ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Piange all'asilo nido

Il mio bambino frequenta l'asilo nido. Alla mattina il momento del distacco è sempre difficile, ed i pianti sono di routine. I consigli della psicologa per superare questo momento.

a cura di: Dott.ssa Marisa Fragasso (psicologa)

Alessandro è un bimbo di 18 mesi, dal carattere vivace e solare. Da quando, da dieci mesi, ho dovuto riprendere il lavoro, frequenta l'asilo nido con significativi benefici dal punto di vista caratteriale (socializza molto facilmente, mette in comune volentieri i propri giochi, insomma, sa stare con gli altri!), ma, nonostante siano ormai diversi mesi che frequenta, alla mattina il momento del distacco è sempre difficile, ed i pianti sono di routine. Nonostante ciò, i nonni, che usualmente lo vanno a prendere al pomeriggio all'uscita dall'asilo, mi riferiscono che lo trovano sempre intento nei giochi, da solo o con altri bimbi, evidentemente sereno ed a suo agio. Resta comunque un dato di fatto che, per qualsiasi persona di famiglia (mamma, papà, nonni, cuginetti) ed in qualsiasi circostanza, accomiatarsi da Alessandro è sempre doloroso; spesso mi trovo a consolare pianti disperati perché il papà è uscito per recarsi al lavoro, oppure perché il nonno è tornato a casa. Può considerarsi questa appena descritta una situazione di relativa normalità oppure il comportamento di Alessandro manifesta un disagio legato alla paura dell'abbandono che va al di là del fisiologico? Inoltre ora mi si prospetta la possibilità di lavorare a tempo parziale per quattro ore giornaliere (anziché le attuali 8) il che comporterebbe, oltre a qualche inevitabile sacrificio di natura economica, anche la possibilità di trascorrere più tempo insieme ad Alessandro, magari facendogli frequentare l'asilo nido solo alla mattina. Ritenete che, nel quadro della situazione appena esposta, questo potrebbe giovare ad Alessandro (a me sicuramente!), oppure l'abbandono sarebbe sempre un abbandono, indipendentemente dal fatto che duri 3 ore o 7-8 ore? Rimango in attesa di una Vostra autorevole risposta, specificando che, nel caso non si fosse capito dal tono accorato della lettera, per me e per mio marito il benessere e la serenità di nostro figlio è la priorità N. 1 assoluta!

P.S.: forse, per esprimere una opinione, potrebbe essere utile un mio giudizio complessivo sulla qualità dei servizi offerti dall'asilo nido e sulla professionalità delle educatrici; bè, purtroppo devo ammettere che, nonostante la retta da struttura privata benché sia comunale, si tratta di poco più che un "parcheggio per bambini", dove le educatrici trattano i bimbi quasi con la stessa freddezza con cui tratto io i numeri dei conti da quadrare...

Alessandro reagisce come la maggior parte, se non la totalità dei bambini affidati ad un nido, la sua età così precoce inoltre favorisce in lui l'esacerbazione delle manifestazioni di angoscia da separazione. I legami d'attaccamento con le figure genitoriali, che si formano nelle primissime esperienze infantili, influenzano l'atteggiamento che l'adulto avrà poi in tutte le sue relazioni interpersonali, e, per questo, sono di primaria importanza. Il fatto che Alessandro continui a manifestare il dolore del distacco fa pensare che non abbia ancora la certezza che quello non si configuri come un "abbandono".

Sarebbe importante conoscere esattamente le reazioni di Alessandro al momento del ricongiungimento, infatti la mamma riporta che il bambino al momento dell'uscita dal nido viene ritrovato intento a giocare; quello che sarebbe importante sapere è se poi il ricongiungimento avviene con gioia, oppure Alessandro manifesta atteggiamenti di distacco o di aggressività, in quanto questi costituirebbero un segnale più complesso.

Cerco di spiegarmi meglio: il bambino ha bisogno di esplorare e quindi alcuni distacchi, oltreché a volte indispensabili, sono anche utili per la costruzione della sua autonomia, ma la sua esperienza di "allontanamento" dalle figure d'attaccamento (la mamma in genere) devono lasciare in lui la consapevolezza della certezza di ritrovare poi l'intera disponibilità ad accoglierlo. Se Alessandro fosse "respingente" o addirittura mostrasse segni di indifferenza al momento del ricongiungimento, significherebbe che in qualche modo, la sua esperienza lo ha portato a imparare "a fare a meno dell'adulto"!

Comunque vista la possibilità pratica, che in questo caso la mamma ha a disposizione, io suggerirei di tenere il bambino al nido per lassi di tempo molto brevi, fintantoché la sua angoscia di separazione non si riduca del tutto o perlomeno si attenui, e questo si otterrebbe attraverso un più graduale inserimento.

Alessandro ha bisogno della certezza che la mamma torni a riprenderlo, e questo sarebbe senz'altro facilitato da un numero di ore di frequenza al nido ridotte. Un altro suggerimento potrebbe essere quello di concordare con Alessandro un'attività da fare assieme alla mamma, al momento dell'uscita dal nido, in modo che il bambino possa immaginare il distacco come un momento transitorio, collegato quindi alla continuità del rapporto con la mamma.

Per concludere, credo che, se la mamma di Alessandro può tenere con sé il piccolo per più tempo, attraverso la richiesta del part-time: sarebbe di certo una possibilità molto utile per poter meglio modulare nel piccolo, il distacco e la sua conseguente angoscia. Le considerazioni poi fatte sulla qualità del servizio offerto dal nido non fanno che rendere più significative le indicazioni su date.

Una buona relazione tra madre e figlio, con conseguente attaccamento "sicuro", costituirà per Alessandro la base su cui costituire tutti i suoi futuri legami affettivi ed è per questo che credo che sia opportuno non trascurarne eventuali segnali di difficoltà.

In ogni caso questo problema una volta risolto nelle sue prime manifestazioni, tenderà a diminuire d'intensità e di importanza mano a mano che Alessandro crescerà, e quindi una rinuncia momentanea della mamma sarà un ottimo investimento per entrambi.

Di certo Alessandro è ancora in una fase dello sviluppo in cui è possibile correggere, ove ce ne fosse il bisogno, eventuali problemi fossero insorti, in quanto il suo schema di relazione mantiene ancora molti aspetti di flessibilità; dopo i 4/5 anni, il comportamento del bambino diventa molto meno influenzabile ed è per questo che le primissime esperienze diventano per lui una sorta di imprinting.

10/11/1999

4/11/2016

I commenti dei lettori

salve, il mio bambino, 18 mesi, quando viene lasciato al nido non ha nessun problema, anzi direi che è felice... mi saluta e va dagli altri bimbi. il problema si pone all'uscita, quando va il papà a prenderlo, gli corre incontro lo abbraccia ma da qualche giorno poi piange... si aspetterebbe la mamma? è questo il problema? grazie

adriana (RM) 30/11/2010

volevo un consiglio.ho un bambino di quattro mesi e tutti i giorni me lo porto a lavoro perchè non posso lasciarlo a nessuno ma sopratutto non voglio lasciarlo a nessuno!!ho un attività con a mio marito e miei genitori quindi riusciamo a gestire la situazione più o meno bene.ora,mio marito pensa che sia meglio lasciarlo andare al nido per socializzare meglio con gli altri bambini ma io ho un atteggiamento molto negativo con gli asili sopratutto ora che se ne sentono di tutti i colori!!ma perchè si assumono gente del genere??ho paura a mandarlo all'asilo perchè il solo pensiero che me lo trattino male mi fa piangere.come posso fare per tranquillizzarmi un pò?ma sopratutto,è vero che se sta sempre con i genitori il bambino non sviluppa l'intelletto?

stefania (AN) 12/01/2011

A differenza della situazione descritta, mio figlio di 2 anni e mezzo, piange quando lo lasciamo all'asilo, le maetre mi dicono che piange quasi sempre durante le normali ore di attività e che non mangia e spesso fa la pipì addosso. Generalmente la mattina lo accompagniamo insieme a mia moglie. A prenderlo invece è mia suocera se non può mia moglie. Descrivo in breve il comportamento di mio figlio a casa. E' molto legato alla mamma, infatti sia quando va a nanna che quando si sveglia la cerca e se non è presente piange o si lamenta. E' un bambino molto vivace e difficilmente vuole andare a nanna. 

salvatore (UD) 17/01/2012

Mio figlio è stato inserito a 4 mesi in un nido comunale di Roma. Apparentemente le maestre sembrano freddine ma professionali, erò ho avuto qualche campanello di allarme. Mi dicono spesso che lo vizio (ora ha 10 mesi) perché vuole essere preso in bracci e piange spesso. Un paio di volte sono andata a prenderlo prima dell'orario e l'ho trovato che piangeva in un angolino senza che nessuno lo consolasse... anzi due maestre chiacchieravano tra loro mentre altri bimbi o dormivano o giocavano tra loro (sono tutti più grandi del mio). Purtroppo due mamme mi hanno confermato di aver visto che quando piange le maestre non intervengono (è il loro modo di educare dicono) anczi lo mettono su una sdraietta legato e di fronte al muro.... a volte piange anche 1 ora di seguito. Non so che fare... sono in difficoltà perché non mi posso permetter edi non andare a lavorare. D'altro canto vorrei capire cosa fare senza rischiare ripercussioni sul mio bimbo.

sara 22/03/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Piange all'asilo nido"

E' al secondo anno di scuola materna, ma piange al solo pensiero di andarci
Continua a fare i capricci per andare alla materna anche se è al suo secondo anno di scuola.
È aggressivo alla scuola materna
Un bambino aggressivo alla scuola materna: i consigli della psicologa per aiutare il bambino a risolvere questa situazione.
Mi respinge!
Quando torno a casa la mia bambina mi caccia via e mi respinge piangendo.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Al nido, comunque!
Mandarlo all'asilo nido anche se la mamma è a casa può essere una saggia decisione.
Non vuole più andare alla scuola materna
Dopo le vacanze di Natale, il bambino non ha più voluto saperne di andare a scuola con un deciso comportamento di rifiuto! Come risolvere questa situazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita
Abbiamo adottato nostra figlia a pochi giorni dalla nascita. I consigli di come dirle che stiamo aspettando un secondo bambino.
Leucociti nelle urine
I leucociti nelle urine significano quasi sempre infezione delle vie urinarie o genitale.
Una macchia rosa sul pannolino
Una macchia rosa sul pannolino. Non si tratta di patologia e non bisogna allarmarsi.
Citomegalovirus in gravidanza
Il Citomegalovirus è un virus della famiglia degli Herpes. In gravidanza, il Citomegalovirus può causare parecchi problemi.
Congiuntivite virale
Da cosa è provocata la congiuntivite virale? Le precauzioni per evitare il contagio.

Quiz della settimana

Con che frequenza compaiono i cosiddetti "dolori di crescita" nei bambini sani?
2-3%
5-10%
10-20%
20-30%