ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha una dilatazione del bacinetto renale

La dilatazione del bacinetto renale rilevata durante la gravidanza, necessita di essere rivalutata dopo la nascita.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Al mio nipotino di due mesi è stata diagnosticata, durante un'ecografia di controllo in gravidanza, una pielectasia (N.d.R.: dilatazione del bacinetto renale) ad entrambi i reni, una di 2°grado e una di 3° grado. Ai genitori è stato proposto un esame di controllo (scintigrafia) da eseguire in day-hospital in quanto il bambino verrebbe addormentato: sono molto perplesso riguardo a questo fatto soprattutto perché non riesco a comprendere l'utilità dell'esame proposto dall'urologo.

Il riscontro di una dilatazione renale significativa (2° e 3°) in seguito ad una segnalazione ecografica prenatale necessita assolutamente di essere rivalutata dopo la nascita. Generalmente vengono eseguiti degli accertamenti che sono:un nuovo controllo ecografico neonatale e, se confermata la dilatazione significativa (come in questo caso), è opportuno iniziare immediatamente una profilassi antibiotica precauzionale; scintigrafia renale sequenziale MAG3 (o DTPA) generalmente dopo il primo mese. Il motivo è quello di escludere una eventuale dilatazione secondaria ad una ostruzione (uropatia ostruttiva) dell'alta via urinaria (stenosi della giunzione pielo-ureterale o uretero-vescicale).

Per questo tipo di esame non è assolutamente necessario addormentare il bambino e, nella nostra esperienza, non è necessario alcun tipo di sedazione!!! infine, per escludere la eventuale presenza di un reflusso vescico-ureterale, è indicato un esame mirato che, a seconda delle possibilità locali e/o preferenze, potrà essere cistografia minzionale o cisto-scintigrafia o cisto-sonografia. Penso che con una dilatazione del genere il nonno dovrebbe essere più preoccupato se non fossero fatti i dovuti accertamenti al suo nipotino.

19/2/2002

18/10/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha una dilatazione del bacinetto renale"

Vie urinarie dilatate
Vie urinarie dilatate. Cosa comporta questa malformazione? Come si deve prevenire o curare? Il consiglio dell'urologo.
Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
Idronefrosi: una dilatazione nel rene
Alla 35° settimana di gravidanza è stata diagnosticata al bambino una idronefrosi, descritta come dilatazione del rene.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale è un riscontro assai frequente e non ha conseguenza patologiche.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Anemia
Le cause possono essere congenite, trasmesse cioè con meccanismo ereditario, o acquisite durante il corso della vita.
Non vuole stare nel passeggino
Il tuo bambino non vuole stare nel passeggino? Alcuni consigli pratici su come fare a risolvere la situazione.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Emorroidi in gravidanza
Le emorroidi sono un disturbo frequente durante la gravidanza. Le cause e i rimedi suggeriti dal ginecologo.

Quiz della settimana

Quando si è punti da una zecca, quale dei seguenti comportamenti occorre seguire?
Rimuovere la zecca con alcool o acetone
Lasciare la zecca in sede per alcune ore facendola intontire con ammoniaca
Rimuovere la zecca prontamente con una pinzetta
Schiacciare subito la zecca nella sede della morsicatura