ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Una cistografia senza catetere

La Cisto-scintigrafia indiretta si differenzia dalla diretta per la mancata introduzione di un catetere "direttamente" in vescica. È una indagine meno traumatica per il piccolo paziente.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

La cisto-scintigrafia indiretta può sostituire la cistografia minzionale? Con la scintigrafia renale sequenziale MAG3 ho letto che è possibile effettuare, in fase finale, una cisto-scintigrafia indiretta (senza utilizzare un catetere). Con questo tipo di esame si può pensare di sostituire la cistografia minzionale?

La Cisto-scintigrafia indiretta si differenzia dalla diretta per la mancata introduzione di un catetere "direttamente" in vescica. È quindi ovviamente una indagine meno invasiva e meno traumatica per il piccolo paziente. Tuttavia devono essere considerati alcuni aspetti fondamentali in quanto non è corretto pensare che possa essere a tutti gli effetti completamente sostitutiva di un esame cistografico (scintigrafico o fluoroscopico) diretto. Per poter eseguire un esame indiretto è assolutamente necessaria la piena collaborazione del bambino/a e quindi generalmente non è tecnicamente possibile eseguirla prima dei quattro anni.

Con questo esame non è assolutamente documentata in maniera adeguata l'uretra maschile e se è importante uno studio anatomico dell'uretra (ad esempio per escludere una valvola uretrale) non può essere utilizzata questa metodica. In pratica quindi si usa la cisto-scintigrafia indiretta per una valutazione del reflusso vescico-ureterale in un controllo a distanza, dopo un periodo di terapia conservativa con una profilassi antibiotica. I risultati ottenuti sono comunque meno specifici dell'esame diretto per i reflussi vescico-ureterali di basso grado (ma il significato clinico di un reflusso vescica-ureterale di basso grado è molto discutibile). Nella nostra esperienza è un esame sempre utilizzato (e ben accettato) nel follow-up dei bambini con reflusso vescico-ureterale sopra i quattro anni.

17/6/2004

24/7/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Una cistografia senza catetere"

Cistografia
Le è stata prescritta una cistografia a seguito di una infezioni delle vie urinarie. I consigli dell'urologo.
Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia
Scintigrafia renale e cisto-uretrografia. In che cosa consistono questi esami? Il parere dell'esperto.
Scintigrafia renale su un neonato
Per conoscere l'esatta funzionalità di entrambi i reni serve una scintigrafia renale. Nel neonato non è un esame urgente.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti caratteristiche di sviluppo non è di solito presente in un bambino di cinque mesi compiuti?
Emette piccole risa
Sorride ai visi sorridenti
Si osserva le mani
Gioca seduto sul pavimento o nel box