ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Mollusco contagioso nei bambini: sintomi e trattamento

Il mollusco contagioso è una infezione della pelle dovuta ad un virus, chiamato Poxvirus, che contagia i bambini per contatto diretto. Fra i sintomi manca il prurito. Il trattamento è locale.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Ho una bimba di quattro anni ed è già la seconda volta in un anno che sulla pelle di un braccio e sulla parte del torace adiacente al braccio (le parti sono a contatto), insorge il mollusco contagioso. La prima volta la bambina è stata curata con diversi metodi (grattage, azoto liquido), tutti metodi molto dolorosi per una bimba così piccola. Vorrei se possibile da voi una risposta per quanto concerne la possibile origine di questi foruncoli (la bimba frequenta tra l'altro una piscina pubblica) e se esistono altre forme di cura meno dolorose.

Il mollusco contagioso è una infezione della pelle dovuta ad un virus, chiamato Poxvirus, che di solito è presente in ambienti umidi quali i bordi delle piscine, gli spogliatoi, le docce, la sabbia: di conseguenza il rischio di contrarre la malattia è maggiore in estate. I molluschi, che appartengono alla famiglia delle verruche, sono però più contagiosi di queste e sono in grado di diffondersi rapidamente a varie parti del corpo come gli arti, sia superiori che inferiori, il volto, il tronco e spesso anche i genitali.

mollusco contagiosoPoiché il contagio avviene per contatto diretto, è possibile che si contagino anche bambini molto piccoli che hanno fratellini più grandicelli infetti; inoltre, per limitare la diffusione delle lesioni, occorre stare attenti che il paziente non si gratti dopo aver toccato le manifestazioni cutanee. I molluschi contagiosi appaiono come rigonfiamenti mollicci che hanno l’aspetto di una pallina di colore rosa chiaro o biancastro, con un buchino situato al centro di una piccola formazione concava, posta sulla loro sommità (questo aspetto particolare viene anche chiamato ombelicatura). Se si spreme la lesione si verifica una fuoriuscita, dal minuscolo buco, di secrezioni biancastre, che ricordano il sebo, molto infettive perché ricche di virus. Il mollusco contagioso, a differenza delle verruche, non è doloroso.

La terapia consiste nell’applicazione di sostanze irritative (sotto forma di liquidi o di cerotti) o nella distruzione delle lesioni individuali con curettage (cioè attraverso raschiamento con uno speciale cucchiaio dai bordi taglienti). Sono comuni tuttavia le recidive e lo sviluppo di nuove manifestazioni cutanee, anche se la maggior parte dei molluschi contagiosi va incontro ad una risoluzione spontanea. E’ possibile inoltre usare altri metodi come la crioterapia con azoto liquido (una tecnica attraverso la quale il rigonfiamento molle viene congelato, per poi seccarsi e staccarsi spontaneamente), la laser terapia (che sfrutta l’azione della luce ad elevatissima temperatura) o la diatermocoagulazione (che utilizza onde ad altissima frequenza).

1/4/1999

12/7/2016

I commenti dei lettori

Un semplice rimedio per la cura del mollusco contagioso e' l'applicazione di aceto di mela da sidro sulle lesioni cutanee. L'operazione e' semplice ed indolore: ogni piccolo rigonfiamento cutaneo viene coperto per 12 ore (una notte) con una piccola porzione di ovatta imbevuta di aceto di mele da sidro e lasciata a diretto contatto della pelle con l'ausilio di un cerotto non traspirante (l'aceto deve poter agire sulla lesione senza evaporare). L'aceto di mela da sidro e' una sostanza irritativa che secca i rigonfiamenti cutanei contenenti il virus, che dopo pochi giorni cadranno spontaneamente. E' possibile che, in caso di rigonfiamenti di maggior diametro, l'applicazione debba essere ripetuta piu' volte. L'aceto di mele da sidro e' un prodotto comunemente in commercio e reperibile in qualsiasi supermercato.

Isabella Macchia (RM) 27/10/2010

io ho risolto con una cera alla propoli comprata in erboristeria, di fatto una crema utilizzata per rimuovere calli e duroni dai piedi. in pratica "soffoca" il mollusco che poi si secca e diventa una crosticina e poi si stacca da solo. si applica un piccolo quantitativo di cera su ogni lesione per una notte ricoprendolo con un cerotto non traspirante (facilita il soffocamento e impedisce di togliere la cera).

Se con una prima applicazione non si risolve il problema si può ripetere l'applicazione la notte successiva e lasciare di giorno scoperta la lesione. l'applicazione può essere ripetuta piu' volte fino alla scomparsa totale della lesione.

è assolutamente indolore e quindi particolarmente indicata per i bimbi soprattutto se piccolini e a cui diventa terribile, oltre che complicato, infliggere crioterapia o curettage.

lucia (RE) 01/11/2010

IO HO RISOLTO CON LA EOSINA, UN LIQUIDO ROSSO COME IL MERCURIO CROMO. MESSA DUE VOLTE AL GIRNO, DOPO UN MESE E' PASSATO TUTTO.

CRISTINA (PN) 03/11/2010

Mi auguro sappiate darmi una risposta, ma mi chiedevo se spremute da queste pustoline esce anche sangue? Mi sono comparse delle minuscole bollicine molto simili a quelle descritte nell'articolo, ma del diametro di 1-1.5 mm di colore rosastre. Sembrano piu delle minuscole bolle d'acqua (quelle da ustioni per intenderci) e se spremute sembra proprio come quando si rompone le bolle d'acqua, si stacca la pelle superiore ma non esce alcun liquido, solo sangue, anche abbastanza per la dimensione della bollicina. Possono essere dei molluschi?...ne ho meno di una decina molto piccoli tra il pube e il basso addome in corrispondenza dell'elastico del boxer. Sono comparsi circa una settimana dopo aver provato un costume ad un negozio...possibile il semplice contatto con un tessuto sia bastato per il contagio? Sarò un po' fuori luogo visto che non sono più un bambino, ma questo è stato l'articolo più completo che ho trovato in rete. Grazie AD

Adriano (PI) 03/11/2010

Adriano, la tua sembra piuttosto una impetigine o una follicolite, cioè una infezione superficiale della pelle o dei follicoli piliferi causata da batteri. Ma ovviamente senti il tuo medico.

STAFF di MAMMAePAPA. 04/11/2010

la simo ha risolto estirpando i molluschi con un paio di comuni pinzette per ciclia, dopo aver anestetizzato la zona interessata con un un'apposita crema

simo ciccionazza (AO) 10/11/2010

Finalmente ho scoperto cosa mi copriva il collo da un po' di tempo, il dermatologo mi dice: "Signora sono dei molluschi, ne asportiamo uno per analizzarlo". Oggi invece ho fatto pulizia completa senza anestesia con un cucchiaino tagliente. Ora mi ritrovo il collo tutto rosso speriamo bene

rosaria castagnella (MI) 15/11/2010

vorrei gentilmente sapere il nome di quella cera alla propoli usata dalla signora per curare i molluschi contagiosi visto che mia figlia ne soffre saluti.

barbara (FM) 28/11/2011

ho 3 di questi molluschi venerdi ho fatto una visita..e martedì li tolgo con la dtc.. son in paranoia sparata!!! nn posso fare l amore per non so quanto e leggendo su internet pare nn vadano via!!! aiutoooooooooooooooooooooooooo!

andrea (AQ) 22/01/2012

E 4 mesi che ho sti molluschi addosso già 2 volte sono andati a toglierli ed ora si sta avvicinando la terza...

Kitano (MI) 15/05/2012

Ciao a tutti, ho un figlio di 6 anni e grazie alla piscina ha preso il mollusco contagioso. Vorrei raccontare la mia esperienza così da aiutare qualcuno se possibile... Appena visti i primi 2 "puntini" sono andata dal dermatologo il quale mi ha prescritto l'airol da applicare sulla parte la sera, un disinfettante la mattina e fialette di vitamine. Ho fatto la cura per 16 giorni ma, niente... da 2 sono diventati 6 + una fila di 4 tutti vicini. Il dermatologo mi aveva detto che se non andavano via doveva toglierli col "cucchiaio" ma sarebbe stato doloroso per il bambino, e da quì la mia ansia di trovare un rimedio onde evitargli questa brutta esperienza. Girando sul web ho trovato 2 commenti interessanti una prevedeva impacchi di aceto di mele di sidro la sera (coperti con un cerotto fino a mattina), e di questo non so dirvi nulla e un'altro dove una mamma diceva che il dermatologo aveva consigliato x la figlia lo smalto trasparente. All'inizio ero incerta ma dopo qualche giorno di dubbi ho voluto provare... l'ho applicato per 10 giorni quasi tutti i giorni, direttamente sui molluschi. Vi dirò all'inizio sembrava non esserci nessun risultato ma con mia sorpresa ho notato che dopo qualche giorno aver smesso cominciavano a formarsi crosticine sui molluschi e a ridimenzionarsi. Adesso la fila di 4 è andata quasi completamente via e anche il primo che si era ingrandito parecchio, quasi quanto un unghia. Non immaginate la mia gioia sapendo di aver risparmiato un dolore al mio bambino :) Spero di aiutare chi ha questo fastidioso problema (anche se non consiglio nessuna terapia ho solo raccontato la mia esperienza, magari chiedete prima al dermatologo). CIAO

barbara (RC) 05/06/2012

Salve, mio figlio di 4 anni ne ha almeno 17 molluschi su 2 gambe ed un braccio. Non abbiamo fatto niente fino adesso perché il piccolo ha avuto un brutto periodo tra mento spaccato e bendaggio per occhio pigro, ora ci mancavano solo i molluschi. Cmq il primo dermatologo ci ha assicurato che se ne andranno da soli, il secondo ci ha fatto firmare la liberatoria per toglierli con uno spray, ma il bambino si é messo a gridare dal dolore. Ieri sera ho provato con l'aceto di mele su 2 molluschi, oggi hanno giá la crosticina. Sembra funzioni, grazieeeeeee!

Eniko" (PA) 11/06/2012

Salve, mia figlia di soli due anni (non so come sia potuto accadere) ha contratto il mollusco contagioso. Da più giorni ha questi brufoli soprattutto sulle gambe. Diversi pareri medici mi hanno informata che non esiste alcun medicinale per bloccare il virus ma solo lo scucchiaiamento degli stessi. Tra pochi giorni dovrà sottoporsi all'intervento...sono molto preoccupata anche perchè non so se il problema si risolverà definitivamente.

Ester (CS) 14/07/2012

Salve, mia figlia di 7 anni ha questi molluschi contagiosi, sono molto preoccupata, perché il dermatologo mi ha detto q deve brucciarli, e senza anestesia, qualcuno per favore mi dia un consiglio, non vorrei fare soffrire mis figlia, questi molluschi sono grandi e crescono sempre di più sono intorno alle labbra, grazie.

Mariela (RM) 16/08/2012

Buonasera a tutte, ho un bambino di 2 anni e mezzo e dal'età di 2 anni ha contratto i molluschi contagiosi. I pediatri (ne ho sentito più di uno), mi hanno confermato che non esiste cura e l'unico modo è toglierli. Cosi l'ho portato all'IDI e glieli hanno tolti con una specie di pinzetta, questo già 2 volte, i molluschi ricrescono sempre e dovrei riportarlo, ma capitemi è un dolore enorme vederlo soffrire cosi'. Ho letto i vostri articoli sul rimedio con l'aceto o con la propoli. Potete perfavore indicarmi quale sia il rimedio più adatto? Aiutatemi a evitargli questa sofferenza. Grazie mille

manuela (RM) 28/08/2012

salve, ho una bambina di 2 anni che ha contratto da circa un mese questo mollusco contagioso! :( in tutto ne ha 5 tra cui uno sul ginocchio che diventa sempre più grande! la prima volta che l' ho visto sulla mano pensavo che fosse una pungitura di zanzara! inoltre ho notato che si sviluppano molto velocemente! il pediatra mi ha detto che bisogna aspettare 1-2 mesi perchè sono piccoli per poterli curare e poi potrebbero sparire da soli! ma questi si moltiplicanooo!!! ho letto nei vostri commenti che la soluzione meno invasiva ed efficace è data dal sidro di aceto di mele! ora scusate la mia ignoranza! ma l'ACETO DI MELE e il SIDRO DI ACETO DI MELE sono la stessa cosa o sono cose differenti!? io conosco l'aceto di mele ponti! va bene quello o avete utilizzato un'altro diverso! spero che mi rispondiate! sono veramente disperata per questa cosa! ho paura che si moltiplicano sul corpo!

giulia (BA) 01/09/2012

Buonasera,mia figlia di sei anni ne ha tre dei quali due sotto le ciglia dell'occhietto...il dermatologo mi ha detto che dovrebbero scomparire da soli evolvendosi nel migliore dei modi,altrimenti si vedrà poi se intervenire con una pomata ma ahimè mi ha già detto brucerà molto...sapete qualche rimedio naturale che si possa applicare su palpebre e contorno occhi? grazie mille.

max (RO) 19/09/2012

ciao! ho una bambina di appena 2 anni e da un mese gli sono stati diagnosticati molluschi contagiosi, ho girato parecchi specialisti (dermatologo, pediadra ecc. ecc.) sono andata, visto Che abito a roma, anche all'ospedale Bambin Gesù ma l'unica risposta era: NON ESISTONO CREME E RIMEDI IL PROBLEMA SI RISOLVE SOLO CON L'ASPORTAZIONE DELLE BOLLICINE". nel frattempo mia figlia si stava riempendo di bolle perche è parecchio contagioso. ho provato a fare una seduta di asportazione senza anestesia e mia figlia è rimasta traumatizzata. leggendo questo forum ho scoperto l'aceto di mele....FENOMENALE!!!!!!! inbevendo un batuffolo di ovatta e tenendolo femo su ogni singola bolla con un cerotto tutta la notte si forma gia la mattina successiva la crosticina che poi nel giro di qualche giorno cade. NON MI SEMBRAVA VERO!!! ancora sto terminando questa operazione perchè mia figlia si era veramente riempita. Chiedendo consiglio in farmacia la dottoressa gentilissima mi ha consigliato anche la crema naturale "THE TREE OIL" da applicare due volte algiorno anche quella risolve il problema ma un po più a lungo. Spero che questo che leggerete sia un ottimo consiglio per i vostri figli!!!! cia a tutti

roberta (RM) 27/09/2012

La mia esperienza: Mia figlia di 4 anni e mezzo aveva 13 molluschi su una gamba, la pediatra ci ha detto di non fare nulla che sarebbero passati nel giro di 1 anno. Purtroppo si sono propagati aumentando di numero. Siamo andati dalla dermatologa che si è arrabbiata dicendo che dovevamo andare prima. Ci ha fissato appuntamento per toglierli col cucchiaio e crema anestetica applicata 1 ora prima. Nel frattempo, leggendo qui abbiamo provato con l'aceto di mele che però ha "ustionato la pelle alla bimba". Ne ha seccati 2-3, ma il grosso era ancora lì. L'altro giorno la dermatologa ne ha tolti una trentina e tra qualche giorno dobbiamo tornare a toglierne ancora di piccolissimi che si sono formati in questi mesi. Nonostante la crema le ha fatto male ed ora è piena di croste. Speriamo non resti il segno.

Giulia (TV) 10/10/2012

Aggiungo com'è continuata: fatte 3 sedute in cui la dermatologa ha tolto con la curette almeno 25-30 molluschi a volta. Con l'Elma è stato sopportabile ma comunque doloroso per la bimba. L'altra settimana ne ho trovati altri 3 e ho riprovato con l'aceto di mele: 2 notti per tutta la notte, fondamentale che resti fermo e bagnato il cotone, quindi ho usato dei cerotti trasparenti non traspiranti e ritagliato cotone e cerotti il più piccoli possibile per localizzare il trattamento. Si sono seccati e dopo una settimana, disinfettando, sono saltati via!

Giulia (TV) 08/11/2012

Anch'io stesso problema da maggio la pediatra dice di aspettare durano circa un anno . Non sara' mica la stessa pediatra di (Giulia)

alberta (TV) 27/11/2012

Mio figlio a cinque anni ha contratto i molluschi, sulla schiena e le ascelle (tanti); il dermatologo ci ha consigliato curette, ma vista l'età era difficilissimo tenerlo fermo, cambiato il dermatologo, ci ha consigliato una crema applicata tutte le sere a base di acido acetilsalicitico e di chiama Monoderma(da solo un leggero bruciore basta soffiare sopra con delicatezza), insieme ad un integratore a base di echinacea, ebbene con pazienza e nel giro di un mese abbiamo risolto il problema, (non sono rimaste neanche cicatrici), senza che a distanza di un anno sia ricomparso; lo stesso gel lo ha usato mio marito per le verruche e anche in questo caso sono sparite; la curette per i bambini piccoli diventa un problema, e se si deve ripetere diventa un vero incubo (le urla di mio figlio si sentivano per tutto l'ospedale). spero che la mia esperienza sia utile ad altri

Daniela (TV) 14/12/2012

Ecco la mia esperienza. L'estate 2011, ho notato che il mio secondo figlio di soli 9 mesi aveva una pustoletta sotto il braccino, sul torace. Due pediatri su due l'hanno definita una verruchetta e mi hanno detto che si sarebbe risolta da sola. E' passato esattamente un anno e la scorsa estate (2011) questa "verruchetta" si è gonfiata, infiammata e presentava una parte centrale apparentemente piena di pus. La pediatra di famiglia mi ha detto di metterci del Gentalin Beta, per una settimana. Risultato si è seccata e cicatrizzata e ridotta ad un puntino rosso. Esattamente due mesi fa ne ho visto comparire una secoda sulla schiena e nel giro di 2/3 gg. il bambino che ora ha due anni, si è riempito di queste pustolette su tutto il lato destro del torace, ascella e spalla comprese. La pediatra mi ha finalmente consigliato lo specialista il quale mi ha diagnosticato dei molluschi contagliosi, presi dal mare probabilmente. Purtroppo io ho la "cattiva" abitudine di far fare spesso il bagno insieme ai miei figli e così ho controllando anche l'altro bimbo di 5 anni ed ho scoperto che anche lui ne ha una decina molto piccoli, su gambe e pancino, ma asintomatici. Il fatto è che fino allo scorso settembre lui andava in piscina, per cui capire chi a contagiato chi a queso punto è complicato. Anche a me il dermatologo ha dato l'Airol e degli stimolatori del sistema immunitario, e mi ha prospettato l'eradicazione con il laser. I risultati con l'Airol sono stati piuttosto scarsi, ne sono uscite altre 3/4 e una alla volta si stanno infettando tutte. Nell'attesa di un nuovo appuntamento dal dermatologo, la mia pediatra mi sta facendo mettere il Gentalin Beta e con due sole somministarzioni l'infiammazione è molto regredita e le pustolette si stanno seccando. Ho due domande per chiunque abbia una risposta: Se sono molluschi contagiosi (quindi virali) perchè con la pomata antibiotica ed il cortisone regrediscono? Siamo sicuri che non sia necessaria una cura sistemica per debellarli,visto che continuano a tornare? Grazie Angelica

Angelica (PE) 18/12/2012

Io non sapevo dell'aceto di mele o altro e quindi dopo aver monitorato il primo mollusco, in breve tempo ne sono arrivati altri 4. Ieri prima visita dal dermatologo che li ha tolti immediatamento con un piccolo strumento a cucchiaino. La mia bimba di 3 anni neppure un lamento. Ha fatto una lacrima e poi si è messa a giocare con lo sgabello dello studio. Mi ha consigliato una crema crystacide. Per ora ho risolto così, ricapitasse terrò presente alcuni vostri consigli.

Silvia (BS) 23/01/2013

Tolti i 9 molluschi con il metodo del cucchiaio a mia figlia di 3 anni, sulle gambe e sederino, scoperti ad agosto. 1 ora prima di portarla dal dermatologo le ho messo la crema anestetico Emla, prescritta dal pediatra e lei non ha sentito nulla.... adesso vediamo se ritornano.....

MARTINA (TN) 24/01/2013

ho un bimbo di 2 anni e mezzo ed e' da agosto scorso che combatto con i molluschi. mi e' strato confermato da piu' dermatoligi che non vanno usate creme cortisoniche e che secondo alcuni i molluschi non vanno toccati poiche' vanno via naturalmente. Purtroppo mio figlio ha piu' parti del corpo infette e nonostante sia stato piu' volte sottoposto a trattamento per eliminarli con il cuchiaio, sono ricomparsi. Ho provato anche il MOnoderma ma senza successo.Non sapevo dell'aceto di mele e stasera ho deciso di provare e vi faro' sapere. E' un'esperienza molto brutta poiche' mio figlio ad oggi e' traumatizzato e appena vede un camice bianco grida e piange!

rosa (NA) 19/02/2013

ho una bambina di 6 anni a settembre ho notato sulla pancia due puntini, li abbiamo lasciati in pace fino a novrmbre poi hanno cominciato a moltiplicarsi sulle braccia e sulle gambe. abbiamo preso appuntamento dal dermatologo che glieli ha tolti con un cucchiaino molto piccolo e molto tagliente, in pratica li grattano via, la bambina ha sofferto molto. In realtà funziona, dopo pochi giorni i graffi passano... Il fatto è i molluschi si ripresentano perciò la cura vale veramente poco per non parlare del male che devono sopportare i bambini!!! Poi ho provato con l'aceto di mele e devo dire che funziona, impacchino prima di andare a letto e la mattina dopo si vedono gia i primi risultati... per quelli più ostinati abbiamo ripetuto la notte dopo, poi in una settimana abbondante passa tutto... questa operazione la facciamo un po per volta perchè ne ha altri in giro per il corpo, è un po lunga come soluzione ma almeno speriamo di non dover ritornare dal dermatologo... ciao da Christian ( tn )

Christian (TR) 24/02/2013

ho un bambini di quattro anni con il mollusco virus che ormai sto tentando di curare da mesi li hanno asportati ho fatto la terapia con l'acido salicilico con il gentalin beta e la gentamicina più betametasone abbiamo provato di tutto ora ho letto dell'aceto di mele vorrei sapere se è l'aceto normale di mele, perchè l'aceto di mele da sidro non riesco a trovarlo vi ringrazio

erika (RO) 25/02/2013

Per Erika, io sto provando con l'aceto di mele biologico della coop... sull'etichetta c'è scritto che come componente c'è il sidro... Non so se funziona ho provato ieri sul mio bambino di 5 anni. Speriamo!

Paola (MI) 27/02/2013

il mio bambino piange ed inizia a grattarsi quando gli metto il cotone con l'aceto ieri sera ho provato con la crema comperata in erboristeria per le verruche e i duroni ne ho coperti quattro e almeno non si è disperato povero piccolo ho coperto la crema con un cerotto e stamane erano abbastanza secchi provo anche stasera e speriamo di riuscire a toglierli con l'aceto per lui era troppo doloroso piangeva povero amore con la crema almeno si lamenta ma non si dispera grazie Paola(ro)

erika (RO) 03/03/2013

La mia bambina di anni 6, dal trascorso ottobre contagiata da molluschi invadendo il collo. Dopo tante visite dermatologiche, si decideva di andare all'Idi, dove applicando un'ora prima una crema sulla parte interessata, le venivano asportati con uno strumento medico definito a cucchiaio. Un po' doloroso secondo il mio parere per un bambino, anche con l'applicazione della crema

Vincenzo (AV) 07/03/2013

anche la mia bambina di 3 anni ha preso il mollusco. diagnosi totalmente errata del pediatra e i molluschi si sono moltiplicati. già rimossi una volta, dobbiamo farlo di nuovo prossima settimana. ma come avete fatto con scuole ed asili nei vostri casi?

geo (TO) 10/03/2013

La mia bimba di due anni e mezzo ha una diecina di molluschi nella zona genitale. La pediatra mi ha fatto la richiesta per levarli con il metodo del cucchiaio in ospedale ma francamente ho l'ansia a mille vista la zona particolarmente delicata da trattare. ho letto dell'aceto di mele e stasera proverò ad utilizzarlo. la rimozione è prevista per il 30 maggio. spero da qui a quella data di ottenere risultati con l'aceto di mele.

laura (SP) 20/05/2013

Ciao. Anche mio figlio ha avuto i molluschi. La prima volta la dermatologa glieli ha punti con una specie di aghetto e schiacciati (più fastidio che dolore). La seconda volta ne aveva due sul fianco e un altro dermatologo glieli ha praticamente strappati con una pinza simile a quella per le ciglia (facendogli un gran male...!!!). Avevo provato anch'io con lo smalto per unghie ed anche con l'alcool etilico (su consiglio dermatologa) ma senza risultati... Spero non tornino più ma se succedesse proverò con aceto di mele di sidro. Terry 71

Elena (PC) 22/05/2013

Io ho provato Infectodell, un medicinale in vendita solo in Germania, lo si puo comprare anche in internet. E' un liquido da applicare due volte al giorno fino a che i molluschi si seccano e si staccano da soli!

Mir (VR) 27/05/2013

Infectodell non è altro che una soluzione di idrossido di potassio, preparabile in qualunque farmacia. Per i molluschi di mio figlio di 3 anni il dermatologo ha prescritto una soluzione al 5%. Lo sto trattando e attendo i risultati.

Stefano (BO) 07/06/2013

Mio figlio ha tre anni ed ha due molluschi sulla spalla; la dermatologa ci ha prescritto un acido da applicare per 10 giorni; ora mi ritrovo che i molluschi nn sono andati via ma bensi sono diventati piu grandi e si sono irritati diventando rossissimi, cosa mi consigliate? è il caso di provare con l'aceto di mela; venerdi dovrebbe toglierli con l'azoto ma preferirei evitarglielo!

arianna (LT) 09/07/2013

Buona sera a tutti,da un anno che combatto con questi maledetti molluschi nella zona inguinale,un po sono andati via con la tecnica dell'azoto che ripeto due volte al mese ma ho avuto miglior risultato con l'aceto di mele e con il te tree oil ,quest'ultimo mi sembra parecchio efficace,dopo tre quattro applicazioni li secca subito ed e'anche un disinfettante!l'ho comprato in erboristeria ma si trova anche nelle parafarmacie!spero vi sia utile questo mio consiglio come e'stato per me quello dell'aceto di mele (letto proprio su questo forum) per mio figlio(contagiato da me)!purtroppo nella zona inguinale i cerotti con l'aceto no aderiscono alla pelle e si staccano per questo ho provato poi il tra free oil che non ha bisogno di cerotto!

antonella (SI) 21/07/2013

Salve a tutti. A mia figlia è stato diagnosticato mollusco contagioso da aprile. Vorrei avere maggiori dettagli sull'utilizzo del tea tree oil sulle papule del mollusco contagioso. Usate quello puro dell'erboristeria ? Come lo applicate ? si può applicarlo anche su papule infiammate ? grazie

Valentina (BG) 22/07/2013

Anch'io grazie ai consigli di questo forum ho provato l'aceto di mele sulle lesioni di mio figlio di 3 anni. Posso confermare che è assolutamente miracoloso!!!! Le pustole sono sparitecon due giorni di trattamento. Grazie mille a coloro che hanno condiviso la loro esperienza. P,S. Aceto di mele tradizionale va bene uguale, io uello da sidro nn sono riuscita a trovarlo.

Roberta 05/08/2013

Mio figlio ha 18 mesi a poche settimane dalla nascita ho notato un minuscolo puntino in viso, pensavo che era di nascita, nell'ultimo periodo è cresciuto notevolmente, sono andata dal dermatologo mi ha detto che è una verruca che va scucchiata, ma essendo piccolo voleva vedere se riusciva ad andare via solo applicando acqua ossigenata, una cura a me strana, non contenta ho cconsultato un altro dermatologo, diagnosi: mollusco contagiso, mi ha dato un altra cura, un acido da applicare due volte al giorno, è il cortisone 1 volta al dì...il pensiero di applicare questo acido in viso che è la parte così delicata di un bambino, mi lascia un dubbio, così decido di consultare un terzo dermatologo, la diagnosi di quest ultimo: mollusco contagioso, non esiste cura si deve togliere presto per evitare di riempirsi.. adesso che fare !!!! Ho letto del propolì o delle aceto di mele vorrei provare questo, sono prodotti più naturali almeno... ma speriamo bene così da evitargli farmaci forti o addirittura di scucchiarli... vi farò sapere.. Valentina 29/08/2013

valentina (PA) 29/08/2013

Ciao , sono una mamma di una bimba di 6 e mi sono accorta circa 2 3 mesi fa di questi piccoli molluschi ( ne avra' circa una ventina). Dopo visita pediatrica mi ha consigliato una crema cosmetica. come immaginavo non ha fatto nessun miglioramento,anzi....ho preso appuntamento dal dermatologo con impegno per il 23 di toglierli mettendo una crema anestetica un ora prima dell intervento. Ma leggendo i vostri consigli e anche per il dolore che le faranno provero' ad usare l olio tee three visto che ce l ho in casa.. vi faro' sapere.

ory 10 (BL) 13/09/2013

Ciao a tutti. Anche i miei due bimbi di 4 e 8 anni hanno contratto il mollusco frequentando lo scorso inverno un corso di nuoto in una piscina. Da quanto ne ho saputo, è probabilissimo venire contagiati, specialmente i bambini che hanno il sistema immunitario non ancora maturo, ma che il virus manifesti i suoi effetti dipende molto dalla predisposizione al momento del contagio. Anche noi adulti ne siamo vittime, ma sono rari i casi in cui ne vediamo gli effetti perchè, come già detto, il sistema immunitrario di un adulto provvede più facilemente a debellarlo senza che nemmeno ce ne accorgiamo. Quindi, per i bimbi, è "solo questione di tempo", che può essere anche molto lungo (anche un anno o più). Il problema è quanti sono i molluschi e quanti fastidi arrecano. Il mio bimbo più piccolo ha iniziato con una decina fra petto e gambe e all'inizio non abbiamo dato peso, nemmeno conoscevamo questo virus. Poi si continuavano a moltiplicare: piccoli, medi, grandi... insomma a Primavera ne aveva almeno 50 fra dorso, gambe e braccia a un paio anche in viso, per fortuna piccolini. A parte un po' di prurito per quelli più grossi, per fortuna non gli arracavano molto fastidio. A questo punto, essendo io principalmente contrario all'uso esagerato dei farmaci, ho provato con l'aceto di mele, una crema lenitiva all'Aloe Vera, un'altra alla Calendula ed infine una crema particolare che si chiama Vimang. Per mia esperienza: L'aceto di mele, applicato sul tampone dei cerotti resistenti all'acqua e lasciato per tutta la notte, va benissimo, dopo 4-5 giorni, a "seccare" il ponfo, che, dopo qualche giorno, forma una crostina scura e poi sparisce. Ma i miei bimbi continuavano a moltiplicare ponfetti... Allora le pomate lenitive, specialmente dopo il bagno, riducevano il senso di prurito (nei giorni caldi pridevano di più). La pomata Vimang, a base di estratto di corteccia di Mango che avevo da un viaggio a Cuba (la fanno là) era la migliore: lenitiva e contemporaneamente "irritante" per i ponfi che, come con l'aceto, poi si seccavano. Ma la cosa migliore l'ho notata adesso, a fine estate, dove tutti i ponfetti sono gradualmente tutti scomparsi dai miei bimbi e credo proprio per il rafforzamento del loro sistema immunitario. Abbiamo avuto attenzione durante tutta l'estate di garantire un'alimentazione molto ricca di frutta e verdura, di essere sempre ben idratati, qualche integratore in più di sali e vitamine, abbiamo fatto molte passeggiate nei boschi in montagna e ci siamo impegnati a stare più lontano dallo stress "familiare" semza portare al nostro clima familiare troppi problemi legati al lavoro, ecc... insomma... ci siamo impegnati a voler "stare bene". Aggiungo che durante tutta l'estate i bimbi hanno frequentato piscine di ogni genere, quindi continuando ad essere esposti a pontenziali virus... Insomma, adesso non hanno più un segno! Concludo solo per dire di valutare l'effettiva gravità della situazione prima di procedere con farmaci (il cortisone no!!! è una soluzione "estrema"!) o, peggio, con lo scucchiamento: il più delle volte non si ottengono risultati. Il consiglio quindi è di provare varie strade, magari tante e poco invasive (es: omeopatia...), magari è più impegnativo per noi genitori, ma è un'atto d'amore verso i nostri bimbi... e comunque impegnarsi per una vita più "sana" è la miglior medicina (e ci fa sentire anche più "vivi"). Auguri a tutti di buona guarigione!

Lorenzo (GO) 17/09/2013

ciao a tutti. noi da gennaio ad oggi non ne siamo ancora usciti. 3 molluschi trattati con crioterapia, poi diagnosi sbagliata del dottore su circa una decina di puntini tutti localizzati sul mento, dopo un paio di mesi confermata diagnosi ma a quel punto erano troppi ovviamente per la crioterapia (anche se loro avrebbero voluto). Ma come si fa con una bimba di allora nemmeno un anno e mezzo! anche noi supponiamo causa la piscina. Al momento siamo in attesa di vedere le evoluzioni, 3 molluschi sulla gamba sono regrediti con una pomata da noi preparata seguendo indicazioni in rete su riviste scientifiche a base di tea tree oil, iodio, ittiolo. Quelli sul mento però non cedono. Altri hanno avuto l'esperienza di pustole diversamente reattive alle sostanze applicate? Nessuno di voi testimonia di restrizioni scolastiche, a qualcuno è successo? Proverò con l'aceto di mele, ma ho letto di qualcuno in questo post che riferisce di "pelle ustionata"..in che senso? succede a tutti?...ciao M.

M. (PR) 25/09/2013

mia figlia, 5 anni, dai primi di agosto che combattiamo 4 courettage, 2 crio terapia ..., non vi dico gli strilli, ne sonoi rimasti un paio per ora, proverò aceto di mele.

S. (RM) 22/10/2013

Buongiorno ho un bambino di 4 anni ed ha i molluschi contagiosi sulla palpebra e all'interno dell'occhio. Questo gli causa una perenne congiuntivite. Mi è stato detto che, poichè, la parte è molto sensibile i molluschi vanno rimossi...Dopo aver letto questo forum sospenderò la piscina che ha causato il contagio, e valuterò se sottoporre un bambino così piccolo ad un intervento così invasivo...(per lui si parla di un vero e proprio day hospital!!!). vi ringrazio

sonia (MI) 30/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.
Servono le lenti progressive nella miopia?
Non esiste nessuna evidenza scientifica che la lente Varifocale o progressiva sia utile nella gestione della miopia.
Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta