ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha una dilatazione del bacinetto renale

La dilatazione del bacinetto renale rilevata durante la gravidanza, necessita di essere rivalutata dopo la nascita.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Al mio nipotino di due mesi è stata diagnosticata, durante un'ecografia di controllo in gravidanza, una pielectasia (N.d.R.: dilatazione del bacinetto renale) ad entrambi i reni, una di 2°grado e una di 3° grado. Ai genitori è stato proposto un esame di controllo (scintigrafia) da eseguire in day-hospital in quanto il bambino verrebbe addormentato: sono molto perplesso riguardo a questo fatto soprattutto perché non riesco a comprendere l'utilità dell'esame proposto dall'urologo.

Il riscontro di una dilatazione renale significativa (2° e 3°) in seguito ad una segnalazione ecografica prenatale necessita assolutamente di essere rivalutata dopo la nascita. Generalmente vengono eseguiti degli accertamenti che sono:un nuovo controllo ecografico neonatale e, se confermata la dilatazione significativa (come in questo caso), è opportuno iniziare immediatamente una profilassi antibiotica precauzionale; scintigrafia renale sequenziale MAG3 (o DTPA) generalmente dopo il primo mese. Il motivo è quello di escludere una eventuale dilatazione secondaria ad una ostruzione (uropatia ostruttiva) dell'alta via urinaria (stenosi della giunzione pielo-ureterale o uretero-vescicale).

Per questo tipo di esame non è assolutamente necessario addormentare il bambino e, nella nostra esperienza, non è necessario alcun tipo di sedazione!!! infine, per escludere la eventuale presenza di un reflusso vescico-ureterale, è indicato un esame mirato che, a seconda delle possibilità locali e/o preferenze, potrà essere cistografia minzionale o cisto-scintigrafia o cisto-sonografia. Penso che con una dilatazione del genere il nonno dovrebbe essere più preoccupato se non fossero fatti i dovuti accertamenti al suo nipotino.

19/2/2002

18/10/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha una dilatazione del bacinetto renale"

Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Idronefrosi: una dilatazione nel rene
Alla 35° settimana di gravidanza è stata diagnosticata al bambino una idronefrosi, descritta come dilatazione del rene.
Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale è un riscontro assai frequente e non ha conseguenza patologiche.
Vie urinarie dilatate
Vie urinarie dilatate. Cosa comporta questa malformazione? Come si deve prevenire o curare? Il consiglio dell'urologo.
Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Macchie al viso in gravidanza
A partire dal 3°-4° mese di gravidanza è possibile notare la comparsa di piccole macchie marroni sul viso soprattutto nelle donne brune.
Trasposizione delle grandi arterie
La trasposizione delle grandi arterie è una malformazione cardiaca complessa. E' preferibile correggere la lesione attorno all'anno di vita.
A tre anni non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Latte vaccino
Perchè non bisogna dare il latte vaccino ad un neonato e ad un bambino nel primo anno di vita? Il pediatra spiega il motivo.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita