ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Deve fare una cistografia

Le è stata prescritta una cistografia a seguito di una infezioni delle vie urinarie. È indispensabile un ulteriore trattamento antibiotico profilattico?

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Alla mia bambina di 13 mesi è stata prescritta una cisto-uretrografia minzionale a seguito di una infezione delle vie urinarie. L'esame è previsto tre settimane dopo il termine della cura antibiotica risolutiva. È indispensabile un ulteriore trattamento antibiotico profilattico oppure è sufficiente il controllo delle urine una settimana prima dell'esame? L'esame in sé può avere conseguenze negative? E qual è la sua durata media?

Se la richiesta della cisto-uretrografia minzionale (CUM) è finalizzata alla ricerca di un possibile reflusso vescico-ureterale (dopo una infezione delle vie urinarie sintomatica) è preferibile continuare una profilassi antibiotica sino alla esecuzione dell'esame. Personalmente il giorno dell'esame e quello successivo consiglio una copertura antibiotica completa (doppia dose) per i rischi di contaminazione batterica collegati alla introduzione di un catetere vescicale. La durata media dell'esame è condizionata unicamente dalla rapidità con cui il/la piccolo/a paziente raggiunge la minzione spontanea.

Talvolta può essere piuttosto frustrante e difficoltoso attendere lo svuotamento della vescica ma in genere l'esame dura circa 20-30 minuti. L'esame comporta il cateterismo vescicale (fastidio modesto se eseguito con le dovute attenzioni) ed una irradiazione variabile a seconda della metodica utilizzata: cisto-sonografia (con eco-contrasto) = nessuna irradiazione cisto-scintigrafia (con radioisotopi) = irradiazione modesta cistografia fluoroscopica (radiologica) = maggiore irradiazione, circa 20 volte superiore a quella radioisotopica.

14/4/2003

4/3/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Deve fare una cistografia"

Reflusso vescico-ureterale
E' affetto da reflusso vescico-ureterale bilaterale di 3° grado. Le possibilità di guarigione spontanea sono elevate.
Urinocoltura e infezione delle vie urinarie
Urinocoltura: a cosa serve e come si esegue.
Diverticolo vescicale
Gli hanno scoperto un diverticolo vescicale. Regredirà con l'età? I consigli del chirurgo.
Infezione delle vie urinarie
Gli accertamenti diagnostici eseguiti non hanno documentato anomalie significative, ma a 20 mesi ha già avuto tre casi di infezioni delle vie urinarie.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Quali sono le cause della cistite?
Mia figlia è risultata positiva al batterio "escherichia coli" nelle urine. Quali sono le cause della cistite?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti caratteristiche di sviluppo non è di solito presente in un bambino di cinque mesi compiuti?
Emette piccole risa
Sorride ai visi sorridenti
Si osserva le mani
Gioca seduto sul pavimento o nel box