ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Pielectasia bilaterale

In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Sono una mamma di un bambino di tre mesi; alla 14° settimana di gravidanza è stata diagnosticata al mio bambino una pielectasia bilaterale, tenuta sotto controllo fino alla nascita. Poco prima del parto la pelvi di destra era di 9 mm e quella di sinistra di 13 mm con un parenchima renale sinistro di 9 mm. Dopo la nascita il bambino ha risolto naturalmente il problema presente nella pelvi di destra ma quello a sinistra persisteva. Mi è stato dato appuntamento per un'ecografia di controllo dopo un mese e la pelvi aveva dimensioni di 15 mm con un parenchima renale di 8 mm. Ho tenuto costantemente il bambino sotto controllo attraverso esami delle urine ed urinocultura, risultate negative fino al mese scorso. Questo mese ha contratto un'infezione da enterococco e, dopo un'altra ecografia, la pelvi è di 17 mm ed il parenchima renale di 4 mm. Mi è stato consigliato di fare una cistografia ed un'angioscintigrafia. Vorrei sapere se l'intervento è necessario oppure no, e se con il passare del tempo il parenchima renale diminuisse ancora di più che cosa succede? Sono esami dolorosi che possono comportare problemi o fastidi per il bambino?

Gentile Signora, il primo commento alla sua domanda è che in Medicina deve essere fatta una diagnosi prima di potere discutere una eventuale terapia!

La storia clinica (diagnosi prenatale di pielectasia di entità variabile culminata in una recente infezione delle vie urinarie) è fortemente "sospetta" per un possibile e probabile reflusso vescico-ureterale (RVU, fenomeno patologico di risalita intermittente di urina dalla vescica alle alte vie urinarie).

La seconda possibilità è che vi sia una dilatazione del bacinetto renale secondaria ad una parziale ostruzione a livello della giunzione pielo-ureterale (punto di passaggio tra la pelvi renale e l'uretere). E' quindi corretto programmare due ulteriori esami diagnostici in aggiunta alle ecografie sino ad ora eseguite

La cistografia minzionale consiste nella delicata introduzione, sterilmente, di un piccolo tubicino (catetere) in vescica attraverso il pisellino e di verificare, durante il graduale riempimento e durante lo svuotamento (fase minzionale), se è presente un RVU.

E' un esame che dura circa 30 minuti e certamente è molto meglio tollerato da un lattante di pochi mesi che da un bambino di due anni dove la reattività psicologica è nettamente superiore. Se eseguito in una struttura competente è un esame non complicato nè doloroso.

La scintigrafia renale sequenziale MAG3 consiste nella iniezione endovenosa di una sostanza a basso dosaggio radioattivo (radioisotopo) che permette di stabilire la esatta funzionalità separata dei due reni e di valutare la fase escretoria (cioè come si svuotano i reni) per escludere una eventuale ostruzione nella via urinaria. L'esame dura circa 30 minuti, non richiede il digiuno ma è anzi importante una buona idratazione.

Quando sarà noto l'esito di questi due esami si potrà definire quale è stata la causa della infezione urinaria del suo piccolo e, con una diagnosi, poter stabilire la migliore terapia. Non credo che si prospetti comunque nessun intervento chirurgico immediato ma riterrei molto più probabile un iniziale periodo di monitoraggio clinico della situazione.

 

22/10/2010

9/4/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Pielectasia bilaterale"

Vie urinarie dilatate
Vie urinarie dilatate. Cosa comporta questa malformazione? Come si deve prevenire o curare? Il consiglio dell'urologo.
Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale rilevata durante la gravidanza, necessita di essere rivalutata dopo la nascita.
Idronefrosi: una dilatazione nel rene
Alla 35° settimana di gravidanza è stata diagnosticata al bambino una idronefrosi, descritta come dilatazione del rene.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale è un riscontro assai frequente e non ha conseguenza patologiche.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'obesità infantile
Negli ultimi decenni il numero di bambini con problemi di peso, in Italia come nel resto del mondo industrializzato, è costantemente aumentato.
Quali giochi per non annoiarla?
Si annoia con i giochi per la sua età. I consigli dei giochi da proporre per non annoiarla.
Temperatura in casa con un neonato
Quale temperatura deve essere tenuta in casa quando si ha un neonato? I consigli del Pediatra.
Neurofibromatosi
Con il termine di neurofibromatosi si intendono almeno sette diverse malattie genetiche. Nel 50% dei casi la malattia viene ereditata da un genitore affetto.
Poppata notturna del neonato
Non sempre è necessario dare la poppata notturna ad un neonato. I consigli del Pediatra.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il paracetamolo è sbagliata?
Calma il dolore
Ha una forte azione anti-infiammatoria
Viene ben tollerato a livello gastrointestinale
Puo' essere somministrato durante l'allattamento