ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo

Ha un forte attaccamento alla mamma. La situazione potrà peggiorare? A che età un bambino inizia a socializzare? Le tappe dello sviluppo emotivo.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono la mamma di un bambino di cinque mesi il quale è sempre a contatto con me, vedendo pochi altri familiari (nonni materni e paterni) con i quali si trova a suo agio. Sono preoccupata che il bambino si attacchi troppo a me, considerato che in presenza di estranei nel momento in cui viene preso in braccio si mette subito a piangere e cerca di ritornarmi in braccio. E' possibile che già così piccolo soffra della mia lontananza sia pur così breve? Se in futuro lo terrò con me per parecchio tempo potrà peggiorare la situazione? A che età un bambino inizia a socializzare con adulti e bambini?

Nel primo anno di vita il bambino è vulnerabile ed ha bisogno di acquisire sicurezza e fiducia in se stesso. La mancanza di familiarità con l'ambiente circostante crea in lui incertezza ed anche sospetto. Egli dipende fortemente dall'influenza materna, che gli permette di bilanciare i dubbi e di raggiungere così l'equilibrio.

Il suo attaccamento e la sua dipendenza lo aiutano ad acquisire stabilità, poiché determinano in lui sentimenti di tenerezza nei confronti di coloro che ne hanno cura (es. nonni). La separazione fisica dalla madre avviene al momento del parto, ma il neonato è ancora fortemente dipendente da essa e lo scopo dello sviluppo motorio, neurologico e psicologico del primo anno di vita è proprio quello di preparare il lattante alla successiva indipendenza.

Tale obiettivo viene raggiunto mediante l'acquisizione della capacità motoria e la definizione della personalità. All'età di un anno, il bambino è quindi pronto per un secondo passo importante, l'emancipazione dalla propria madre, mentre gli anni successivi verranno spesi per consolidare questa indipendenza.

D'altra parte. tra i 4 e i 7 mesi i bambini diventano sempre più responsivi al tono emotivo delle persone che interagiscono con loro e possono mostrare molta apprensione per gli individui nuovi da riconoscere (rifiuto dell'estraneo), mentre preferiscono quelli che prestano loro le cure.

Si tratta di attendere con serenità le successive tappe dello sviluppo psicomotorio che gli consentiranno maggiore sicurezza. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno, facendogli conoscere persone e ambienti nuovi (standogli però vicino per rassicurarlo). Quando crescerà (fra pochi mesi) la consapevolezza della propria volontà lo stimolerà ad esercitarla per la creazione di un senso di autonomia.

1/12/1996

24/9/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo"

Crisi nervose
Crisi nervose: nel periodo che va dai due ai tre anni i bambini vivono una fase evolutiva particolare.
Crisi d'angoscia
Le crisi d'angoscia sono una normale fase della vita di un bambino, nella quale il piccolo sperimenta la paura di staccarsi dalla madre.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte