ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Una cistografia senza catetere

La Cisto-scintigrafia indiretta si differenzia dalla diretta per la mancata introduzione di un catetere "direttamente" in vescica. È una indagine meno traumatica per il piccolo paziente.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

La cisto-scintigrafia indiretta può sostituire la cistografia minzionale? Con la scintigrafia renale sequenziale MAG3 ho letto che è possibile effettuare, in fase finale, una cisto-scintigrafia indiretta (senza utilizzare un catetere). Con questo tipo di esame si può pensare di sostituire la cistografia minzionale?

La Cisto-scintigrafia indiretta si differenzia dalla diretta per la mancata introduzione di un catetere "direttamente" in vescica. È quindi ovviamente una indagine meno invasiva e meno traumatica per il piccolo paziente. Tuttavia devono essere considerati alcuni aspetti fondamentali in quanto non è corretto pensare che possa essere a tutti gli effetti completamente sostitutiva di un esame cistografico (scintigrafico o fluoroscopico) diretto. Per poter eseguire un esame indiretto è assolutamente necessaria la piena collaborazione del bambino/a e quindi generalmente non è tecnicamente possibile eseguirla prima dei quattro anni.

Con questo esame non è assolutamente documentata in maniera adeguata l'uretra maschile e se è importante uno studio anatomico dell'uretra (ad esempio per escludere una valvola uretrale) non può essere utilizzata questa metodica. In pratica quindi si usa la cisto-scintigrafia indiretta per una valutazione del reflusso vescico-ureterale in un controllo a distanza, dopo un periodo di terapia conservativa con una profilassi antibiotica. I risultati ottenuti sono comunque meno specifici dell'esame diretto per i reflussi vescico-ureterali di basso grado (ma il significato clinico di un reflusso vescica-ureterale di basso grado è molto discutibile). Nella nostra esperienza è un esame sempre utilizzato (e ben accettato) nel follow-up dei bambini con reflusso vescico-ureterale sopra i quattro anni.

17/6/2004

24/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Una cistografia senza catetere"

Scintigrafia renale e cisto-uretrografia
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia. In che cosa consistono questi esami?
Cistografia
Le è stata prescritta una cistografia a seguito di una infezioni delle vie urinarie. È indispensabile un ulteriore trattamento antibiotico profilattico?
Scintigrafia renale su un neonato
Per conoscere l'esatta funzionalità di entrambi i reni serve una scintigrafia renale. Nel neonato non è un esame urgente.
Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica