ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha una dilatazione del bacinetto renale

La dilatazione del bacinetto renale rilevata durante la gravidanza, necessita di essere rivalutata dopo la nascita.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Al mio nipotino di due mesi è stata diagnosticata, durante un'ecografia di controllo in gravidanza, una pielectasia (N.d.R.: dilatazione del bacinetto renale) ad entrambi i reni, una di 2°grado e una di 3° grado. Ai genitori è stato proposto un esame di controllo (scintigrafia) da eseguire in day-hospital in quanto il bambino verrebbe addormentato: sono molto perplesso riguardo a questo fatto soprattutto perché non riesco a comprendere l'utilità dell'esame proposto dall'urologo.

Il riscontro di una dilatazione renale significativa (2° e 3°) in seguito ad una segnalazione ecografica prenatale necessita assolutamente di essere rivalutata dopo la nascita. Generalmente vengono eseguiti degli accertamenti che sono:un nuovo controllo ecografico neonatale e, se confermata la dilatazione significativa (come in questo caso), è opportuno iniziare immediatamente una profilassi antibiotica precauzionale; scintigrafia renale sequenziale MAG3 (o DTPA) generalmente dopo il primo mese. Il motivo è quello di escludere una eventuale dilatazione secondaria ad una ostruzione (uropatia ostruttiva) dell'alta via urinaria (stenosi della giunzione pielo-ureterale o uretero-vescicale).

Per questo tipo di esame non è assolutamente necessario addormentare il bambino e, nella nostra esperienza, non è necessario alcun tipo di sedazione!!! infine, per escludere la eventuale presenza di un reflusso vescico-ureterale, è indicato un esame mirato che, a seconda delle possibilità locali e/o preferenze, potrà essere cistografia minzionale o cisto-scintigrafia o cisto-sonografia. Penso che con una dilatazione del genere il nonno dovrebbe essere più preoccupato se non fossero fatti i dovuti accertamenti al suo nipotino.

19/2/2002

18/10/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha una dilatazione del bacinetto renale"

Vie urinarie dilatate
Vie urinarie dilatate. Cosa comporta questa malformazione? Come si deve prevenire o curare? Il consiglio dell'urologo.
Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale è un riscontro assai frequente e non ha conseguenza patologiche.
Idronefrosi: una dilatazione nel rene
Alla 35° settimana di gravidanza è stata diagnosticata al bambino una idronefrosi, descritta come dilatazione del rene.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dopo il parto
Dopo il parto che cosa succede al corpo della mamma? Il brusco cambiamento avvenuto con il parto porta l'organismo ad una serie di modificazioni.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Trauma cranico: cosa fare quando un bambino sbatte la testa
Come gestire il trauma cranico. Non è sempre necessario portarlo in ospedale.
Non vuole stare con suo papà
Mia figlia di 13 mesi vuole stare sempre con me e non con il suo papà. I consigli dello psicologo.
Punti neri sulla fronte
La terapia da seguire per l'eliminazione dei punti neri sulla fronte.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte