ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Rast positivo per l'uovo

L'esame Rast serve a svelare la presenza di anticorpi specifici di tipo allergico (reagine o IgE) nel sangue del paziente.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Ultimamente ho fatto delle analisi del sangue a mia figlia dove si è riscontrato, sul test delle allergie alimentari, un primo livello di allergia all'uovo. Ora vorrei un vostro parere in proposito, visto che mia figlia prima di queste analisi mangiava regolarmente le uova senza aver mai avuto nessun problema.

Credo che lei si riferisca, allorquando dice: " ... si è riscontrato un primo livello di allergia...", ad un esame Rast positivo per uovo con un valore corrispondente ad una prima classe. L'esame Rast serve a svelare la presenza di anticorpi specifici di tipo allergico (reagine o IgE) nel sangue del paziente, rivolti verso un particolare antigene. Si parla di positività certa a partire dalla III classe, mentre le classi I e II rappresentano una positività dubbia.

È necessario però sempre inquadrare il tutto nel contesto clinico del paziente e valutare anche i prick-test cutanei. Nel caso di sua figlia lei asserisce che non ha mai avuto sintomi, pur mangiando l'uovo regolarmente, quindi nasce spontaneo chiedersi perché ha praticato il Rast? Se il medico lo ha consigliato avrà ravvisato la necessità, in base ad alcuni disturbi, di individuare una probabile allergia alimentare.

Altra cosa importante è il valore delle IgE totali (Prist): infatti è più facile avere una falsa positività del Rast (di solito classi I e II) quando le IgE totali sono molto alte.

In conclusione per avere le idee più chiare sarebbe necessario conoscere se la piccola ha o ha avuto sintomi tali da far sospettare un'allergia, il valore delle IgE e l'esito dei prick test. Sulla base del solo esame (Rast positivo in classe I per uovo) non bisogna fare alcuna dieta.

23/1/2001

2/6/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Rast positivo per l'uovo"

Vaccino anti-morbillo e allergia all'uovo
I vaccini contro il morbillo e la parotite, contengono tutti minime quantità di proteine dell’uovo. Ma nessun problema a vaccinare.
Prick-test: i test cutanei per l'allergia
Il Prick test è uno degli esami fondamentali per la diagnosi di allergia nei bambini.
Interpretazione del Prist e del Rast
Prist e Rast sono due sigle utilizzate per individuare due esami effettuabili sul siero per individuare la presenza di elevati livelli di IgE.
Quando provare l'uovo in un allergico?
Mio figlio è allergico alle proteine del latte. Quando fargli provare l'uovo?
E' allergico all'uovo?
Dopo aver mangiato l'uovo ho notato delle chiazze rosse intorno alla bocca e sul mento. La manifestazione che manifesta fa pensare all'allergia all'uovo.
Il prick test è risultato positivo
Il prick test positivo indica la presenza nel paziente di anticorpi specifici (IgE) per quell'antigene alimentare testato.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Genitori e figli giocano
Il gioco tra genitori e figli permette di migliorare la relazione familiare.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.
Strofulo
Lo strofulo è una malattia legata ad una sensibilizzazione a sostanze irritanti o tossiche presenti nelle punture di insetti.
Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita