ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Bambino timido

Mentre a casa è vivace ed allegro, alla scuola materna è timido e non partecipa ai giochi. E' importante rassicurarlo e prepararlo alle situazioni che vivrà per aiutarlo a gestire l'ansia.

a cura di: Dott.ssa Graziana Odorino (psicologa e psicoterapeuta sistemico relazionale)

Buongiorno, sono una mamma di due bambini: la primogenita di 6 anni frequenta la prima elementare, il secondo di 3 anni frequenta il primo anno di scuola materna. Ho problemi con mio figlio: lui è un bambino timido che solo a casa, con la sorella e parenti, si sente a suo agio ed è simpatico e vivace. Frequenta la scuola materna e lo lascio a dormire fino alle 16; non piange mai nenche quando lo lascio lì la mattina per andare al lavoro, ma è bloccato in classe e non si fa amici, partecipa ai giochi in disparte. Poi essendo che la scuola elementare di sua sorella è separata da una rete e basta, quando si vedono fuori a ricreazione lui sta tutto il tempo a guardarla; lei lo saluta e si allontana a giocare con le sue amiche. Però, quando vengono amiche di mia figlia a casa nostra o noi da loro, lui gioca con tutti e si diverte. Ho capito che se ci sono io e la sorella lui si sblocca e gioca. E' un bambino molto mammone anche perchè sta sempre con me, visto che il papà lavora molto e quando è a casa è poco presente! Infatti noi due litighiamo spesso nel week-end, e a volte davanti ai figli, anche se so che a loro non fa bene! Avrei bisogno di una risposta, perchè sono molto preoccupata per mio figlio, che non vorrei rimanesse chiuso nel suo guscio senza amici!

Il piccolo probabilmente ha bisogno di più tempo degli altri a familiarizzare con luoghi e situazioni nelle quali non si sente spalleggiato dalla Vs presenza (Sua e della sorella). Il fatto che invece in altre occasioni si mostri socievole, collaborativo e si relazioni senza problemi deve rassicurarci ed indurci a pensare che tali atteggiamenti sono comunque presenti nel suo repertorio comportamentale e vadano rinforzati e generalizzati anche ad altre situazioni.

Cercate di incoraggiarlo e di proporgli di fare giochi simili a quelli che fa a casa, anche a scuola. Rassicuratelo, preparatelo alle situazioni che vivrà per aiutarlo a gestire l'ansia. Potreste ad esempio, con la collaborazione degli insegnanti, creare il rituale del saluto alla ricreazione con la sorellina ma poi fargli capire che ognuno torna a giocare con i propri amici.

Evitate di confrontare con insistenza gli atteggiamenti dei due fratelli e di litigare davanti a loro. E' bene far di tutto per mantenere una linea educativa comune ai due genitori. La limitata quantità di tempo che il bambino passa con il papà potrebbe essere riscattata da un rapporto qualitativamente valido nei giorni in cui è presente, quindi non necessariamente rappresenta un problema.

Cercate piuttosto di conciliare la Vs linea d'intervento e di incoraggiare il piccolo senza esser troppo invadenti. Non sarà solo lui a trarre beneficio da ciò ma l'intero nucleo familiare.

6/4/2011

18/1/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bambino timido"

Timidezza
Mia figlia di 10 anni è estremamente timida. Come possiamo aiutarla? I consigli della psicologa per farle superare questa situazione.
A scuola la prendono in giro
Da quando è tornata a scuola, ho notato che non riesce ad inserirsi bene. I consigli per farla sentire più sicura in se stessa.
Non sa giocare con gli altri bambini
Anche se frequenta l'asilo nido, non sa giocare con gli altri bambini e preferisce stare con gli adulti.
Troppo remissiva alla scuola materna
Subisce l'atteggiamento aggressivo e prepotente di una sua compagna. Come aiutarla a diventare meno remissiva.
Subisce le aggressioni, ma non reagisce
Subisce le aggressioni fisiche degli altri bambini senza riuscire a reagire. Vorrei un consiglio su come insegnarli a difendersi.
La timidezza nei bambini
E' assolutamente normale che i bambini siano timidi, ma quando e come aiutarli? I consigli della Pediatra.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura