ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Toxoplasmosi in gravidanza: gli alimenti da evitare

Evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza. I consigli del ginecologo sulle norme igieniche e l'alimentazione da seguire per ridurre i rischi per il neonato.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Il germe responsabile di questa infezione, il toxoplasma, è ospite abituale del gatto, anche domestico, le cui feci possono contaminare le verdure, la frutta, il terreno e, di conseguenza, gli animali erbivori.

Per evitare di venire a contatto con questo germe durante la gravidanza, consigliamo le seguenti norme igieniche

  • evitare di mangiare carni crude o poco cotte: cuocere bene la carne, fino a una temperatura di almeno 700 gradi (si ricorda che le cisti del toxoplasma nelle carni vengono distrutte dal congelamento-scongelamento e dall'essicazione)
  • evitare di mangiare salame crudo e altri insaccati o prosciutto crudo non stagionato da almeno 12 mesi
  • evitare di portare le mani alla bocca o agli occhi mentre si sta maneggiando carne cruda
  • dopo aver toccato la carne cruda, lavare bene le mani e anche le superfici della cucina che ne sono venute a contatto
  • non mangiare uova crude
  • lavare bene frutta e verdura prima di consumarle: quando possibile sbucciarle
  • evitare che gli alimenti siano contaminati da mosche, scarafaggi, ecc.
  • evitare contatti con i gatti. Nel caso ciò non sia possibile, bisogna evitare che il gatto si infetti: alimentandolo con cibi Iiofilizzati o ben cotti, impedendo all'animale di uscire di casa e addestrandolo a defecare in un contenitore ben lavabile. Gli escrementi vanno rimossi facendo uso di guanti
  • usare guanti quando si fa giardinaggio
  • evitare di mangiare regolarmente fuori casa; in caso di necessità chiedere cibi ben cotti.

23/11/2009

19/5/2016

I commenti dei lettori

salve  siamo enzo e antonella  da napoli che aspetta un bambino e volevamo sapera se il cane che abbiamo in casa puo causare problemi per quando riguarda la gravidanza poichè abbiamo una casa molto piccola e  a volte ce lo troviamo anche in camera da letto grazie per l'attenzione.Un saluto da enzo e antonella

vincenzo (NA) 26/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Toxoplasmosi in gravidanza: gli alimenti da evitare"

Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
Toxoplasmosi in gravidanza: gatto o cane in casa
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della malattia al feto.
Effetti della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può avere effetti anche gravi sul bambino e comporta il pericolo di complicazioni sul feto.
Toxoplasmosi in gravidanza: le cure
Le cure antibiotiche per la toxoplasmosi in gravidanza servono ad evitare complicazioni per il feto e il neonato.
Quali malattie può portare un gatto?
Gatto e malattie: posso comprare un gatto? Ho una bambina piccola, ma ho paura delle malattie che il gatto le possa trasmettere.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte