ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha le vie urinarie dilatate

La presenza di una dilatazione renale (calico-pielectasia, se lieve o idronefrosi, se più grave) riscontrata in epoca prenatale deve essere sempre verificata al controllo ecografico neonatale.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Sono un fortunato neopapà di un bimbo di 27 giorni. Alla 22° settimana di gestazione, all'ecografia, è sorta una malformazione "ectasia pielica fetale bilaterale, 10 x 7 mm a destra, 11 x 9 mm a sinistra". Alla nascita questa malformazione si è confermata solo per un rene con una dilatazione a sinistra di 26 x 11 mm. Il pediatra consiglia un controllo fra un mese. Vorrei sapere: cosa comporta questa malformazione? Come si deve prevenire o curare?

La presenza di una dilatazione renale (calico-pielectasia, se lieve o idronefrosi, se più grave) riscontrata in epoca prenatale deve essere sempre verificata al controllo ecografico neonatale. Nel caso in questione si è rilevata la apparente risoluzione da un lato e la progressione dal lato opposto, con un incremento della dilatazione.

Esistono sostanzialmente tre possibili spiegazioni:

  • Reflusso vescico-ureterale cioè la risalita patologica ed intermittente di urine dalla vescica alle alte vie urinarie. Questa rappresenta in assoluto la causa più frequente e potenzialmente pericolosa di infezioni delle vie urinarie nei primi mesi di vita.
  • Una possibile ostruzione nel passaggio tra il bacinetto renale ed il primo tratto di uretere (stenosi della giunzione pielo-ureterale). Questa situazione può comportare una compromissione del parenchima renale variabile e richiedere un intervento chirurgico correttivo, talvolta necessario già nei primi mesi di vita.
  • La terza possibilità è quella di una dilatazione della via urinaria, non associata ad un reflusso né ad una ostruzione. In altre parole la "forma" del bacinetto è allargata (ampollare), per una conformazione congenita, senza tuttavia essere causa di alcun problema. In quest'ultimo caso non è necessario alcun tipo di trattamento.

Alla nascita, in attesa di stabilire la diagnosi corretta, è opportuno iniziare una profilassi antibiotica per la prevenzione di possibili infezioni delle vie urinarie e certamente è necessario un nuovo controllo ecografico ad un mese. Inoltre è opportuna una ulteriore valutazione con una scintigrafia renale e, quasi sempre, una cistografia (scintigrafica o sonografica) per escludere un reflusso vescica-ureterale.

5/2/2002

10/6/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha le vie urinarie dilatate"

Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale rilevata durante la gravidanza, necessita di essere rivalutata dopo la nascita.
Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale è un riscontro assai frequente e non ha conseguenza patologiche.
Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.
La febbre nel bambino
Informazioni e raccomandazioni utili sulla febbre nei bambini.
Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte