ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Non mangia all'asilo nido

Il rifiuto del pasto all'asilo nido potrebbe essere la conseguenza di una imposizione o costrizione che è stata fatta in passato alla bambina per farle accettare forzatamente il pasto.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono una giovane mamma e vi scrivo a proposito di un piccolo problema che mi preoccupa un po'. La mia bambina ha 27 mesi e dall'età di 19 mesi va all'asilo nido mezza giornata. L'inserimento è stato accettato bene, e la mia bimba va volentieri. L'unica cosa che non riesco a farle accettare è di mangiare a scuola. Le tate mi hanno detto che la mia bimba quando è ora di mangiare si assenta completamente e si rattrista molto. Mi rendo conto che la mia domanda non è prettamente di natura patologia ma psicologica! Ma, credetemi, non so più a chi chiedere e cosa inventarmi per far superare alla mia piccola Emilia questo problema.

Il rifiuto del pasto all'asilo nido potrebbe essere la conseguenza di una imposizione o costrizione che è stata fatta in passato alla bambina (o che viene fatta ancora), per farle accettare forzatamente il pasto. E' meglio verificare questo fatto con le tate e raccomandare di soprassedere assolutamente al fatto che non mangi a scuola: a casa farà una colazione, merenda e cena più abbondanti.

Rassicuri lei stessa la bambina che mangerà più abbondantemente a casa. Invece di trovare espedienti è forse meglio togliere il carico di ansia intorno a questo problema; così facendo, probabilmente la bimba si sentirà autorizzata a rilassarsi e ricomincerà gradatamente a mangiare. Se invece continuerete (si, anche lei) a mostrarvi preoccupati dalla cosa, la piccola si sentirà sottoposta a pressione e proseguirà con il suo rifiuto.

Stia tranquilla: se per qualche tempo salterà il pranzo (integrando con cibi più energetici gli altri pasti) l'accrescimento staturo-ponderale non ne potrà risentire.

1/1/1997

24/4/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Non mangia all'asilo nido"

Aggressioni all'asilo nido
Mio figlio è aggredito all'asilo nido dai compagni di scuola. La maestra dice che dobbiamo spronarlo a difendersi.
Nido e bambini
Perché mandare al nido i bambini? A volte il distacco è più duro per la mamma che per i bambini.
Asilo nido
Sono già trascorsi due mesi da quando ha iniziato l'asilo nido, ma non si è ancora inserito.
Inserimento all'asilo nido
Il rientro al lavoro dopo la gravidanza è un momento problematico perché la mamma sempre più spesso deve inserire il suo bimbo all'asilo nido.
Salmonella e asilo nido
Un bambino affetto dalla salmonella non può frequentare il nido fino che non risultino tre coproculture negative.
Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La timidezza la rende antipatica
Per aiutare un bambino a superare la sua timidezza è importante fare sentire il bambino sempre amato ed accettato per quello che è.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.
Quale apparecchio per aerosol è meglio usare con il beclometasone?
Per alcuni farmaci, fra cui il beclometasone, è meglio usare apparecchi tradizionali e non ad ultrasuoni.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Sintomi e cure della toxoplasmosi in gravidanza
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.

Quiz della settimana

Parlando dei mucolitici, è corretto affermare che:
Calmano la tosse
Vanno somministrati insieme ai sedativi della tosse
Fluidificano il catarro
Fanno abbassare la febbre