ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Scarpine primi passi: la scarpa più adatta

A che età posso cominciare a mettere le prime scarpine per i primi passi a mio figlio? Quali caratteristiche devono avere le scarpine primi passi?

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

1° Domanda: Mio figlio di 13 mesi ha iniziato a camminare. Vorrei avere qualche consiglio su quali scarpine primi passi acquistare.
2° Domanda: a che età posso cominciare a mettere le prime scarpine a mio figlio? 

3° Domanda: Per cortesia, potrei avere un consiglio su come scegliere le scarpine per mia figlia di un anno e mezzo, che fra l'altro è anche piuttosto pesante (pesa 14 kg)? Le ho comperato delle scarpine che sono morbide dentro, ma è impossibile piegare il cuoio sotto la pianta del piede. Andranno bene?
4° Domanda: Come capire se le scarpe vanno bene o se sono diventate troppo corte?

Durante i primi mesi di vita il piede del lattante si comporta come un organo di senso, all'inizio addirittura meglio organizzato e con una sensibilità superficiale superiore a quella della mano, permettendo al bambino di esplorare l'ambiente circostante e di ricevere informazioni di tipo termico, tattile e dolorifico, fondamentali per lo sviluppo dello schema corporeo, dell'attività motoria e di tutta la muscolatura dell'arto inferiore.

E’ quindi consigliabile coprire i piedini soltanto quando si esce, più che altro per proteggerli dal freddo: saranno allora sufficienti dei calzettoni o delle pedule morbide senza suola. Quando il bebè inizia a camminare il piede non è ancora ben sviluppato e tende ad appiattirsi e a cedere verso l'interno; di conseguenza la marcia a piedi nudi, soprattutto su un terreno vario ed accidentato (erba, terra, sabbia, sassi) rappresenta il metodo più efficace per ottenere un corretto sviluppo del piede.

Camminare a piedi nudi permette alla muscolatura di rinforzarsi, consentendo la corretta formazione dell’arco plantare, caratteristicamente assente nei primi anni di vita. Il bambino nasce infatti con i piedi fisiologicamente piatti e solo dopo i tre anni si realizza la curvatura dell’arco plantare. In via generale è sempre bene che il bambino, quando è in casa, cammini a piedi scalzi o, se il pavimento è particolarmente freddo (ad esempio di marmo), con le calzine antisdrucciolo: esse forniscono un valido sostegno, non lo fanno scivolare e isolano il piede.

Ovviamente camminare a piedi nudi sul terreno piano e liscio, come può essere il pavimento di casa, offre una minore stimolazione alla pianta dei piedi, ma va lo stesso consigliato. Da quanto abbiamo appena detto si ricava che le scarpine non aiutano il bambino a camminare meglio o più presto, soprattutto nel momento in cui inizia a fare i primi passi, mentre diventano invece utili quando il piccolo è un po' più sicuro, anche per proteggere il piede dal freddo, dagli agenti atmosferici e dalle asperità del terreno.

Occorre inoltre sapere che, all'inizio della deambulazione, il passo del bambino avviene in modo diverso da quello dell'adulto: il bebè infatti appoggia contemporaneamente tutta la pianta del piede, strisciandola al suolo tra un passo e l'altro, a differenza dell'adulto che tocca il suolo prima con il tallone e poi con il resto del piede, piegando in ginocchio in modo da sollevare il piede ad ogni passo. La scelta della scarpa non deve perciò essere considerata come quella di un qualsiasi indumento, e non bisogna di conseguenza seguire solo l'estetica e i capricci della moda.

Occorre invece accertarsi che possieda determinate caratteristiche:

  • deve avere una punta ampia per consentire una giusta libertà di movimento ed una completa articolazione delle dita deve essere fornita di una suola flessibile, indispensabile per consentire la marcia sulle punte e la corsa, che rappresentano la ginnastica fisiologica per potenziare i muscoli del piede e della gamba.
  • Bisogna accertarsi perciò che la semplice pressione della mano sia sufficiente a piegare la parte anteriore della scarpa a 90 gradi la tomaia dev'essere in pelle e la suola in cuoio, quest’ultima per permettere un miglior scivolamento del piede sul suolo.
  • Occorre sapere che una suola in gomma ostacola tale scivolamento favorendo maggiormente le cadute il tacco dev'essere largo e squadrato, con un'altezza di circa un decimo della lunghezza totale della suola i contrafforti mediali e laterali, cioè i rinforzi della tomaia situati posteriormente da ambedue i lati, devono essere bassi, al di sotto dei malleoli, per non ostacolare l'articolazione della caviglia.
  • Sono da evitare le scarpe completamente prive di contrafforti, come quelle di tela o come le pantofole la lunghezza della scarpa, misurata con il bambino in piedi, deve essere di circa un 1,2-1,3 cm (corrispondente ad un dito trasverso) superiore alla lunghezza dell’alluce.

È opportuno ricordare che il piede, nei primi tre anni di vita, cresce all’incirca 3-4 mm al mese e quindi la calzatura va sostituita all’incirca ogni quattro mesi. Spesso la scarpa troppo stretta provoca una marcia a punte in dentro, e favorisce gli arrossamenti della cute e della zona intorno alle unghie.

Sono infine assolutamente da bandire le scarpe ortopediche o cosiddette "preventive" e/o "correttive", per intenderci quelle calzature con suola rigida, plantare ortopedico e allacciatura sopra la caviglia che, impedendo al piede di muoversi naturalmente, non gli permettono di crescere in modo armonico imponendo inoltre, così rigide come sono, un’andatura barcollante.

Un piede normale non ha bisogno di essere corretto nella sua evoluzione e una scarpa ortopedica va prescritta solo per una patologia in atto, dopo attenta valutazione dello specialista ortopedico, poiché non può essere standardizzata come se il piede fosse affetto da una sola e sempre uguale alterazione.

1/2/1998

22/9/2016

I commenti dei lettori

ok. Ho appena comprato le scarpine per il mio piccolo di dieci mesi che ha cominciato a camminare sostenendosi con le mani degli adulti. Cercherò di mettergliele il meno possibile (ma lui vuole camminare in posti non idonei... il treno, per strada... è per quei luoghi che ho preso le scarpine, peraltro con la punta aperta)



monica (RA) 21/08/2012

Questo e' molto importante !bravi che lo scrivete!! Io ho fatto camminare la mia bambina senza scarpe fino all'anno e mezzo ,in estate scalza o se necessario con calzettoni! E tutte le mamme addomesticate dalle varie case produttrici di prodotti x bambini mi davano della pazza incoscente!! Ultima cosa direi che sarebbe anche utile sottolineare l'importanza della respirazione del piede! Ora la mia bimba va alla scuola materna e x 7 ore vedo bimbi con scarpe da tennis!!! MA...DELLE PANTOFFOLE NEGLI ASILI? Sarebbe piu igenico e sano?? Che la scarpa da tennis in plastica gomma e .....puzza di sudore x non aggiungere altro!. Grazie.

Chiara (CO) 31/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Scarpine primi passi: la scarpa più adatta"

Cammina sulla punta dei piedi
Camminare in punta di piedi è da considerarsi normale nel periodo che va da uno a due anni compiuti.
A sette mesi non gattona
Non c'è fretta di far camminare un bambino: un bambino sano lo farà entro i termini di tempo fisiologici ma che possono essere diversi da soggetto a soggetto.
Cammina con i piedi in fuori
Alcuni bambini nei primi periodi in cui iniziano a camminare, mantengono la punta dei piedi in intrarotazione.
Tarda a parlare e camminare
Ogni bimbo ha i suoi tempi per iniziare a parlare e camminare, ma esistono dei limiti entro i quali il bimbo deve aver raggiunto una discreta autonomia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La tosse nei bambini: tosse persistente, tosse di notte, tosse secca. Quali rimedi adottare?
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.
Vaccinarsi contro la varicella prima di una gravidanza
E' opportuno che le donne che non hanno avuto la varicella eseguano la vaccinazione prima di intraprendere la gravidanza.
Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare