute a contatto
  • non mangiare uova crude
  • lavare bene frutta e verdura prima di consumarle: quando possibile sbucciarle
  • evitare che gli alimenti siano contaminati da mosche, scarafaggi, ecc.
  • evitare contatti con i gatti. Nel caso ciò non sia possibile, bisogna evitare che il gatto si infetti: alimentandolo con cibi Iiofilizzati o ben cotti, impedendo all'animale di uscire di casa e addestrandolo a defecare in un contenitore ben lavabile. Gli escrementi vanno rimossi facendo uso di guanti
  • usare guanti quando si fa giardinaggio
  • evitare di mangiare regolarmente fuori casa; in caso di necessità chiedere cibi ben cotti.

23/11/2009

19/5/2016

I commenti dei lettori

salve  siamo enzo e antonella  da napoli che aspetta un bambino e volevamo sapera se il cane che abbiamo in casa puo causare problemi per quando riguarda la gravidanza poichè abbiamo una casa molto piccola e  a volte ce lo troviamo anche in camera da letto grazie per l'attenzione.Un saluto da enzo e antonella

vincenzo (NA) 26/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Toxoplasmosi in gravidanza: gli alimenti da evitare"

Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
Toxoplasmosi in gravidanza: gatto o cane in casa
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.
Effetti della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può avere effetti anche gravi sul bambino e comporta il pericolo di complicazioni sul feto.
Quali malattie può portare un gatto?
Gatto e malattie: posso comprare un gatto? Ho una bambina piccola, ma ho paura delle malattie che il gatto le possa trasmettere.
Sintomi di Toxoplasmosi
Cosa succede se si viene contagiati dal Toxoplasma? I sintomi spesso partono da un ingrossamento dei linfonodi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
Uso del montelukast nei bambini piccoli
Esistono controindicazioni ad usare gli antileucotrieni Montelukast nei bambini piccoli? Il parere del Pediatra.
Varicella del neonato: gli anticorpi della mamma possono prevenirla?
Se il fratello maggiore contraesse la varicella, il neonato sarebbe a rischio di contagio.
Bambino troppo vivace a scuola
E' fondamentale cercare con serenità di capire i veri motivi che spingono i bambini a comportarsi in modo così vivace. I consigli dello psicologo.
Igiene dentale
I consigli da seguire per l'igiene dei nostri denti.

Quiz della settimana

Come si corregge una ernia ombelicale del diametro di 2 cm in un bambino di sei mesi di età?
Applicandovi sopra un cerotto
Con un intervento chirurgico immediato
Entrambe le cose sono da fare
Non si deve fare nulla