ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Linfadenite tubercolare

Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi) dovuta al bacillo della tubercolosi.

a cura di: Dott. Ezio Sartori (pediatra)

Che cosa è la linfadenite tubercolare: c'è stato un caso a scuola di mio figlio.

Gentile lettore, le notizie che ci comunica sono sfortunatamente troppo sintetiche per fornirle una risposta esauriente; proverò comunque a inquadrare il problema pregandola di approfondire l'argomento con altre domande.

Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi) dovuta al bacillo della tubercolosi (Mycobacterium tubercolosis). I linfonodi partecipano alle attività di difesa dell'organismo nei confronti degli agenti infettivi. Spesso in occasione di un mal di gola aumentano di volume i linfonodi del collo; talora se abbiamo un'infezione della gamba si gonfiano i linfonodi dell'inguine. In pratica ogni gruppo di linfonodi "tiene sotto controllo" una regione del nostro corpo.

I linfonodi superficiali sono quelli posti sotto la pelle in zone accessibili (ascelle, inguine, collo) per cui li possiamo toccare e ci accorgiamo subito quando aumentano di volume; quelli profondi sono posti all'interno del torace o dell'addome, svolgono le stesse funzioni di difesa però è necessario usare degli esami strumentali (radiografia, TAC, ecografia) per valutarne le dimensioni e le caratteristiche. Il termine linfadenite tubercolare può riferirsi sia al coinvolgimento di alcuni linfonodi posti all'interno del torace sia a quello dei linfonodi del collo (una localizzazione non rara).

È importante distinguere tra infezione e malattia. Si parla di infezione tubercolare quando un soggetto viene a contatto con il bacillo tubercolare (generalmente diffuso da un adulto che ha frequenti contatti con il bambino) e reagisce attivando il suo sistema immunitario ma non presenta segni di malattia (clinici, radiologici o di laboratorio). In questi casi la somministrazione al bambino di un farmaco antitubercolare , l'Isoniazide, per alcuni mesi realizza una efficace profilassi della diffusione dell'infezione.

Si parla di malattia tubercolare quando un bambino, venuto a contatto con il bacillo tubercolare, presenta segni clinici di malattia (polmonite, linfadenite superficiale o profonda, dimostrazione, dagli esami di laboratorio, di una reazione infiammatoria dell'organismo). La terapia prevede l'associazione di più farmaci (antibiotici specifici attivi nei confronti del bacillo tubercolare) per lunghi periodi di tempo e secondo schemi elaborati da studi clinici internazionali.

Quasi sempre si ottiene la guarigione della malattia: infatti la tubercolosi non ha più le caratteristiche consegnate alla storia dalla letteratura e dal melodramma e rimaste nei ricordi dei nostri genitori che hanno visto morire amici o parenti perché, fino al 1947, non vi era nessun antibiotico attivo contro il bacillo tubercolare.

Il bambino affetto da tubercolosi generalmente non è contagioso però rappresenta un segnale di allarme. In questi casi, infatti, è indispensabile procedere ad una accurata indagine epidemiologica alla ricerca del soggetto responsabile del contagio. Alcuni adulti possono diffondere nell'ambiente i bacilli della tubercolosi senza saperlo (pensi ad una persona anziana con bronchite cronica che tossisce più del solito ma non manifesta ancora sintomi tali da far pensare ad una riattivazione di una pregressa tubercolosi). Individuarli permette sia di curarli che di interrompere la sorgente di diffusione.

.

12/9/2002

26/8/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Linfadenite tubercolare"

Tubercolosi in famiglia
Un caso di tubercolosi in famiglia: i bambini devono fare il vaccino? I consigli del Pediatra.
Eritema nodoso
L'eritema nodoso del bambino è un'infiammazione del tessuto sottocutaneo profondo che si presenta sotto forma di lesioni di tipo nodulare, rotondeggianti.
Il vaccino contro la tubercolosi
Il vaccino contro la tubercolosi è costituito dal batterio tubercolare, che viene reso incapace di provocare la vera malattia.
Tubercolosi
Un caso di tubercolosi a scuola. Quali sono i rischi per i compagni di scuola?
Vaccino contro tubercolosi
Il vaccino è costituito dal batterio tubercolare che viene reso incapace di provocare la vera malattia.
Pneumomediastino e pneumotorace
Pneumomediastino e pneumotorace: le differenze tra le due malattie.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare