ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Nido e bambini

Perché mandare al nido i bambini? A volte il distacco è più duro per la mamma che per il bambino e generalmente più la mamma è ansiosa e preoccupata più la sua creatura troverà difficoltà.

a cura di: Dott.ssa Serena Amadori (pedagogista della redazione di www.doctorhome.eu)

La prima grande ricchezza che il bambino trova al nido, ancora prima dell’educatore, sono gli altri bambini: quante volte capita che le mamme mi dicano cose di questo tipo “sai la sera prima di addormentarsi ripete tutti i nomi dei bambini”, oppure i genitori rimangono piacevolmente sorpresi quando arrivano la mattina e al cancellino sono già schierati tutti i bimbi e le bimbe con il sorriso e gli occhi brillanti ad aspettare, salutare e chiamare il loro amichetto.

Sì perché, al di là di quello che si possa pensare, al nido nascono delle vere e proprie amicizie, che in molti casi continuano alla scuola dell’infanzia e anche nella vita; i bambini si cercano, si abbracciano, si scontrano, litigano, allenano cioè la propria personalità attraverso il gioco.

Il gioco è utilizzato sia dagli esseri umani che dagli animali, ha funzione adattiva e sociale, fornisce strumenti per conoscere l’ambiente e imparare a muoversi all’interno di esso. E’ un elemento molto importante per lo sviluppo in quanto, attraverso di esso, il bambino può esprimere una vasta gamma di emozioni, far emergere problemi che vive nella realtà dandogli spazio e significato.

Lo stare in un gruppo poi aiuta il bambino ad acquisire dei veri e propri comportamenti sociali: all’asilo il bambino non è al centro dell’attenzione come a casa o con i nonni, fa parte di un gruppo eterogeneo e presto impara che non può fare tutto quello che vuole, ma che ci sono delle regole di convivenza che bisogna rispettare, come il saper aspettare il proprio turno, il rispettare l’altro e la sua individualità.

Impara che c’è qualcosa di diverso da sé e che le sue azioni hanno delle conseguenze: se "ruba" un gioco è facile che l’altro si ribelli, quindi impara ad affrontare il litigio e con la mediazione dell’educatrice a gestire le proprie frustrazioni.

Generalmente i genitori tendono, per il loro istinto di protezione, a tamponare e alleviare le piccole sofferenze e i capricci dei loro bambini; è importante però che imparino a gestirle, perché fanno parte della vita e prima o poi ci dovranno fare i conti. Con questo non voglio dire che devono essere lasciati a se stessi a gestirsi le situazioni, ma solo che l’intervento dell’adulto deve essere mirato e calibrato: a volte basta osservare senza intervenire subito e vedrete che il vostro bambino troverà delle  risorse per risolvere da solo la circostanza.

Spesso le paure maggiori delle mamme, quando inseriscono il loro bambino/a al nido, sono legate alla difficoltà a gestire la nuova situazione: hanno paura che il piccolo/a soffra per la mancanza dei genitori, che venga traumatizzato dal cambiamento, che non si trovi bene con le educatrici e con gli altri bambini.

Indubbiamente il distacco dai genitori è sempre un momento difficile, che in genere il bimbo/a manifesta con pianti e lacrime, ma questo non vuol dire che gli si fa del male, anzi gli si da' l’opportunità di conoscere un ambiente che aiuta a trasformare la sua sofferenza in una risorsa, cioè ad iniziare un percorso di crescita insieme.

A volte il distacco è più duro per la mamma che per il bambino e generalmente più la mamma è ansiosa e preoccupata più la sua creatura troverà difficoltà ad inserirsi nel nuovo ambiente.

Sì perché i bambini sono su un piano emotivo, le sentono le vostre emozioni, è inutile cercare di nasconderle. Se non vi fidate delle educatrici, se non siete convinti della vostra scelta, se siete molto preoccupati sarà tutto più difficile per voi e per lui.

Quindi il consiglio che vi do è di confrontarvi rispetto ai vostri dubbi e alle vostre perplessità con le educatrici. E’ anche loro responsabilità e professionalità essere in grado di leggere la situazione e cercare di aiutare la coppia nelle difficoltà.

Materiale tratto dal sito web Doctor Home www.doctorhome.eu

6/4/2011

28/3/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Nido e bambini"

Salmonella e asilo nido
Un bambino affetto dalla salmonella non può frequentare il nido fino che non risultino tre coproculture negative.
Inserimento all'asilo nido
Il rientro al lavoro dopo la gravidanza è un momento problematico perché la mamma sempre più spesso deve inserire il suo bimbo all'asilo nido.
Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
Asilo nido
Sono già trascorsi due mesi da quando ha iniziato l'asilo nido, ma non si è ancora inserito.
Aggressioni all'asilo nido
Mio figlio è aggredito all'asilo nido dai compagni di scuola. La maestra dice che dobbiamo spronarlo a difendersi.
Non mangia all'asilo nido
Mia figlia si rifiuta di mangiare all'asilo nido. I consigli di come farla superare questi problemi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta