ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Coccole nei bambini

Coccole a volontà per i bambini nei primi mesi di vita: non sono vizi. Se il neonato piange è bene tranquillizzarlo servirà a dargli fiducia.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Il nostro bambino (di due mesi e mezzo) subito dopo il bagnetto della sera piange ininterrottamente fino a che non lo si prende in braccio e lo si coccola. Cosa possiamo fare per evitarlo? Sembra che gradisca il bagnetto ma si dispera poco dopo tolto dall'acqua.

Non pensiamo che il pianto del vostro bambino sia questione del bagnetto, se effettivamente sembra gradito, se vengono rispettate le norme per cui va fatto lontano dal pasto di almeno due ore, se l'acqua è ad una temperatura tra i 36-37° C, se l'ambiente dove viene fatto è caldo, se utilizzate saponi neutri.

Il pianto sembra proprio una richiesta di coccole come se volesse prolungare la gioia di stare a contatto con voi, perciò coccolatelo finché non si tranquillizza, ve ne sarà grato e servirà a dargli fiducia nella vita.

1/10/1996

3/12/2015

I commenti dei lettori

Al mio bimbo che ora ha 11 mesi fino a poco tempo fa succedeva la stessa cosa: appena tolto dall'acqua del bagnetto piangeva disperatamente, dopo vari tentativi e consulenza della pediatra abbiamo capito che era perchè voleva restare più a lungo nell'acqua in mezzo ai suoi giochini, per cui abbiamo prolungato il tempo del bagnetto, ed ora lo lasciamo sguazzare fino a quando da segno di rimanere volentieri (ovviamente non troppo a lungo, ma comunque per il tempo a lui necessario per ambientarsi e prendere confidenza e familiarità con il diverso mezzo, oltre che per giocare e interagire con noi genitori); magari per il vostro bimbo non vale la stessa cosa ma tentar non nuoce!

Francesca (PC) 14/06/2011

Coccole, dolci e sonno non sono mai troppi! Ho un bimbo di 11 mesi che mi piace coccolare e a cui do' molto amore, come ha fatto mia mamma con me, e credo di essere cresciuta bene ed equilibrata! W le coccole!!!!!

Alessandra (MI) 03/03/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Coccole nei bambini"

I capricci dei bambini
Perché un bambino fa i capricci? Consigli per evitare che un bambino capriccioso cresca viziato.
Massaggio neonatale
La tecnica del massaggio neonatale serve per tranquillizzare e rilassare i neonati che hanno disturbi del sonno o facilità al pianto.
Svezzamento: curiosità
Lo svezzamento è un passaggio tipico dei primi tempi dell'infanzia. Ecco alcune curiosità.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita