ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

A sette mesi non gattona, ma vuole camminare con il mio aiuto

I bambini cercano aiuto per alzarsi in piedi e dare il cosiddetto "aiutino" non affretta il processo verso il cammino autonomo, ma anzi lo rallenta poiché lo priva dell'aspetto di sperimentazione.

a cura di: Dott. Antonio Andreacchio (ortopedico)

Mio figlio ha sette mesi di età corretta, essendo nato prematuro di sette settimane e, nonostante tutti i miei tentativi di farlo andare a gattoni, lui drizza i piedi e vuole camminare. È felice quando, con il supporto di noi genitori, riesce a muoversi su due gambe. Io sono in pieno conflitto perché tutti dicono che il bambino può crescere con le gambe storte, ma non riesco assolutamente a farlo stare seduto a lungo, né tanto meno a gattonare. Sono quasi due mesi che mostra interesse nel camminare ed io non riesco a fermarlo. Vorrei tanto sapere quanta veridicità c'è in questa teoria di "gambe storte" e se c'è ancora qualche dottore che pensa sia meglio lasciargli fare quello che lui preferisce: in fondo fino a poco tempo fa alcuni bambini camminavano direttamente senza prima gattonare e le mamme non si sentivano tanto in colpa come me!! Altro tema molto discusso negli ultimi tempi è l'uso del girello, anch'esso fortemente sconsigliato. E se si usa per una mezz'oretta al giorno che effetto ha?

La razza umana è programmata geneticamente per muoversi in posizione eretta e su due gambe. Il momento in cui ciò avviene è stabilito essere intorno ai dodici mesi con variazioni fisiologiche in più o meno. Tutto ciò dipende dalla maturazione neuromotoria del bambino. Varie tappe di maturazione neuromotoria si succedono dalla nascita in avanti: cito per esempio il controllo del capo intorno ai tre mesi, la posizione seduta autonoma intorno ai 6-8 mesi ecc.

Alcuni bambini sono "precoci", altri ci mettono qualche mese in più a raggiungere certi obiettivi. Il mio personale consiglio è quello di lasciare fare al bambino. Anche la spinta legata alla motivazione per il raggiungimento di determinati obiettivi è importante nella maturazione psicofisica: in altre parole sorveglianza del movimento del bambino che interagisce nell'ambiente che lo circonda, Sì, aiuto No.

Il bambino deve mettere in atto tutte le strategie che lo porteranno a muoversi nello spazio quindi, se vorrà raggiungere qualcosa, dapprima si muoverà gattonando e poi si alzerà in piedi perché la natura ci porterà verso il nostro naturale modo di spostarci. L'aiutarlo sempre e comunque non gli rende un gran servigio: come si suol dire "bisogna imparare a camminare con le proprie gambe".

I bambini cercano aiuto per alzarsi in piedi e dare il cosiddetto "aiutino" non affretta il processo verso il cammino autonomo, ma anzi lo rallenta poiché lo priva dell'aspetto di sperimentazione dell'equilibrio e ricerca dell'"assetto". Come dico sempre ai genitori non c'è fretta di far camminare un bambino: un bambino sano lo farà entro i termini di tempo fisiologici ma che possono essere molto diversi da soggetto a soggetto.

Nessuno si sognerebbe di fare accoppiare il proprio figlio al compimento del 18° compleanno e allora perché c'è la fretta di vederlo camminare? È naturalmente un paradosso utilizzato per far capire come la "fretta" di raggiungere determinate mete è fuori luogo nei soggetti normali.

L'uso del girello è da sconsigliare: il bambino deciderà da solo quando le sue forze e le sue capacità gli permettono di farlo, non è l'età che fa sì che un soggetto sia pronto a camminare.

Il bambino nel girello non è in grado di mettersi seduto quando lo vuole ed inoltre spesso prende atteggiamenti viziati del piede per cercare di spingersi sulle ruote e questo poi determina un'anomala andatura sulle punte dei piedi anche quando avrà imparato a camminare, "retaggio" di una convinzione sbagliata che il bambino si è fatto durante il suo "tirocinio" nel girello e cioè che per andare più veloci bisogna stare sulla punta dei piedi. In conclusione il mio consiglio è: lasci fare a suo figlio quello che l'età gli consente di fare, la natura farà il resto.

La spinta al cammino è un processo evolutivo naturale che non si lascia influenzare più di tanto da fattori esterni. Non si lasci prendere dall'ansia di vederlo presto in piedi, lo farà quando l'orologio biologico interno del bambino lo stabilirà e sarà in quel momento che si dovrà preoccupare.....perché i pericoli che andrà a cercarsi si moltiplicheranno.

12/12/2003

10/6/2016

I commenti dei lettori

salve, mi chiamo rita.mia figlia oggi ha 3 anni e con lei ho usato il girello.aveva circa 7 mesi quando la mettevo lì per farla giocare con i giochini che ci sono e la lasciavo qualche minuto, ma poi ho visto che le piaceva e puntava i piedi per muoversi.mia figlia ha iniziato a camminare 15giorni prima di compiere 1 anno, ha le gambe perfettamente a posto e quindi non demonizzerei questo strumento, tutto sommato li si lascia sul girello pochi minuti alla volta anche più volte al giorno ma cmq non certo per ore.la mia esperienza è positiva.

rita (PA) 27/12/2010

Ho 35 anni e a quei tempi il girello lo si usava, le gambe funzionano bene, ma mi è rimasto il vizio di poggiare il peso sulla parte esterna del piede, lo noto chiaramente dal consumo solo laterale delle suole, penso dipenda in parte proprio dall'uso del girello che è piu comodo per il genitore più che per il bambino che non può arrivare a toccare niente

Stefania (VA) 05/10/2011

La mia piccola Gloria ha dieci mesi e a gattonare non ci pensa proprio, onestamente la cosa non mi preoccupa affatto perchè in compenso sta molto volentieri in piedi purchè appoggiata ad una sediolina o sorretta da una mano, ancora infatti non ha acquisito pienemente l'equilibrio. Sta seduta sul pavimento sul tappetone attività senza box perchè vorrei che acquisisse l'idea dello spazio senza vincolarla ad un recinto. Certo questo comporta che la mamma deve stare sempre con gli occhi su di lei, le cadute sono in agguato (soprattutto se si lascia andare all'indietro), ma credo che ne valga la pena. quanto al camminare spesso durante il giorno, sorreggendola le faccio fare qualche passetto soprattutto per verificare se l'istinto la porta a muovere correttamente le gambette. Finora non ho riscontrato in lei nè disagio nè difficoltà, spero che continui così...

rossella (RC) 30/11/2011

Salve, sono Alessia mamma di Ludovica che ha 3 anni e di Lorenzo che ha 9 mesi. Con Ludo non ho usato il girello perche' avevo paura che ritardasse la camminata autonoma e lei non ci voleva stare nemmeno un secondo, ma non ha mai gattonato e si e' messa a camminare 2 settimane prima di compiere 1 anno. lorenzo vuole stare sempre in piedi aiutato da noi adulti, seduto si stanca immediatamente, nel girello lo metto per pochi minuti per aiutare la mia schiena che ha fine serata e' a pezzi! Credo che tutto sia soggettivo e che come tutte le cose dipende l' utilizzo che se ne fa!

Alessia (CL) 02/01/2012

buongiorno mamme io sono mamma di gabriel e a 9 mesi e mezzo e diciamo lui vuole sempre stare in piedi e poi lo metto a terra sul tappeto pero cammina all indietro pero sono contenta che lui vuole camminare sempre

rossella (TA) 15/05/2012

il mio cucciolo, che adesso ha 10 mesi, gattona da un mesetto ca. ed è speditissimo! tenta già di alzasi e ci riesce anche da solo a drizzarsi. Sono contenta di non aver ceduto a girello e box che sono strumenti solo per far sentire liberi i genitori!!!

10/02/2013

io sono un padre mia figlia si chiama Francesca e a nove mesi e mezzo. il modo in cui si sposta mia figlia e rotolarsi su se stessa, secondo me la sua natura è questa e sopratutto ha fatto tutto da sola. Consiglio vivamente a tutti i genitori di lasciare che i neonati facciano tutto da soli!

michele (SS) 26/02/2013

Buongiorno mi chiamo Ilaria e mio figlio Enea ha compiuto da poco nove mesi. Già da un mese vuole alzarsi in pieni, sempre sorretto da qualcuno ovviamente. Ho provato a metterlo in posizione prona o a gattoni ma si stanca subito o si impaurisce.. Per ora sto provando a lasciarlo più tempo sul pavimento e meno nel box.. Quest ultimo è comodo perché mi permette di lavorare un pochino.

Ilaria (RM) 27/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "A sette mesi non gattona, ma vuole camminare con il mio aiuto"

Scarpine primi passi: la scarpa più adatta
A che età posso cominciare a mettere le prime scarpine per i primi passi a mio figlio? cosa consiglia il pediatra.
Cammina sulla punta dei piedi
Camminare in punta di piedi è da considerarsi normale nel periodo che va da uno a due anni compiuti.
Cosa vuol dire ipertonia?
A mia figlia hanno diagnosticato una ipertonia. Cosa significa con esattezza?
Il girello: si o no?
Esistono diversi buoni motivi per non comprare il girello. Le motivazioni dei nostri esperti.
Cammina con i piedi in fuori
Alcuni bambini nei primi periodi in cui iniziano a camminare, mantengono la punta dei piedi in intrarotazione.
Tarda a parlare e camminare
Ogni bimbo ha i suoi tempi per iniziare a parlare e camminare, ma esistono dei limiti entro i quali il bimbo deve aver raggiunto una discreta autonomia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Quale terapia per l'angioma rilevato?
Dalla nascita ha due angiomi di cui il primo, è rilevato e di colore rossastro, sulla schiena. Il trattamento consigliato dal chirurgo.
Quando togliere il ciuccio?
Solitamente il ciuccio viene spontaneamente abbandonato verso i due-tre anni di vita a mano a mano che il piccolo acquista fiducia in se stesso.
Consigli per l'alimentazione in gravidanza
La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione.
Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta