ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Un caso di tubercolosi a scuola

Per un caso di tubercolosi a scuola è necessario un trattamento preventivo antitubercolare a tutti i compagni? Il protocollo da seguire.

a cura di: Dott. Italo Marinelli (pediatra)

Nella scuola materna di mia figlia (tre anni e mezzo) un mese orsono si è verificato un caso di tubercolosi. Da un primo esame Mantoux (N.d.R.: l'intradermoreazione alla tubercolina secondo Mantoux si esegue inoculando, per via intradermica, 5 Unità di derivato di proteine purificate del bacillo della Tubercolosi, valutando l'eventuale comparsa di arrossamento e di indurimento intorno alla sede dell'inoculo) effettuato su tutti i bambini della scuola, mia figlia è risultata negativa ma ci è stato comunicato che si sono verificati due casi in infezione. I responsabili dell'unità sanitaria locale hanno convocato i genitori informandoli che sarà effettuato, a distanza di due mesi dal precedente, un secondo test Mantoux su tutti i bambini della scuola e che, in attesa dell'esito di questo secondo test, è consigliabile iniziare un trattamento preventivo antitubercolare, da sospendere nel caso il test confermi esito negativo come il primo test. Chiedo cortesemente se è opportuno iniziare una terapia di questo tipo in assenza di un test che confermi l'infezione e che controindicazioni e rischi ci sono per la bambina con una terapia del genere.

In presenza di un focolaio epidemico di tubercolosi in una scuola materna mi sembra che quanto è stato deciso dalle autorità sanitarie sia ragionevole e corretto alla luce delle correnti linee guida dell'Associazione Americana di Pediatria. È molto probabile, poiché il bambino piccolo è raramente infettante, che la fonte primaria del contagio sia stata un adulto operante nella struttura. Tale situazione impone di verificare subito se i bambini sono stati contagiati eseguendo su tutti una prima Mantoux, mentre la ripetizione del test è giustificata dal tempo di latenza della cuti-positività (alcuni bambini che al primo esame erano negativi potrebbero positivizzarsi successivamente).

Nei due mesi di attesa è comunque indicato un trattamento profilattico, in tutti, con Isoniazide. Quest'ultimo farmaco di solito è ben tollerato dal bambino: il principale effetto avverso, l'epatite, ha un'incidenza molto bassa in età pediatrica. Possono inoltre verificarsi, anche se raramente, sintomi neurologici, come convulsioni o neuriti ( infiammazioni dei nervi periferici), a causa dell'interferenza con il metabolismo della piridossina (vitamina B6).

24/7/2002

24/6/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Un caso di tubercolosi a scuola"

Il vaccino contro la tubercolosi
Il vaccino contro la tubercolosi è costituito dal batterio tubercolare, che viene reso incapace di provocare la vera malattia.
Pneumomediastino e pneumotorace
Pneumomediastino e pneumotorace: le differenze tra le due malattie.
Tubercolosi
Un caso di tubercolosi a scuola. Quali sono i rischi per i compagni di scuola?
Vaccino contro tubercolosi
Il vaccino è costituito dal batterio tubercolare che viene reso incapace di provocare la vera malattia.
Tubercolosi in famiglia
Un caso di tubercolosi in famiglia: i bambini devono fare il vaccino? I consigli del Pediatra.
Eritema nodoso
L'eritema nodoso del bambino è un'infiammazione del tessuto sottocutaneo profondo che si presenta sotto forma di lesioni di tipo nodulare, rotondeggianti.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Astigmatismo ed occhiali
Gli hanno prescritto gli occhiali per un lieve astigmatismo: sono proprio necessari in un bambino piccolo? I consigli dell'oculista.
Circonferenza del cranio nel neonato
La circonferenza del cranio deve essere regolare per velocità di accrescimento e per dimensioni in base all'età del bambino.
Entra in crisi se le si toccano i giocattoli
A questa età è normale che se le toccano un giocattolo vada in crisi. I consigli della psicologa.
Cianosi
La cianosi è il colorito scuro-bluastro della cute che normalmente indica un problema di scarsa ossigenazione dei tessuti.
Perdite di sangue in gravidanza
Trovare delle perdite di sangue durante la gravidanza può rientrare nella normalità o essere un segno di allarme. Meglio chiamare il ginecologo.

Quiz della settimana

Che cosa significa la parola astenia?
Essere privo di forza
Altezza al di sotto della media
Carenza di vitamine
Sonnolenza