ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte

Qualche volta è la mamma stessa che inconsciamente non vuole smettere di allattare perché l'offerta del seno rappresenta un mezzo per appagare il bambino e per rassicurarla.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mio figlio Riccardo ha quasi otto mesi e mezzo ed ancora prende il latte durante la notte, costringendo mia moglie ad allattarlo ogni tre ore. Lei è ormai stanchissima e si chiede se la fame del bimbo sia ormai un vizio, visto che molte volte la "ciucciatina" è il solo modo per farlo riaddormentare al suo risveglio. Come fare per risolvere il problema?

È frequente osservare che un lattante continui a cercare il seno materno non solo a 8 mesi, ma anche oltre l’anno di vita. Non dipende dalla fame, ma dal fatto che il bimbo è unito da un legame fortissimo con la madre. Il piccolo può adattarsi a mangiare le varie pappe durante il giorno, ma non dimentica con facilità il seno, che viene perciò richiesto durante la notte semplicemente come rassicurazione.

Qualche volta è la mamma stessa che inconsciamente non vuole smettere di allattare perché l’offerta del seno rappresenta un mezzo per appagare il bambino e per rassicurarla. Le mamme iperprotettive hanno infatti spesso paura, togliendo al piccolo il loro seno, di privarlo del proprio affetto, cosa che potrebbe scatenare in loro un senso di colpa.

Ovviamente, ogni mamma farà la propria scelta in proposito. Ma, se ciò che si vuole è far sì che il bambino smetta di chiedere il seno di notte, si possono adottare dei piccoli trucchi.

Ad esempio è utile abituare il lattante ad addormentarsi nel proprio lettino e non, come spesso capita, in braccio in modo che il piccolo, quando si sveglia di notte, si ritrovi nello stesso ambiente dov’era prima che si addormentasse e non abbia, come primo impulso, quello di cercare la mamma e, di conseguenza, il suo seno.

Quando il bimbo si sveglia in piena notte e cerca la mamma per essere rassicurato, questa dovrebbe avvicinarsi parlandogli, rassicurandolo e ninnandolo, lasciando però il piccolo sempre nel suo lettino. Il seno infatti non è l’unico strumento per tranquillizzare il lattante poiché possono essere ugualmente utili le coccole, le carezze, le parole dolci.

Questo comportamento va ripetuto ogni qualvolta il piccolo si sveglia: con il passare del tempo, i risvegli si ridurranno e il piccolo si riaddormenterà da solo, senza piangere e soprattutto, senza chiedere il seno della mamma.

1/5/1998

12/12/2016

I commenti dei lettori

...il mio bimbo ha otto mesi e mezzo, da meno di un mese ho inziato a proporgli altre cose da mangiare oltre al mio latte e comunque di notte poppa, non so neanche quante volte perchè dormendo nel lettone, praticamente non mi sveglio neanche.E perchè mai bisognerebbe togliere il seno???a otto mesi e mezzo??ci tenevo a ricordare che l'OMS raccomanda l'allattamento al seno fino a due anni dove è possibile!!IN più, questa è un'età delicata in cui lo strutturarsi della sua identità va di pari passo con il percepire la mamma come separata da lui e subentra la paura dell'abbondon e un maggior bisogno di rassicurazione...quindi si cerca di fare tutto per bene, parto naturale,allattamento, cure, coccole...e poi alla prima crisi che si fa??si scappa e si toglie la tetta che oltre a cibo è calore, odore, amore, posto conosciuto e beatitudine?Vizio????Uno psicologo a me molto caro,D.Winnicott, disse "I BISOGNI SODDISFATTI NON SI RIPRESENTANO!"...quindi il mio consiglio è...mettete il pupo nel letto con voi, dategli libero accesso al seno, imparate ad addormntarvi con lui che poppa...avrete un adolescente meno arrabbiato, meno affamato, più forte e nutrito per affrontare la grande crisi, il grande balzo verso il mondo degli adulti..........Elenora-Mamma e Psicologa infantile

Eleonora (TO) 18/12/2010

Farlo dormire nel lettone è la cosa più sbagliata che si possa fare. La "fase ribelle" dell'adolescenza è inevitabile ed è anche giusta ai fini dello strutturarsi della propria individualità.

Laura (RM) 21/12/2010

Non sono d'accordo, Laura. Da quando esiste, l'uomo ha sempre dormito con i figli accanto (se vogliamo, anche da prima, tutti gli animali dormono vicino ai loro cuccioli). Solo in epoca moderna si è cominciato a cercare di separare i bambini dalle madri, e i risultati non sono esaltanti. I bambini hanno bisogno di attaccamento, nei primi mesi di vita, questo getta le basi sicure per una crescita in autonomia e sicurezza in sé stessi. Oltre a Winnicott, possiamo citare Bowlby, Dettwyler, Newmann, Sears ecc... Inolte ha ragione Eleonora (e soprattutto l'OMS): a otto mesi un bambino può avere ancora bisogno di mangiare anche di notte, e comunque di avere rassicurazione e conforto quando si sveglia, come lo vorrei avere io da mio marito se la notte qualcosa mi facesse svegliare e non riuscissi a dormire. E smettiamola per favore di dare sempre colpa alle mamme che desiderano venire incontro ai bisogni dei loro figli definendole iperprotettive e ansiose.

paola (FI) 06/01/2011

Ho letto tutti i commenti inerenti alla spinosa questione allattamento/vizio e dico "spinosa" perchè riguarda pesantemente anche me. Ho una bimba di 28 mesi che, pur dormendo nel suo lettino da quando ne ha 16 (il lettino però è malauguratamente ancora in camera nostra, poichè mio marito non vuole spostare la bimba nella sua cameretta), per addormentarsi chiede ancora il seno. Non immaginate le scene isteriche quando 4 mesi fa ho provato a toglierlelo e non potete nemmeno immaginare la reazione di mio marito! -Avrei dovuto togliere il seno a 12 mesi, ora x colpa mia diventa un'isterica e la innervosisco, se urla lo tiene sveglio e disturba i vicini, in più non ha intenzione di spostarla nella sua cameretta perchè - egoisticamente penso io -la vuole vicina. Forse avrò sbagliato a darle il seno così a lungo, ma da tempo sono stanca, dormo male  e mi alzo spossata  e le richieste notturne di mia figlia sembrano più un terribile vizio da "estirpare". Mi sento un disastro su tutta la linea.

Carolina (SV) 10/01/2011

Ho una figlia di quasi 11 mesi, mia moglie la allatta ancora, di notte dorme nel suo lettino nella cameretta vicino e noi nel nostro bel lettone, se di notte piange, perchè ha fame, la prendiamo e "la allattiamo", normalmente alle 7 del mattino. Non riesco ad immaginare la bambina che dorme tra me e mia moglie!

Roberto (VR) 17/01/2011

Bravo Roberto! l'obiettivo di noi genitori nei confronti di un figlio è, principalmente, quello di renderli completamente autonomi, senza ovviamente trascurare il lato affettivo con coccole, carezze, parole dolci, etc.!

Bruno (MI) 29/01/2011

Io sono al secondo figlio, che ha 1 anno e dorme con me nel lettone. Anche con il primo è stata la stessa cosa: dormiva con me e di notte gli davo il seno ogni volta che lo desiderava, tanto io riesco a dormire tranquillamente lo stesso. Senza tanti problemi, perchè il più grande ha smesso di allattare con grande naturalezza poco prima dei tre anni senza bisogno di espedienti particolari. Non mi interessa cosa dicono gli altri, psicologi o no, ognuno deve fare quello che ritiene giusto e io non ce la farei a negare al mio bambino quello che non considero un vizio, ma un gesto d'amore.

Stefania (LE) 01/02/2011

Ho un bimbo nato gravemente prematuro-28 settimane- , ora ha tre mesi e per noi l'allattamento esclusivo al seno è stata una grande conquista, perché chiaramente partivamo dall'alimentazione con il sondino. E' ancora piccolo e fa piccoli pasti e la pediatra mi consigliava di tenerlo nel lettone, per poterlo allattare anche di notte in comodità. Stamattina, però, una pediatra dell'Utin ci ha detto che dovrebbe mangiare ad orario, magari integrando con il biberon se non riesce a prendere in tempo tutta la quantità necessaria; in più mi ha detto di mettere da parte l'egoismo (?) e di non tenerlo a letto dandogli troppo spesso la tetta. Ci sono rimasta molto male perché non intendevo essere egoista, ma allattarlo nel lettone è molto più rilassante anche per lui che non viene spostato di continuo di notte, quando è anche più freddo. Sono confusa, tra l'altro l'esperienza di prematurit del neonato ci ha già segnati molto. Margherita

Margherita (BO) 08/02/2011

La mia bimba ha 13 mesi e la allatto ancora al seno. Dopo tanti dubbi ed incertezze con mio marito siamo giunti alla conclusione che per noi tutti la cosa migliore è continuare ad allattarla visto che lei lo richiede ancora  e di continuare a farla dormire nel lettone per il momento. I primi mesi sono stati davvero duri visto che ha da sempre rifiutato la culla e per questo, pur di riposare , l'ho fatta dormire con me. E' una bimba sana e molto curiosa della vita e per questo anche impegnativa. Fatto sta che da quando "ci siamo messi l'anima in pace" lei riesce a dormire da sola nel lettino le prime ore della notte e poi la porto da me successivamente ed anche le richieste di allattamento sono dimimuite. Quindi per la mia esperienza posso dire che non ci sono soluzioni univoche: tutto dipende da come vogliamo impostare la nostra vita e da quello che riteniamo giusto "per Noi". Proprio quando siamo più tranquilli i bambini si rassicurano e crescendo diventano sempre più indipendenti. La cosa più grave è quella di lasciarsi trasportare da tutti i metodi cosiddetti "giusti" che in un momento così delicato della nostra vita ci possono davvero avvilire così tanto da farci sentire sempre inadeguati. W i consigli ma che rimangano tali! E' solo la famiglia che deve decidere cosa fare. PER MARGHERITA: fa quello che ti senti, se per te e tuo marito portarvi il bimbo e continuare ad allattarlo nel lettone è la cosa giusta ed avete le forze necessarie per poterlo fare... allora FATELO! Non è egoismo è solo amore!! Basta con chi giudica così superficialmente senza chiedersi il perchè di certi comportamenti..

Katia (TR) 12/02/2011

Margherita,continua come hai sempre fatto! non negare al tuo bimbo la tua presenza, le tue coccole, il tuo amore. non c'è egoismo in quello che fai, solo istinto.

Sara (VA) 13/02/2011

Credo che per voler bene a mia figlia io debba prima di tutto proporle due genitori in equilibrio tra loro, con un rapporto solido. Io e mio marito stiamo cercando di mantenere la priorità della coppia rispetto alla genitorialità.. se la coppia crolla difficilmente si riuscirà ad essere genitori in grado di darle serenità e stabilità. Il lettone è luogo di dialogo, affetto, coccole di fine giornata e chiarimenti delle discussioni. Non riesco ad immaginare come potrebbe trovarvi posto una neonata.. certamente sarebbe a discapito della relazione tra me e mio marito e anche della nostra vita sessuale. La piccola Marta ha sempre dormito nel suo lettone nella stanza accanto, e noi felici nella nostra!

roberta (RM) 14/02/2011

Io sono cattivissima, ma radierei dall'albo un pediatra che si permette di accusare di egoismo una donna - una mamma - che ha avuto un'esperienza come quella di Margherita. In più, è un asino: perchè dovrei integrare con il latte artificiale, se ho le tette MIE piene di latte? Mamme, ce l'abbiamo dentro di noi l'istinto: aldilà di tutti i condizionamenti che ci hanno imposto, guardiamo la natura, da sempre grande maestra! Nessuna femmina di mammifero si separa dal suo cucciolo finchè non è completamente svezzato dalla mammella, la qual cosa avviene quando il piccolo é praticamente autonomo. Chi si è dato la pena di fare dei confronti fra la nostra specie e quella più simile, gli scimpanzè, si è accorto che l'eta "giusta" per lo svezzamento completo dal seno sarebbe fra i quattro e i sei anni (quando, tra l'altro, cadono i denti... DA LATTE!!!) - vedi il sito de "La Leche League". Io, ho allattato la mia prima figlia fino a quattro anni e mezzo, quando é nato suo fratello. Entrambi hanno dormito nel lettone, lei adesso dorme nel lettino accanto a me. Quando sarà pronta, sarà lei a chiedermi di cambiare stanza e l'accontenterò. Lui, invece, ha poco più di un anno e dorme fra me e mio marito. Lei, ha dormito da subito tutta la notte. Lui, si sveglia anche dieci volte... ma, almeno, ce l'ho lì, a portata di tetta, e lo allatto senza neanche svegliarmi del tutto. Sono stanca, stanchissima, ma lo sarei molto di più se, ognuna delle dieci volte che si sveglia, dovessi alzarmi, raggiungerlo, cullarlo, calmarlo... per poi tornare al mio posto e ricominciare tutto da capo un'ora dopo! Proporre a una mamma di togliere il seno a otto mesi è... criminale. Le raccomandazioni scientifiche si premurano di promuovere l'allattamento fino a due anni. L'istinto atavico ci dice lo stesso. E noi stiamo ad ascoltare pediatri e psicologi, per giunta uomini, maschi, che l'istinto materno non sanno neppure dove sta di casa? Ma abbiamo proprio abdicato al nostro ruolo di femmine!?

Grazia (VA) 22/02/2011

... La mia bimba ha 6 mesi, quando aveva 1 mese e mezzo io e mio marito abbiamo preso la decisione di farla dormire nella culla nella sua camerina di fianco alla nostra. Ogni 3/4 ore mi alzavo per allattarla senza problemi, a 2 mesi l'abbiamo messa nel lettino, quasi non si vedeva in mezzo al piumone, è inpensabile farli dormire in mezzo ai genitori, piu' crescono e piu' sara' dura farli dormire da soli! A 5 mesi lo svezzamento senza problemi e sebbene avevo ancora tanto latte al seno, ho preso la decisione di sospendere; sono contraria all'allattamento oltre i 6 mesi, non è necessita' ma solo vizio, abitudine.. Mamma e Papa' devono sapere cosa vogliono, complicità, serenità e dialogo sono importantissimi perchè i nostri figli sono come delle spugne, assorbono tutto! Silvia (FC)

silvia (FC) 01/03/2011

Mio figlio ha 13 mesi e prende ancora il latte di notte. Dorme nel lettino vicino al nostro letto, poi verso le 3 si sveglia e lo metto nel letto, prende un po' di latte e si riaddormenta traquillo. Se non mi addormento io lo rimetto nel suo lettino,altrimenti resta con noi e continuiamo a dormire tutti. Non credo che farlo diventare isterico per non dargli il latte faccia bene a qualcuno, nè a lui nè a noi che resteremo svegli...con mia figlia è successo la stessa cosa, e poi da sola ha smesso di svegliarsi verso i 2 anni, e adesso ha 11 anni, dorme in camera sua e non ha certo problemi di alcun tipo. Il separare i bambini dai genitori dai primi mesi è una teoria del tutto moderna che credo sia più a pro dei genitori che dei figli stessi...e per quanto riguarda il latte, se una se la sente e ce la fa è giusto che continui, deve essere una scelta personale e non imposta dalla società...mio modesto parere ...ovviamente

Alessandra (LI) 04/03/2011

io ho due bimbe di 3 anni e mezzo e 18 mesi... Si addomentano nel lettone cn me o col papa' e poi le spostiamo nella loro cameretta...se stanno bene spesso arrivano alla mattina... se hanno raffreddori, tosse o altro magari si svegliano e allora le portiamo nel lettone e subito si riaddormentano. Ho provato altre soluzioni, ma alla fine questa e' quella che meglio si addice a noi, almeno tutti riusciamo a riposare...e le ho allattate la prima fino a 10 mesi la seconda fino a 13...

arianna (PD) 10/03/2011

ciao sono katia ho due bimbi,gioele di quasi tre anni (li compie a luglio) e noemi di nove mesi,bene io li allatto entrambi,si addormentano con il seno e li cullo in braccio...è una gran fatica, ma è altrettanto bello...loro sono nati entrambi a casa e noemi è nata con la placenta...si è staccata in quinta giornata..a volte sono stanca e non vi nego nervosa,per grazia di Dio ho l aiuto di mia madre durante il giorno, ma la notte se loro si risveglino (in genere solo per le poppate e poi li rimetto nel lettino) vogliono solo me...forse qui ho sbagliato collegandomi al pediatra a "viziarlo" con il seno, ma è un modo per rimetterlo il prima possibile nel lettino o ella culla....avrei ancora tanto da dire ma.... katia mamma e ostetrica ("al naturale")

katia (PZ) 17/03/2011

ciao sono francesca ho una bimba di 13 mesi curiosissima della vita e, a detta di tutti, molto simpatica, solare e dolcissima...ebbene io continuo ad allattarla prima di addormentarsi la sera e se di notte si sveglia, capita almeno 2 volte!, la prendo in braccio la cullo in pò e dopo circa 1 minuto si riaddormenta! Dorme da sempre nel suo lettino accanto al nostro letto e per ora va bene così... su queste cose diciamo così "di istinto" non ho mai dato retta a nessuno: è sempre stato un "dialogo" tra me e mia figlia e basta! anche se qualcuno può inorridire, per me è giusto così e visto che mia figlia cresce serena ed anch'io mi beo del suo attaccamento, vuol dire che tanto sbagliato non è!!! 

Francesca (RM) 26/04/2011

Sono mamma di una splendida cucciola di 11 mesi allattata esclusivamente al seno. Ora,svezzata, prende il mio latte la mattina, sempre prima di dormire e alle 23 ( o 01.00) e alle 3.30 circa di notte. Sono molto combattuta da mesi: dopo aver partorito in ospedale ti dicono di comportarti in un modo, in famiglia in un altro, i pediatri in un altro ancora: " se si sveglia di notte allattarlo al seno significa rassicurarlo, coccolarlo, l'allattamento ha diverse valenze, oltre la sfera dell'alimentazione", " non attaccarlo al seno di notte sennò si abitua a mangiare di notte"; quando da piccina prendeva solo il mio latte " devi allattarla a orari non quando vuole sennò si abitua come fosse un ciuccio!"; " allattala quando lo richiede! a te nessuno dice quando mangiare, sei tu a sentire la fame, perciò perchè tu dovresti importi sul tuo piccolo? lui si autoregola"; "mettila a dormire nella culla, deve abituarsi a dormire da sola e non in braccio", " mettila nel lettone con voi, se si sveglia si rassicura e si riaddormenterà tranquilla." Non so più cosa fare. Mi sento fallita e non so cosa sia meglio fare per la mia piccolina. Nel lettone con noi non ha mai voluto dormire ( e lo ritengo un bene, credo che sia uno spazio mio e di mio marito e devo rimanere tale). Se ci sono io si addormenta solo attaccata al seno, ma in caso io non ci fossi non ha problemi ad addormentarsi con nonni, papà o zii, ma comunque sempre in braccio. Leggo libri, blog etc...ho sempre creduto che non vi sia nulla di meglio dell'istinto di una madre, ma sono molto stanca ora...a causa del continuo sonno interrotto e dalla continua incertezza su cosa sia meglio fare, ho solo una gran confusione. 

Elisa (GE) 28/04/2011

ciao a tutte le mamme che allattano i propri cuccioli..io ne ho uno di 4 mesi che mangia come un lupetto! anke io credo ke sia un gesto di grande amore materno tenere accanto a sè il bimbo nel lettone..infatti dormono più tranquillamente e il risvegliarsi insieme al mattino col suo dolce sorriso è qualcosa di impagabile per me!! gli darò tutto il mio amore che ora per lui è rappresentato soprattutto dal contatto fisico..ne ha bisogno come tutti i cuccioli del mondo.

brunella (MI) 29/04/2011

ciao a tutti mi ha fatto molto bene leggere questi commenti e più che altro alcuni mi hanno fatto sentire meno sola ed in colpa perchè vengo continuamente criticata da parenti ed amici. Mi chiamo Francesca e ho un bambino che ha appena compiuto 2 anni, dorme nel letto con me e si attacca ancora al seno dal quale esce ancora latte. Molti mi hanno consigliato di prendere delle pillole per mandarlo via io ho da mesi la ricetta ma non riesco prprio a prenderle, sono stanca morta e forse sto sbagliando tutto ma è più forte di me e non credo che le prenderò mai.

Francesca (CO) 16/05/2011

Ciao a tutti, sono mamma di 2 bambine una di sei anni e l'altra di 13 mesi, tutte e due allattate al seno e per di più a richiesta. la prima si è staccata dal seno da sola a 12 mesi, la seconda invece, ancora non ne vuole sapere. Appena torno dal lavoro mi salta in braccio e mi alza la maglia per essere allattata. Anche di notte continua a svegliarsi perchè vuole il seno e a quel punto la metto accanto a me nel lettone allattandola da sdraiata, riaddormentandoci insieme. So che è diventato un vizio, ma non importa è il suo modo per chiedere conforto ed il mio per tranquillizarla. Certo tutto questo è impegnativo, ma sono convinta di fare la cosa giusta. Capiremo e decideremo insieme quando sarà il momento di sostituire il seno con altre "coccole" o comportamenti rassicuranti. Per il momento me la voglio ancora godere, tra le mie braccia, attaccata al mio seno e guardare i suoi occhi ridenti mentre ciuccia il suo lattuccio!

alessandra (RM) 30/06/2011

Anche io ho un "problema" simile: un bimbo di quasi 12 mesi che dorme nel suo lettino, nella cameretta col fratellino di quasi 3 anni. Lo addormento al seno (che, ahimè, è quasi del tutto vuoto) e si sveglia spesso durante la notte (3 volte se sta bene, di più quando ha qualche problema). Io continuo a prenderlo in braccio e a dargli il seno per calmarlo, soprattutto per evitare che svegli il fratello. Evito di portarlo nel letto con me e mio marito, più che altro perchè non riposo tranquilla pensando che i nostri movimenti notturni possano fargli male. Però sono stanca, la notte riposo male e questa cosa va ovviamente ad inficiare la mia giornata lavorativa e di mamma. Vorrei provare ad attuare i suggerimenti di lasciarlo addormentarsi nel suo lettino (piuttosto che al seno, come faccio adesso) e coccolarlo e accarezzarlo quando si sveglia, ma NON POSSO FARLO perchè i suoi pianti iniziali sveglierebbero di sicuro il fratello... sono combattuta, cosa posso fare?

Stefania (RM) 18/07/2011

Ciao mamme, anche io sto vivendo un momento difficile, pieno di incertezze e dubbi. Ho una meravigliosa bambina di 27 mesi, che ancora per addormentarsi, si attacca al seno e dorme nel suo lettino di fianco a noi . Tutti mi dicono che è ora di "finirla", altrimenti non la staccherò mai più! Addirittura la mia ginecologa ha detto che così crescerà una tiranna e viziata e che a scuola avrà enormi problemi di adattamento. Ovviamente mi sono sentita in colpa e ora mi sento fallita in tutto quello che ho fatto fino ad ora. Simona (Va)

Simona (VA) 04/08/2011

Salve a tutti, ho una bimba di 6 mesi Clara, allattata al seno da subito. E' una bimba mite, la notte non ha mai dato problemi sulla continuità del sonno, di giorni fa dei piccoli pisolini di mezz'ora circa 4 in tutta la giornata. Ultimamente la notte si svegliava di continuo ogni ora circa chiedendo il seno. Questo mi ha stancata molto, cosi' in considerazione del fatto che a breve tornero' a lavorare, dietro consiglio del pediatra, ho somministrato l'ultima poppata di latte artificiale, alle 22.00. La cucciola dorme fino alle 6 senza svegliarsi, o meglio se si lamenta le faccio qualche carezza, le do un po' di acqua e si ritorna a dormire. Sostengo che il seno sia il modo piu' giusto per fare crescere i propri bimbi ma gli estremismi non mi piacciono, continuero' a darle il seno di giorno e poi piano piano in modo naturale cominceremo a staccarci ma saro' sempre la sua mamma. Il suo conforto per accompagnarla alla vita.

SIMONA (CT) 06/08/2011

Ciao a tutte! Ho 3 figli, 1 del 96, uno del 98 e uno nato a gennaio del 2011... Bhe! che dire! l'istinto materno è quello che sana il tutto. Come ha detto qualcuna qui, i consigli vanno bene ma che rimangano tali.. io non ho avuto grandi problemi eppure anch'io ho allattato fino a 18 mesi, facendo quello che ogni mamma fà normalmente, lo sfamavo e lo mettevo nel suo lettino, se poi voleva stare con noi nel lettone era sempre ben venuto! perchè i bambini crescono subito, ed è vero se noi siamo serene nel nostro io loro percepiscono prima questo e grazie a ciò loro saràno tranquilli. adesso non vogliono neanche uscire insieme a noi perchè si vergognano e se usciamo bisogna camminare a lati opposti sulla strada. l'ultimo che ha 7 mesi, pure lui, lo allatto e lo metto nel suo lettino ma poi di notte anche lui vuole la mamma e papà facciamo a turno. E a volte è anche la paura che cada dal letto fà si chè lo andiamo a riportare sul lettino se no rimane con noi fino a che ci alziamo ma senza fare di questo un drama. Blanca (Riete) 17/08/2011

Blanca (RI) 17/08/2011

Carissimi amici io sono alla terza figlia e come al solito si ripresentano i dubbi e le incetezze che ho avuto con le altre. Leggi e c'è chi ti dice che il bambino deve essere autonomo e chi invece dice che il bambino deve dormire con i genitori perchè stimolato di più dal contatto. Io e mio marito facciamo le notti un pò qua e un pò la per stare con le bimbe, si dorme poco ma a volte penso che le amo da impazzire e arriveranno tempi in cui non dormiranno più con noi, perciò facciamo quello che ci sentiamo di fare e smettiamola di crearci mille domande. A volte chiedo alla pediatra che risponde sempre con battutine che non risolvono comunque i nostri dubbi. Perciò penso solo che a volte vorrei dormire di più e meglio ma i figli sono gioie e dolori perciò i sacrifici si fanno e basta! Quando in una famiglia c'è amore e rispetto basta solo cercare di trovare un modo per sopravvivere tutti insieme, il più possibile in armonia.

francesca (RE) 17/08/2011

L'allattamento protratto al seno sicuramente non nuoce al bambino - come ci insegnano le scimmie - Ma il genere umano occupa un livello evolutivo superiore perché è in grado di compiere delle valutazioni e delle scelte che privilegino la salute della madre quando questa sia troppo provata dall'allattamento e dalle continue sveglie notturne. Certo il latte materno è il nutrimento ottimale, ma se la madre, stremata, non è più in grado di accudire adeguatamente il bambino o mette a rischio la serena convivenza familiare, è il lattante stesso a farne le spese...quando magari potrebbe crescere sano e felice anche mangiando "solo" squisite pappe. Matteo

21/08/2011

ciao a tutte, io ho una bambina di 14 mesi che allatto ancora, delle volte penso di smettere ma non saprei come. Lei l'ho allattata a richiesta......ma tuttora la sua richiesta è esagerata, se sono con lei lo vorrebbe in ogni momento...e la sera dorme soltanto con il seno....non so che fare....

Stefania (RM) 23/08/2011

Sono la mamma di Marta, bimba di 9 mesi che mangia regolarmente le sue pappe e di notte richiede il seno ogni 2 ore circa. Marta si addormenta con me attaccata al seno, la sdraio nel suo lettino e dopo 2/3 risvegli notturni la colloco nel lettone per gestire più facilmente i risvegli successivi. Confesso che le continue interruzioni del sonno sono molto pesanti, soprattutto per chi come me sta per riprendere il lavoro a tempo pieno. Credo però che l'unico metodo corretto sia ascoltare il proprio figlio/a e capire di cosa abbia bisogno; se in questa fase Marta ha bisogno di rassicurazione mediante allattamento al seno, cercherò di non fargliela mancare (a meno di miei eventuali problemi psicologici o di salute). La crescita dei figli si manifesta con nuovi equilibri che via via il bambino trova quasi autonomamente e che è giusto assecondare. Dal mio punto di vista l'educazione è cosa ben diversa dal privarlo di un appagamento affettivo e fisico come l'allattamento al seno. Un abbraccio a tutte le mamme.

elena (MI) 06/09/2011

mamma di una piccola di 14 mesi ancora allattata al seno e fortemente legata a me. Fino a una settimana fa dormiva nel lettone e ovviamente sono il ciuccio vivente. ho deciso gradualmente di portala nella sua cameretta, ci siamo riusciti ma io alla fine dormo con lei e non piu' nel lettone, si sveglia ogni ora o due e cerca il seno, io sono stanca veramente oltre al fatto che mi fa male con i dentini quando si attacca. come posso fare a toglierle il seno, se ci provo si dispera?| ci riusciro' mai a renderla autonoma?

DIDYq 17/09/2011

Cara francesca, stefania e tutte le mamme Ho 41 anni e la mia bimba 2 anni e sette mesi, doppo il parto naturale e complicazioni doppo, trasferimento nel paese di emisfero oposto, trovando un mini app.to ,e dovendo stare dietro ristruturazione della nostra vera casa ,sono fiera di mia bimba, che sa recitare alfabetto, conta fino dieci,e timida ma molto dolce e educata,con denti perfetti,mangia a pranzo una tazza di pastasiutta dorme nell letone, la alatto di note e se serve, di giorno per tranquilizarla e il mio seno il suo ciucio.Anche io ho la ricetta per la pillola- fermalate ormai da varii mesi e mi sa, che non la utilizero.Mio marito e Uomo, non a caso con la "U", mi capisce, anche se sente gli altri di dire, di sua moglie che e strana.LO amo e diamo insieme apoggio per cresere una persona meravigliosa, che e nostra figlia! viva le Mamme con la "M", che fanno cresere i figli con la dolcezza e polso, e non le continue negazioni!

veronika 13/10/2011

Ciao a tutti!! Preferisco non scrivere molto perché ripeterei ciò che è già stato detto da alcuni. IL BAMBINO HA BISOGNO DI AMORE. A tutti coloro che parlano per "cultura popolare di convenienza" consiglio di accettare la propria ignoranza sugli argomenti in questione; a tal proposito vi segnalo tre punti che trovo abbastanza esaurienti e semplici:

1) "Leche League" http://www.lllitalia.org/index.php?option=com_frontpage&Itemid=1

2) "101 Reasons to breastfeed your child" http://www.promom.org/101/

3) "E se poi prende il vizio?" di Alessandra Bortolotti (libro)

Ho una bimba di 15 mesi, allatto a richiesta; mia figlia si è cibata di solo latte materno per ben nove mesi: Beatrice è sana, solare, sicura di sé, socievole. Sono la seconda di cinque figli, la prima è stata allattata fino a 8 mesi, io fino ai 9, la terza fino a 13 mesi e i miei due fratelli fino a tre anni e mezzo: io la differenza l'ho vista sulla mia pelle, rispetto a me e le mie sorelle, i miei fratelli hanno affrontato l'adolescenza molto più serenamente (non ci sono mai stati problemi comportamentali) e sono privi di allergie. Altra testimonianza diretta è circa mio marito e mio cognato che sono stati allattati per un mese scarso e si trovano all'opposto dei miei fratelli. Non rispondere alle chiare esigenze di un bambino può provocare nei casi più gravi dei problemi neurologici; spesso trovano motivazione nell'argomento qui trattato anche casi sempre più frequenti di dermatiti, allergie, intolleranze alimentari ed eccessiva gelosia nei confronti del proprio partner in età adulta. Aiutatemi a costruire un mondo più a misura d'uomo: AMIAMOCI, cominciando dalle piccole creature che dipendono da noi.

Ester (MI) 18/11/2011

La mia piccola ha 10 mesi, mangia di tutto, e il mio latte a colazione, merenda, prima di dormire e spesso una o due volte a notte. ho faticato ad iniziare l'allattamento che per pediatra e ginecologa era ormai fallito. Non ho desistito, tiralatte e tisane alla mano. Finalmente è arrivato, dopo quasi tre mesi!! La bimba da allora è più tranquilla e gioiosa. Mi sveglio la mattina alle 6 per lavorare. Sono stanchissima, ma mai e per nulla al mondo rinuncerò ad allattarla. Di notte a volte la coccolo e si riaddormenta così invece che col seno, e mi si mette a dormire vicina vicina. Piano piano, quando insieme lo decideremo, passerà anche il tempo del latte, ma non certo ora per i commenti di chi mi dice che è iperprotezione e ansia. E' amore, e basta. Ah dimenticavo, sono un medico. 

Rosa (BS) 17/01/2012

SONO MARA HO UN BIMBO DI 5 MESI CHE ALLATTO A RICHIESTA ...HO INIZIATO A DARGLI UN PO' DI FRUTTA E AL COMPIMENTO DEL 6 MESE INIZIERO' LA PRIMA PAPPA. ALLATTO SEMPRE ANCHE DI NOTTE A RICHIESTA ALCUNI DICONO CHE LO VIZIO MA IO RITENGO CHE VA BENE COSì, ASCOLTO IL MIO BAMBINO, SE HA NECESSITA' DEL SENO PERCHE' DEVO TOGLIERLO E FARLO PIANGERE? PENSO CHE SIA ANCORA PICCOLO!!! LA SERA SI ADDORMENTA IN BRACCIO POI LO METTO NEL SUO LETTINO E CI DORME 3-4 A VOLTE 5 ORE POI SI SVEGLIA GLI DO DA MANGIARE E LO PRENDO A LETTO CON NOI PERCHE' COSI CONTINUO A DORMIRE ANCHE IO ....PENSO CHE QUANDO SARA' IL MOMENTO SI STACCHERA' DA SOLO PER ORA è UN SUO BISOGNO.

MARA (MO) 18/01/2012

Naturalmente, tutte le donne che invitano ad allattare ad oltranza fino ai due anni o più suppongo siano donne che non lavorano o che lavorano part-time. Io sono una libera professionista, lavoro 9-10-12 ore al giorno, allatto mia figlia che ha ormai 11 mesi, ma solo durante la notte e sto cercando di regolarizzarle il sonno e svezzarla. Tutti i gesti delle madri sono gesti d'amore, che si allatti o meno, che si lasci dormire il piccolo nel lettone o meno, che si cerchi di avere ancora una vita di coppia o meno. E' presuntuoso supporre che quello che facciamo è più indicato e più amorevole di ciò che fanno gli altri. Tutte le donne hanno diritto di scelta e preferisco di gran lunga chi suggerisce di autoregolarsi secondo le esigenze personali, compatibilmente con quelle dei figli e del compagno, a chi insiste con indicare regole universali che per alcune si traducono solo in frustrazione e stanchezza. Una madre serena viene prima di tutto perché permette ai figli la sicurezza e la tranquillità per crescere bene.

Elena (MI) 26/01/2012

Buongiorno mi chiamo Lucia, ho 2 figli di 11 e 4 anni, mentre il primo è cresciuto con latte artificiale, biberon e ciuccio e di conseguenza non ha mai avuto necessità di svegliarsi la notte ed è stato sempre più indipendente, il secondo l'ho allattato sino ai 18 mesi!!!non ha mai dormito una notte intera di filato, non ha mai voluto biberon e ciuccio, solo ed esclusivamente il mio seno ke grazie a Dio abbondava di latte...anke io sono dell'opinione ke ogni mamma sa come è meglio comportarsi e agire con i propri figli, ben vengano i pediatri ke possono dare dei consigli ma molte volte non rispecchiano la realtà abbiate pazienza!!Avevo provato mesi prima a togliere il seno al bambino perchè la notte era sfiancante, non volevo si abituasse a dormire con me anke per evitare gelosie col fratello, però per me l'andirivieni notturno x quei 10/15 minuti e di conseguenza il riposo continuamente interrotto mi stava provando così decisi basta...e tutte le sere pianti e passeggiate e cullare e parlargli e stargli vicino e nottate in bianco e passano 15 giorni e stavo uscendo di testa e molto saggiamente intervenne mio marito e disse basta non potete continuare così riattacalo al seno e lascia perdere critiche e consigli!!!Quanto ha avuto ragione!!!quando poi mesi dopo ci riprovai fu meno traumatico ma per sopperire alla mancanza del contatto seno/bocca poggiai la manina del mio ometto (dato ke ormai aveva 18 mesi!!) nel seno!!!Dolce scoperta...oggi ha 4 anni e mezzo, dorme nel suo lettino in cameretta col fratello xò lo accompagno mi corico vicino a lui mi mette la sua manina nel seno e si addormenta dopodiche mi alzo e vado nel mio letto...non ho preso pillole x far andare via il latte ma solo infusi di comunissima salvia ke rallentano la produzione ancora oggi se spremo i capezzoli un pò di latte fuoriesce...xciò io dico ogni bimbo ha una sua storia e ogni genitore ha e deve avere la libertà di agire secondo la propria coscienza e le proprie forze ricordiamoci ke sulla pelle degli altri siamo tutti bravi a impartire lezioni e consigli ma nelle situazioni x capirle appieno bisogna trovarsi. Siete tutte delle brave madri e state tutte facendo le cose ke secondo voi sono più giuste x i vostri bambini xciò continuate così i vostri bambini non saranno certamente diversi dagli altri o meno intelligenti degli altri solo xkè dormono o non dormono con voi o xkè sono o non sono allattati da voi sono bambini con le loro storie e con delle meravigliose mamme ke pensano solo a dare il meglio per loro. Dimenticavo a differenza del primo figlio molto indipendente, il secondo è molto attaccato a me, c'è un legame particolare, bellissimo.

Lucia (NU) 27/01/2012

Ho due figli di 28 e 21 anni: uno è laureato, lavora e vive per conto suo. L'altra fa l'università. Hanno le idee chiare. hanno una vita affettiva, amici, ideali, vanno tranquilli nel mondo. Sono capaci di empatia e solidarietà, equilibrati, saggi. Pensano con la loro testa. Hanno i loro travagli e le loro risorse per affrontarli, non corrono da me per aiuto, se la cavano benino insomma. E sono stati tutti e due allattati ben oltre l'anno, hanno dormito nel lettone, sono stati presi in braccio - anzi si può dire che inizialmente abbiano VISSUTO in braccio, per mesi ed anni. Non li ho mai lasciati piangere se potevo far qualcosa per farli star meglio. Li ho viziati, e mi sa che hanno preso il vizio, sì... il vizio di essere affettuosi, socievoli e compassionevoli verso il prossimo. Il vizio di sentirsi sicuri dell'affetto dei propri cari, di fidarsi. Il vizio di restare connessi alla vita, al loro senso di giustezza interna.

E potrei dire le stesse cose dei figli di tante mie amiche (ragazzi ormai  grandi che, sorprendentemente, non si drogano, non hanno turbe sessuali, non sono sociopatici e non vivono aggrappati ai genitori ma girano il mondo invece). Amiche che come me sono riuscite a tirare dritto tappandosi le orecchie verso tutti questi profeti di sventure che cercano di farti sentire fallita, inadeguata, egoista, criminale solo perché ascolti il tuo istinto di essere umano. Mamme, non lasciatevi fregare, non fatevi espropriare dei ricordi più belli della vostra vita per farvi strumento di perpetuazione di una cultura della separazione, della sfiducia, della prevaricazione, dell'insensibilità, del narcisismo. Dobbiamo crescere degli esseri umani integri, non dei soldati senza cuore: non stiamo lavorando per l'esercito.

Antonella (RM) 28/01/2012

Francesca da Como, il mondo è così storto che se una non allatta è colpevolizzata, se allatta oltre i primi mesi è anche vista peggio. Tu sei stata forte e in autonomia hai deciso di seguire pratiche che vengono caldamente consigliate da professionisti sensibili e competenti. Ti ammiro perché le cose che fai tu a me sono state suggerite prima di rendermi conto che erano pratiche normali e salutari per mamma e bambino. Chi parla di "vizio" quando parla di allattamento o contatto non capisce una beneamata cippa di bambini, di malattie probabilmente sì, ma di bambini assolutissimamente no. 

Violetta (CT) 29/01/2012

Salve, mi chiamo Francesca e capisco benissimo lo stato d'animo di mamma Margherita perché anche io ho un bambino gravemente prematuro( 30w)che è passato dal sondino al biberon per arrivare al seno dopo 7 mesi di duro lavoro con il tiralatte..Adesso lui ha 18 mesi (16corretti), io sono sfinita ma come fare ad interrompere questo contatto senza traumi soprattutto per lui che ha già sofferto abbastanza? 

Francesca (GR) 30/01/2012

Finalmente non mi sento più sola!ho un bimbo di 8 mesi e mezzo che mangia di tutto ma ancora non ha rinunciato al latte materno che,su richiesta,prende sia di notte sia,qualche volta,di giorno!alcuni mi dicono che sbaglio perchè potrebbe portarlo all'obesità,altri dicono che non si attacca per fame ma solo per l'attaccamento alla mamma ed altri ancora che dovrei farlo piangere invece di accontentarlo!!!ed io che faccio????faccio del mio meglio per non rovinare qull'empatia che c'è fra noi,quindi seguo il mio istinto materno e di giorno(salvo qualche caso di estremo suo bisogno) giocherellando lo distraggo mentre di notte glielo dò!rachele(rm)

rachele (RM) 07/02/2012

Sono Margherita, la mamma del bimbo nato prematuro. Ho continuato ad allattarlo a richiesta e continuerò a farlo ancora a lungo, anche perché cresce benissimo e il seno è stato per me come un nuovo cordone ombelicale, anche se viviamo tante nuove esperienze insieme, in serenità. Anche io ho trovato spiegazioni e conforto in diversi libri, in particolare in "E se poi prende il vizio?" della Bortolotti e in "Sapore di mamma" della Negri.

Margherita (BO) 28/02/2012

GRAZIE Antonella (RM) la testimonianza di una persona con i figli adulti è illuminante!

Maria Paola (MC) 09/03/2012

Ciao a tutti. sono una mamma fellicissima, di una splendida bambina che è nata dopo 14 anni di matrimonio. Stamattina ero, così.., alla ricerca di come smettere di allattare, ma ora dopo la lettura dei vostri comenti sono più tranquilla e serena, specialmente dopo la lettera scritta da Grazia di anno fa. Mia bambina ha compiuto a febbraio i 4 anni, e vuole ancora il mio latte, io le ho do felicissimamente. Ho dovuto sopportare le umigliazioni, delle critiche, brutti commenti da tutte le parti,a volte mi vergoniavo..., ma io stobene, pure lei. Io la amo, mi stanco, non solo per questo, faccio mille cose come tutti, ma amo vederla a poppare, amo sentire, mamma vorrei la tua poppina, anche se le cercavo spiegare che è già grande, che non ha più bisogno, lei mi risponde che il mio latte è più bbuono e dolce che quello della mucchina.... anche se già poppa sempre di meno, per me è bellissimo. Non ci fate sentire in colpa! Lei è autonoma, vivace, socievole, bella e sana. L'unica, è mia :)  Elena

elena (FI) 18/03/2012

Grazie a Grazia (VA),grazie ad Antonella(RM) grazie a tutti. Amore, tutto con tanto amore.

elena (FI) 18/03/2012

Ciao a tutte le mamme! Anch'io allatto felicemente il mio bambino di un anno, spesso mi sento stanca, ma è una delle più grandi soddisfazioni della mia vita dopo quella di aver messo al mondo mio figlio e continuerò finchè sentirò che entrambi lo desideriamo. Ho dovuto combattere anch'io contro consigli sbagliati, secondo il pediatra a 4 mesi e mezzo avrei dovuto svezzarlo o dargli latte artificiale (con tanto di campioni gratuiti per incentivarmi a cominciare!!) perchè secondo lui non cresceva bene, invece ho seguito il mio istinto e ho consultato un altro pediatra che mi ha rassicurata, ho continuato ad allattare esclusivamente al seno fino a 6 mesi e il mio piccolo cresce che è una meraviglia, ma soprattutto è felice! Devo dire che ho un compagno che mi sostiene e ho la possibilità di farlo visto che lavoro da casa, anche se per ora praticamente non lavoro visto che faccio la mamma a tempo pieno. Per chi desidera allattare consiglio: seguite il vostro istinto e non date peso alle critiche degli altri! Chi vuole smettere di allattare... allo stesso modo non va criticato e giudicato, è giusto fare la cosa che ci rende più serene, sicuramente di questo ne beneficeranno i nostri bimbi.



Stefania (VR) 22/05/2012

Sono mamma di una bambina di quasi11 mesi. L'ho allattato esclusivamente al seno fino ad un mese fa, non voleva le pappe e quindi non c'erano tante alternative. Pesa 11 kg e mezzo quindi come potete vedere non ne ha risentito, anche in spiaggia si fa notare per le sue pieghe. Di notte si sveglia di continuo, quando va bene 3 volte ma normalmente sono molte di più, la pediatra mi ha detto che gli allattati al seno sono così e quindi mi sto arrendendo all'idea. Per farmi dormire di più dorme nel lettone e dato che si muove di continuo ho l'ansia che mi cada giù dal letto, ma ill lettino proprio non le va giù. Tutti quando dico che allatto ancora mi guardano come se fossi matta, voi del blog mi state rassicurando del fatto che non sono ne l'unica e tanto meno matta. Ma come potrei non allattare più che e il suo unico modo per addormentarsi? E già e una bambina che dorme poco!!! Allatto infatti prima del riposino pomeridiano, alla sera e di notte ( praticamente sempre a parte pranzo e cena). Grazie a tutte per il sostegno che mi avete dato, non mi sento più sola!!!!

Puffa (IM) 16/06/2012

Io ho allattato mia figlia fino a 25 mesi, e non è stato facile,in quanto lavoro con ufficio in casa e quindi lei in ogni momento voleva tetta.. ora per problemi conseguenti alla troppa prolattina,ho deciso durante il giorno di smettere,non per egoismo ma solo per salute,sinceramente se non avessi avuti problemi fisici cosi' avrei continuato fino a quando lei avrebbe lasciato sola,la notte perchè stanchi sia io  che mio marito l'attacco al seno,alcune volte dorme nel lettino altre volte vuole dormire con noi ,ritengo per mia esperienza personale che alcuni medici diano consigli errati dettati da protocolli scritti ,ma che non riflettono la realta',penso al mio caso la puericultrice in ospedale mi disse dopo un gg nata mia figlia che potevo darle il biberon,io ho detto no ,ho voluto allattare mia figlia a tutti i costi ,nonostante il mio parto molto brutto,una cosa pero' rimprovero a quasi tutti i mariti o a coloro che stanno vicino alle mamme come noi...dovete comprenderci,nel vero senso della parola ,essere di supporto con fatti non a parole,i figli sono di tutti e due,che lavoriamo ....ma stranamente i figli ""vogliono la mamma",forse perchè la mamma rinuncia anche a bersi un bicchiere di acqua per crescerli.. Quindi siate tranquilli e fate come vi dice il cuore i bimbi avvertono lo stress ,il nervosismo,se pensate quindi che allattare vi rende la vita piu' serena fatelo,quando andrà all'asilo sicuramente tutto passerà...Caterina(Kr)

caterina (KR) 19/06/2012

Che bello leggere di mamme che allattano al seno...io ne sono una sfegatata sostenitrice!! Il mio grande l'ho allattato al seno fino a quasi tre anni, con orgoglio e tanta serenità, nonostante le critiche di amici e parenti! Fino a tre anni e mezzo è stato con noi nel lettone, poi ha voluto SPONTANEAMENTE trasferirsi nella sua cameretta per cedere il posto al fratellino appena nato! Non ha avuto nessun problema n'è a staccarsi dal seno n'è dal lettone di mamma e papà anzi....ha fatto tutto da solo con naturalezza e convinzione!
Smettiamola di parlar di "vizi"!!!!! Nei bambini esistono solo "bisogni" che vanno assolutamente soddisfatti per favorire loro una crescita serena e armoniosa e tra questi ci sono anche il bisogno di coccole, accudimento e sicurezza! Un bimbo lasciato a piangere da solo nel freddo del suo lettino non sarà di certo un bimbo soddisfatto! La psicologia è fatta di studi scientifici che ne dimostrano la validità,perchè non seguirne le indicazioni? Parliamo di esperti che hanno studiato per giungere a certe .conclusioni. 

Stella (EN) 19/06/2012

Madre di un bebé di 11 mesi ho capito fin da quando ero incinta che la vita non sarebbe stata più come PRIMA! A me mette disagio leggere i commenti di chi mette il proprio interesse prima di quello dei figli: i figli vanno accuditi sia di giorno che di notte, non capisco davvero dov'è il problema che il bimbo dorma con i genitori se è la soluzione migliore: avete voluto un figlio? Ci sono tantissime soluzioni per non stare incollati l'uno all'altro e dormire sereni. Il vizio ce l'hanno quei neo-genitori che appunto non vogliono cedere alla novità, che un neonato sì, chiede di te anche di notte, se piove, se stai mangiando: sempre! Se poi appunto un consiglio sciagurato arriva da un pediatra che al 90% riceve soldi per pubblicizzare il latte artificiale guardate....meglio sole che mal accompagnate, in questa vita di mamma!



Francesca (MO) 23/07/2012

salve a tutti ,ho un' unica figlia di 11 mesi,che mangia ormai di tutto ,ma che io molto volentieri allatto ancora,considerando che io lavoro mattina e pomeriggio riesco ancora a soddisfare le sue richieste e ne sono strafelice,perche' non accontentare i nostri figli ?

rita (NA) 06/09/2012

ciao....la mia principessa ha 13 mesi è ancora una ciuciona....dorme con noi nel lettone e quando vuole c'è la tetta pronta..Così dormiamo bene tutti e 3 vicini e ci godiamo questi momenti magici..Quando sarà grande non dormirà piùcon noi!!!!!!!!!!!!!!!

lory (BI) 05/10/2012

Mio figlio di 9 mesi dorme nel suo lettino e si sveglia ancora 3 o più volte la notte, per riaddormentarlo devo attaccarlo al seno. Ho provato a lasciarlo nel lettino, ninnarlo, carezzarlo, ma si irrita ancora di più e piange sempre più forte, potrebbe svegliare tutto il vicinato. Avete consigli? Grazie

15/10/2012

Tre volte non sono poi così tante per un bambino di soli nove mesi, specialmente se sente male per I dentini. La mia bambina si svegliava anche fino a cinque-sei volte e l'unico modo per rassicurarla é sempre stato offrirle il seno. Certo non tutte le volte si attaccava per fame, forse una volta verso la mezzanotte ed un'altra verso le sei si faceva una vera poppata, le altre volte stava attaccata solo un paio di minuti, senza neanche ciucciare veramente, e poi si riaddormentava. Non sarei mai riuscita ad alzarmi dal letto per tirarla su dal lettino per tutte queste volte e credo neanche meno. Semplicemente dorme di fianco a me e quando mi cerca mi giro di fianco, alzo la maglietta del pigiama, apro mezza palpebra per controllare che la maglia del pigiama o altro non le copra il nasino e continuo a dormire. Qualche volta torna a cercarmi poco dopo, tipo venti minuti, e allora capisco che voleva poppare un po' più comoda, quindi mi siedo sul letto e l'attacco in posizione "normale" tenendola in braccio, ma sempre senza alzarmi dal letto e senza accendere la luce, dopo un po' lei o inarca la schiena, e allora capisco che é pronta per tornare giù, o si riaddormenta al seno, e allora la rimetto giù, o continua a ciuciare ma meno convinta, e allora senza staccarla mi sdraio con lei di fianco col seno in bocca e nel giro di un paio di minuti dorme di nuovo. A dir la verità le cose sono andate così fino a quando la mia piccola aveva 18 mesi, adesso che ne ha 21 si sveglia molto meno (tipo un paio di volte, ma dato che non mi sveglio del tutto non saprei dire quante) e generalmente chiede di poppare veramente solo verso le sei del mattino.

Michela (TN) 18/10/2012

"I BISOGNI SODDISFATTI NON SI RIPRESENTANO!" grandissima frase della psicologa mamma Eleonora..bisogna essere forti nella vita, pronti a vivere quel ruolo da mamma fino in fondo, saranno le fondamenta del pargolo nella formazione del suo Io...io sono un papà fortunato, amo le cose semplici, il sorriso dei miei cari, le coccole e godo di cio che la vita mi da ogni giorno...dando il massimo per far star bene la mia famiglia. Ognuno in essa ha un ruolo e non si fanno calcoli su chi fa di piu o di meno...reciproco aiuto quando ci sono i figli e superare le incomprensioni dovuti alle difficolta delle situazioni non e semplice ma con flessibilita mentale, stima ed avore verso il proprio patner tutto e possibile. Marco

marco (TA) 02/11/2012

Scusate un momento.. Ma come fate a far dormire i vostri figli nel letto con voi per mesi o addirittura anni?????? Ma rapporti intimi con vostro marito non ne avete più??? O fate come certi che prendono il bambino e lo lasciano mezz'ora dalla nonna per una sveltina?? Ma scherziamo?? Secondo me è fondamentale che la coppia resti unita e che coltivi e rafforzi il proprio amore costantemente, questo non solo per se stessi ma anche e soprattutto per avere una famiglia serena, felice ed unita!!!! I bambini non stanno certo male a dormire nel loro letto! Mio figlio ha sette mesi e ha sempre dormito nel suo lettino senza problemi, a cinque mesi l'abbiamo portato in camerea sua e se prima si svegliava infinite volte, da quando sta nella sua camera ha ridotto drasticamente i risvegli. Secondo me era distubato dai nostri movimenti o dal russare di mio marito, adesso vedo che è proprioo sereno mentre dorme e non ha problemi. Certo che ognuna deve fare solo quello che sente giusto per il proprio bambino ma non dovrebbe mai dimenticare che prima di esser diventata madre era una moglie!!!

Irene (MI) 04/11/2012

Ragazze a tenere i bambini nel lettone si rischia la Sids, ovvero la morte in culla... Non dico di metterli nella loro camera ma per il loro bene e x lo sviluppo corretto della loro schiena devono dormire nel loro letto e su un maerasso adatto a loro e costruito per loro, almeno questa è la mia opinione. Per quanto riguards l'allattamento al seno mi rivolgo a chi sostiene che se lo elimini prima dei due anni di vita avrai dei figli ribelli, ma le mamme che non hanno latte si devono sparare?? A volte non vi rendetee conto che a scrivere certi assolutismi mettete in difficoltà le neo mamme che magari non hanno il latte, mi rivolgo sopratutto alla psicologa infantile che ha commenato dicendo che il seno non va tolto prima dei 24 mesi. Mia figlia ha tre mesi, è una bambina serena, l'allatto io a modo mio le do la poppata e poi la faccio addormentare accanto a me ma nel suo lettino, altrimenti io non riesco a dormire, se domani perdo il latte mia figlia avrà delle turbe psichiche???? sapete cosa credo he i bambini diventano agitati se i genitori sono agitati e se questA POVERA MAMMA E'DISTRUTTA SICURAMENTE NON E' SERENA E SE NON E'SERENA LEI SICURAMENTE NON LO E' NEMMENO SUO FIGLIO. Il mio consiglio a tutti i genitori è cercate di trovare la soluzione per essere sereni voi, solo cosi lo saranno i vostri figli e se x farlo a 8 mesi è necessario togliere il seno fatelo, se è necessario tenerli nel loro lettino fattelo, se è neessario tenerlo in braccio fatelo e se è necessario tenerli con voi nel lettone fate anche quello, a chi vi giudica rispondee fatevi un figlio e crescetevelo, il mio è felice e lo cresco a modo mio... Gli esperti danno la loro opinione prendendo in esame un insieme di individui e traacciando delle linea teoriche, vosro figlio è unico e lo conoscete solo voi, conenti voi contenti tutti... sempre e comunque...()

milena e isa (MO) 08/02/2013

Buon giorno a tutti! Ho trovato questo sito mentre cercavo appunto qualche parere professionale sull'allattamento e dopo aver letto tutti i commenti, ho capito che non esiste il PARERE corretto in assoluto e che non c'è parere più professionale di quello di noi mamme! Ho un tesoro di bambino di 7 mesi, orgogliosamente allattato solo al seno e come tante di voi ho dovuto sorbirmi tutti i generi di "consigli", critiche e "imposizioni" di ogni genere soprattutto da parenti, i quali, credono sempre di saperne più degli altri e io sempre più convinta rispondo loro che ogni bambino ha esigenze e carattere diversi che, per così dire le "regole" non valgono per tutti. Leggendovi ho capito di aver ragione e sono più tranquilla sul mio operato, mio figlio cerca spesso il seno, per mangiare, per dormire, per consolarsi, per rassicurarsi. Ha cominciato a rifiutare il ciuccio già a quasi 4 mesi e oggi preferisce bere l'acqua nel bicchiere, rifiutando biberon e cucchiaino, pertanto, lo svezzamento è ancora più difficoltoso ma non mi preoccupo, cresce bene ed è in salute. Certo, alle volte è un po' stressante ma la sua gioia e i suoi sorrisi quando ci guardiamo negli occhi, non ha prezzo! Perfettamente d'accordo con mamma Lucia (Nu - 27.01.2012), auguro a tutte un buon lavoro! Cinzia (Me)

Cinzia (ME) 11/02/2013

Ciao a tutte le mamme... ho un bimbo di 14 mesi che è nato prematuro e che ho voluto prendesse il mio latte fin dall'incubatrice... ora però sto lottando con mia madre e le mie sorelle perchè tra meno di un mese devo tornare a lavoro(lavoro molto d'estate) per cui mi hanno quasi "obbligata" a farlo... sto molto male e non credo di essere ancora pronta...

Maria Grazia (NA) 12/04/2013

Sono mamma di una bimba di 5 mesi; la sto allattando anch'io e mi alzo per la poppata notturna. Prima dormiva nella sua culla ma in camera con me e mio marito, poi a 4 mesi l'abbiamo messa nella sua cameretta e sinceramente dorme di piu' sia lei che noi!!!! Poi una mamma dorme sempre poco ma prima in camera nostra si continuava a svegliare e voleva venire nel lettone: io dormivo malissimo per la paura di schiacciarla ( anche se a volte crollavo!!!!) e lei dormiva male perché si continuava a muovere e sistemarsi. Le coccole ci sono sempre, anzi apprezza di piu' adesso! Mery

mery (PR) 13/09/2013

L'allattamento di mio figlio è stato e a volte è ancora problematico, anche grazie all'interferenza o all'incompetenza di operatori sanitari vari...nonostante ciò nutro mio figlio al seno da quasi sei mesi e ho intenzione di continuare! Hanno già citato Sears, Bowlby, Bortolotti...manca Gonzáles. Una serie di nomi di esperti se non ci basta o ci hanno tolto l'istintiva saggezza di una mamma.
Se posso fare una battuta...a disturbarmi a letto non è il bimbo che poppa nel lettone con me in dormiveglia, ma il padre che russa! :)
PS: per i rapporti intimi si possono trovare altri luoghi ed altri orari...

Tiziana (RM) 15/09/2013

Ciao a tutte... io bimbi non ne ho ancora... non in braccio, almeno :) Ne ho due nella pancia e aspetto con gioia, e qualche preoccupazione, il momento in cui potrò tenerli in braccio. L'intenzione è quella di allattarli al seno, ho le mie opinioni e cerco di informarmi, per questo sono capitata qui. Se devo dire la verità credevo che i problemi più grossi dopo il parto sarebbero stati quelli di "gestione" (allattamento, bagnetto, pannolini, colichette... TAGLIARE LE UNGHIE DI UNA MANINA COSì PICCOLA!!!), panico solo a pensarci! Ma vi devo ringraziare: ho scoperto che la jungla vera non sarà in casa, ma fuori! Ho letto dei commenti "una punta" aggressivi... e le mamme più infervorate (con qualche eccezione) sono quelle che a un certo punto decidono di mettere per forza il bimbo a dormire da qualche altra parte o di togliergli la tetta o che oltre una certa età non si debba assolutamente allattare o che "il lettone, per carità di Dio!". Ammetto che pensavo che le più "feroci" fossero quelle "pro tetta", grazie per avermi tolto un'errato pregiudizio. Per quanto mi riguarda... aspetto i miei bimbi, spero allattarli al seno entrambi, cercherò di fare a modo mio, come mi sentirò e come riuscirò con l'aiuto di un marito stupendo... e chi non sarà d'accordo... quella è la porta, si prega di non disturbare, grazie, allattamento in corso (speriamo!!!)

Ambra (IM) 25/09/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allattamento al seno e risvegli notturni: vuole ancora il latte della mamma di notte"

Allattamento al seno: come interrompere?
Non offrendo più il seno al bimbo, viene gradualmente a mancare lo stimolo prodotto dalla suzione. Di conseguenza la produzione lattea va scemando gradualmente.
Allattamento artificiale: come accettare il biberon?
Consigli per far accettare il biberon in corso di allattamento artificiale.
Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.
Prepararsi ad allattare
La produzione del latte materno è un meccanismo complesso. E' un alimento indispensabile per le esigenze del bambino.
La montata lattea
Normalmente la montata lattea arriva circa 5 o 6 giorni dopo il parto. I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno e lavoro
Il bambino si abituerà facilmente al cambiamento di orario dell'allattamento dovuto al rientro al lavoro. non bisogna sentirsi in colpa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Mia figlia è a rischio di asma
La diagnosi precisa di asma si può fare dopo i sei anni di età. I sintomi e la terapia da seguire.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare