ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Piante domestiche pericolose

Il mio bambino di un anno tocca tutto. Quali sono le piante domestiche pericolose? Il consiglio del pediatra.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Il mio bambino sta per compiere un anno e tocca tutto ciò che gli capita a portata di mano. Qualche tempo fa, chiacchierando tra mamme, si è parlato di piante velenose, domestiche e non. Potrebbe indicarmi quali sono e dirmi se è pericoloso anche solo toccarle oltre che "mangiarle"?

Penso prima di tutto di poterla tranquillizzare: non vi è nulla di pericoloso, nel senso reale del termine, nel toccare o mangiare delle piante. I bambini non sono adulti in scala ridotta: sono esseri diversi e per fortuna, in quell'età in cui sono portati a scoprire il mondo, non posseggono l'intenzionalità all'auto lesione. Questo fa sì che i quantitativi delle sostanze assunte siano di per sé modesti e pertanto, anche se potenzialmente pericolosi, all'atto pratico non ci troviamo in Pronto Soccorso di fronte a sintomatologie importanti o ad avvelenamenti gravi.

Per esempio l'ingestione di tabacco, se in quantitativi elevati, comporta un avvelenamento grave, ma l'ingestione di mezza sigaretta o poco più non comporta particolare apprensioni, al limite qualche modesto disturbo. L'esperienza raccolta nello studio multicentrico sugli avvelenamenti che ha coinvolto i Pronti Soccorsi pediatrici di Genova, Torino, Trieste con più di 9000 casi, rileva la modesta pericolosità dell'ingestione o del contatto con piante e foglie domestiche o non, in considerazione dell'accidentalità dell'evento: tutt'al più una modesta irritazione della cute o delle mucose o qualche disturbo gastroenterico.

Pongo l'accento invece come sia importante la scrupolosa sorveglianza da parte dei genitori su farmaci o prodotti per la casa che, sebbene assunti anche in piccole quantità, rappresentano o possono potenzialmente rappresentare un reale pericolo in relazione all'elevata concentrazione presente nel prodotto.

6/2/2001

28/8/2015

I commenti dei lettori

Riporto in aggiunta a questo pubblicato Stella di Natale: bella ma velenosa! Pubblicato da Giuliano in Malattie, Primo Piano. Giovedì, 10 Dicembre 2009. Si stenta a crederlo ma è così, il simbolo del Natale oltre che l’albero è divenuto negli ultimi decenni la Stella di Natale con quelle belle foglie rosse che la contraddistinguono, ma all’occorrenza ne esistono in commercio anche di colore diverso, adatte ad ogni ambiente e capaci di ricreare quell’atmosfera amena tipica delle festività di fine anno eppure, la stella di Natale è tossica. La tossicità della Stella di Natale ( Euphorbia pulcherrima ) è data dal secreto emesso dal fusto della pianta e dalle stesse foglie che risultano essere irritanti per pelle e mucose, mentre per ingestione manifestano la loro elevata velenosità. Tale secreto emesso dalla pianta si presenta sotto forma di lattice che proviene dal momento in cui si apporta una lacerazione sia delle foglie che del fusto che a contatto con pelle e mucose può causare prurito, bruciore diffuso, eritema, stessa cosa avviene a contatto con le mucose, ad esempio della bocca, stessa cosa per quanto riguarda il contatto con gli occhi, per cui dopo aver maneggiato la pianta occorrerà sicuramente lavarsi con cura le mani. Nella malaugurata ipotesi in cui invece si ingerisse parte della pianta, potrebbe accadere a bambini ed animali domestici, le conseguenze possono divenire anche serie, con manifestazioni quali il vomito, la diarrea e nei casi più seri si può assistere anche a svenimenti. Ne consegue che la vigilanza degli adulti nei confronti di bambini e animali domestici dovrà essere alta, soprattutto in virtù del fatto che la bella colorazione variopinta delle foglie induce in tentazione i piccoli che potrebbero di fatto ingerire parti delle foglie della Stella di Natale. Dunque nessuna criminalizzazione per questa bellissima pianta che deve il proprio successo proprio all’azzeccata policromia di colori che la costituiscono, verde, rosso o bianco, giallo, esaminandola in tutta la sua interezza dal fusto alle foglie. La Stella di Natale proviene dall’America Centrale ed è capace di elargire allegria e colore in un periodo dell’anno buio metereologicamente parlando mentre la Stella di Natale contrasta con tutto ciò proprio coi propri colori che la costituiscono.

Alessandro Bartolone (CO) 08/02/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Piante domestiche pericolose"

I potenziali pericoli delle piante di casa
Descriviamo alcuni potenziali pericoli per i bambini legati alle caratteristiche e al grado di tossicità di alcune piante di casa.
Ha ingoiato la punta di un fiammifero
Le miscele di accensione dei fiammiferi da molti anni non contengono sostanze in quantità tali da provocare avvelenamenti o stati di intossicazione.
Gli avvelenamenti domestici
Le sostanze potenzial­mente pericolose che si trovano in una casa sono tante. Vediamo alcuni ac­corgimenti per evitare gli avvelenamenti domestici accidentali.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta