ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

A due anni ha delle crisi nervose che durano anche 20 minuti

Crisi nervose: nel periodo che va dai due ai tre anni i bambini vivono una fase evolutiva caratterizzata dallo sperimentare i limiti e le differenze fra sé e l'ambiente.

a cura di: Dott.ssa Maria Rita Esposito (psicopedagogista)

Il mio bambino di due anni ha delle crisi nervose che durano anche 15-20 minuti. Le crisi si verificano un paio di volte al mese e sembrano una amplificazione dei capricci quotidiani. Il bambino piange urlando, scalcia, si dimena, non vuol stare in braccio e non vuol essere appoggiato né sul letto né a terra. Vuole che la mamma sia vicino, ma contemporaneamente è molto aggressivo, come se volesse che la mamma assistesse al suo sfogo. In questi casi allontana il papà (ma vuole che anche lui sia lì). Ho notato che le crisi sono legate al sonno. Accadono quando si sveglia di notte e non riesce a riaddormentarsi subito come al solito. È possibile che faccia brutti sogni o che abbia paura di qualcosa? Da qualche mese dorme nella sua cameretta e non sta mai completamente al buio. È un bambino molto vivace ed anche abbastanza aggressivo con i bambini dell'asilo nido. Vorrei sapere qual è il migliore comportamento dei genitori in questi casi e se può dipendere dal fatto che, lavorando entrambi, stiamo poco tempo con lui.

Gentile genitore, lei spiega in maniera chiara e dettagliata il comportamento del suo bambino, nei momenti di crisi. Nel periodo che va dai due ai tre anni (consideri che queste indicazioni temporali sono soggettive e relative quindi alla personalità, all'ambiente di ogni bambino, che è diverso da un altro) i bambini vivono una fase evolutiva caratterizzata dallo sperimentare, in modo completo e complesso, i limiti e le differenze fra sé e l'ambiente: è una sorta di sfida che mettono in pratica nei loro comportamenti al fine di provare e consapevolizzare a che punto esiste il limite tra il Sé e il non Sé. È una fase di crescita importantissima, in cui dalla dipendenza quasi totale dall'adulto di riferimento (in genere la mamma e il papà) tendono ad essere indipendenti, nei pensieri, nelle emozioni e nei comportamenti.

Dico di più a riguardo: tale fase, in maniera globale, comincia già prima e precisamente quando i piccoli iniziano l'esplorazione data dalla deambulazione: già lo spostamento motorio nell'ambiente rappresenta per i bimbi un allontanamento fisico e psicologico dal genitore, che deve però essere sempre nel loro campo visivo o in uno spazio/tempo non troppo lontano. La sicurezza che l'adulto sia presente, anche senza vederlo, è un passo necessario per promuovere lo sviluppo dell'autonomia e della fiducia in sé e nell'altro.

Questi elementi ci aiutano a capire perché un bambino, nel momento del capriccio, pur tendendo a rifiutare il contatto di mamma e papà, appunto come capita a suo figlio, nel contempo cerca la sicurezza e la cura delle stesse figure da cui si distacca. È molto probabile che, in questo momento, come genitori stiate cercando una giustificazione al comportamento di disagio del piccolo, una spiegazione che non riuscite a trovare, proprio in virtù del fatto che si tratta di una fase di crescita fisiologica, che va osservata e assecondata nel momento di crisi.

Se, in altri termini, il bimbo, mentre la allontana subito dopo chiede la sua presenza, lo faccia pure: sarà in altri momenti e con modalità diverse, come il racconto di una fiaba tema, un disegno parlato o un cartone, che aiuterà suo figlio a interiorizzare positivamente il passaggio dalla fase della dipendenza a quella dell'autonomia.

Lo faccia con cautela e rispettando il suo ritmo personale. In tali esperienze di crescita in genere due sono gli indicatori che emergono in maniera significativa e questi sono il rapporto col cibo e il rapporto col dormi/veglia: durante il secondo/terzo anno la maggior parte dei bambini cominciano a dormire nella propria cameretta e cominciano di riflesso ad assumere un atteggiamento qualificato dal "dormo da solo!"/"dormo con mamma e papà!".

Molto spesso a queste richieste ambivalenti si risponde, specie durante le crisi notturne del bimbo, con vulnerabilità: essere stati lontani durante il giorno per lavoro spesso porta il genitore ad assecondare l'esigenza di vicinanza in momenti inadeguati.

I genitori dovranno considerare tali episodi come fatti momentanei e, soprattutto come momenti di crescita: aiutare il piccolo a riaddormentarsi nuovamente nella cameretta è il comportamento più corretto, ma anche la valutazione specifica del caso, dell'episodio non può essere elusa, poiché spesso capiterà che il piccolo reclamerà la presenza dei genitori o il dormire nel lettone. Io rassicuro tali genitori spiegandogli che le crisi nel sonno e nei comportamenti sono fisiologiche, se non caratterizzate da una elevata frequenza: l'uso di strategie/gioco aiutano molto in questi casi e, prima di addormentarsi, un buon libro, come quelli per bambini ("Buonanotte Spotty!" Fabbri editori, per la fascia di età di cui alla consulenza), può essere un buon calmante. Auguri!

2/4/2004

30/4/2015

I commenti dei lettori

La mia bimba più piccola a tre anni compiuti da circa 10 gg. E' da circa un mese che ha delle crisi notturne in cui si sveglia urlando che vuole il latte o che vuole venire nel lettone, le prime volte abbiamo cercato di esaudire le sue richieste, ma non abbiamo ottenuto nulla di positivo, rimane sveglia per 1 o 2 ore e poi con calma si addormenta se le crisi avvengono nelle prime ore della notte , altrimenti se si verificano verso mattina siamo costretti ad alzarci. Abbiamo cercato anche l'alternativa di lasciarla nel suo lettino continuando con le sue crisi di pianto e urli ma niente. Premetto che la bimba dorme nella sua cameretta con sua sorella più grande di 2 anni e questo gia dal 7 o 8 mese di vita.Lavoriamo entrambi i genitori con turni .Cosa possiamo fare o quale comportamento dobbiamo avere nei suo confronti durante queste crisi? Grazie

Francesco (VR) 20/10/2010

ho una bimba di 3 anni e 4mesi da circa 5 mesi non vuole più dormire nel suo lettino ma nel lettone sola con la me, sua mamma, costringendo suo padre a dormire in un altro letto. Tutto questo è coinciso con la mia gravidanza praticamente da quando la mia pancia è diventanta molto evidente. Ormai è da due mesi che le gemelle sono a casa e lei ancora di più vuol dormire solo con me e durante il giorno non mi lascia un attimo, se mio marito si avvicina e mi abbraccia ci guarda e poi dice a suo padre di lasciarmi stare, nel momento del cambio del pannolino è sempre presente. La situazione sta diventando sempre più difficile perché ormai lei è diventata capricciosa fa di tutto per attirare la mia attenzione soprattutto quando è l'ora della poppata del cambio pannolino cioè quando sto con le bimbe. Ormai credo che mi sto un pò esaurendo. Grazie 

teresa (SP) 28/02/2011

Il mio bambino di appena due anni, ha il vizio di ciucciare il pollice, per caso il suo nonno, che vive fuori, im maniera garbatra lo ha rimproverato di non metterlo, lui non avendo tanta confidenza si è mortificato. Da quel momento non lo mette più, ma seri problemi per addormentarsi, piange, grida, fino a vomitare, è nervosissimo, come ci dobbiamo comportare per aiutarlo? Grazie, spero in un vs. consiglio, aspetto con ansia, porgo distinti saluti. 

VERA (CT) 03/05/2011

Ho una bambina di 3 anni e mezzo ed un maschietto di 2 anni e mezzo.il mio grande dilemma è come fare a riportarli entrambe nella loro cameretta? Lei aveva iniziato a dormire nella sua cameretta circa due mesi prima della nascita del fratellino. Lui ha dormito nella cameretta praticamente da quando aveva tre mesi.ma lui dormiva da solo e lei veniva puntualmente(ma lo faceva anche prima che arrivasse il fratellino)nel lettone con mamma e papà.da quando il piccolo ha iniziato a capire come funzionava anche lui ad un certo punto della notte voleva stare nel lettone. alla fine per comodità e per stanchezza sta succedendo da circa sei mesi che i due bambini si addormentano con me (la mamma) nel lettone ed il papà è sfrattato nel letto della grande.....non so come uscire da questo tunnel. Mio marito dice che gli dispiace non dormire insieme ma lo fà per me ...così non devo alzarmi di notte per accogliere le loro richieste perchè lui NON riesce nè ad alzarsi nè a sentirli. gli ho detto che lo fà un pò anche per lui, perchè in questo riesce a dormire tutta la notte senza interruzioni. ora non so da dove cominciare perchè la mole di fatica che mi aspetta non sono riesco ad essere pronta ad affrontarla. mi potete dare quanlche input o suggerire qualche libro. loro sono abituati a vedere un cartone prima di addormentarsi....ho tentato varie volte con le favole, i racconti, le fiabe mi ascontano ma poi vogliono vedere il cartone e così si fanno le 22 di sera e siamo tutti sempre più stanchi.....aiutatemi ! Grazie Alessia Roma

Alessia (RM) 08/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "A due anni ha delle crisi nervose che durano anche 20 minuti"

Allattamento al seno e risvegli notturni
A otto mesi si sveglia e prende ancora il latte dalla mamma. Come comportarsi per risolvere il problema.
Attaccamento alla mamma e rifiuto dell'estraneo
Ha un forte attaccamento alla mamma. La mamma deve mediare le risposte emotive del suo bambino e ampliarne le esperienze verso l'esterno.
Crisi d'angoscia
Le crisi d'angoscia sono una normale fase della vita di un bambino, nella quale il piccolo sperimenta la paura di staccarsi dalla madre.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Quale terapia per l'angioma rilevato?
Dalla nascita ha due angiomi di cui il primo, è rilevato e di colore rossastro, sulla schiena. Il trattamento consigliato dal chirurgo.
Quando togliere il ciuccio?
Solitamente il ciuccio viene spontaneamente abbandonato verso i due-tre anni di vita a mano a mano che il piccolo acquista fiducia in se stesso.
Consigli per l'alimentazione in gravidanza
La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione.
Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta