ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Come curare e prevenire i pidocchi

Come comportarsi quando si prendono i pidocchi.

Ultimamente si sente spesso parlare nelle scuole (sia materne che elementari) di epidemie di pidocchi. Esiste un qualche sistema atto a prevenire il contagio? Come può essere curata una eventuale affezione?

Riportiamo le indicazioni fornite dall'Associazione Ricerca in Pediatria di Bergamo (che ringraziamo per la collaborazione):

I pidocchi sono piccoli insetti grigio-biancastri, che parassitano il corpo umano, cibandosi del sangue. Di solito vivono abbarbicati sui capelli e pungendo il cuoio capelluto depositano un liquido che provoca prurito. Si riproducono attraverso le uova che si chiamano lendini. La femmina del pidocchio vive 3 settimane e depone circa 300 uova. Le lendini sono attaccate tenacemente al capello, specialmente all'altezza della nuca e sopra e dietro le orecchie. Il passaggio del pidocchio da una testa all'altra può avvenire sia per contatto diretto che indiretto (scambio di pettini, cappelli, salviette, sciarpe, cuscini, ecc.).

L'infestazione non è indice di cattiva igiene. L'infestazione si manifesta con un intenso prurito al capo. Se si guarda attentamente tra i capelli vicino al cuoio capelluto, all'altezza della nuca o dietro le orecchie si vedono le lendini, che sembrano puntini bianchi o marrone chiaro. Sono di forma allungata, traslucidi, poco più piccoli di una capocchia di spillo. Attenzione! Non bisogna confonderle con la forfora o la seborrea, facilmente asportabili. Le lendini sono tenacemente attaccate al capello da una particolare sostanza adesiva. Un trattamento scrupoloso risolve facilmente il problema, anche se non garantisce future reinfestazioni dato che nessun prodotto ha effetto preventivo:

  • cospargere i capelli con polvere aspersoria a base di carbaril e tenere avvolto il capo in una cuffia per una notte.
  • in alternativa esistono prodotti a base di malathion o dipernetrina: si applicano sulla capigliatura asciutta e si lasciano per una decina di minuti
  • lavare i capelli con uno shampoo specifico e risciacquare con aceto (l00 gr in 1 litro di acqua calda)
  • sfilare tutte le lendini rimaste o manualmente o utilizzando un pettine a denti molto fitti, pettinando accuratamente ciocca per ciocca partendo dalla radice del capello
  • ripetere il trattamento completo dopo 8 giorni
  • per la localizzazione alle ciglia e sopracciglia è necessario effettuare per parecchi giorni applicazioni locali di pomata all'ossido giallo di mercurio all'1%
  • disinfettare le lenzuola e gli abiti, che vanno lavati in acqua calda oppure a secco (soprattutto i cappelli), oppure lasciati all'aria aperta per 48 ore (i pidocchi lontano dal cuoio capelluto muoiono)
  • lasciare all'aria aperta per almeno 48 ore anche alcuni effetti personali, come i pupazzi di pezza
  • lavare accuratamente pettini e spazzole.

Avvertenze per evitare la trasmissione della pediculosi:

  • evitare di prestare e scambiare oggetti personali (pettini, sciarpe, cappelli, spazzole, nastri, salviette, ecc.)
  • evitare di ammucchiare capi di vestiario (chiedere che a scuola, in piscina e in palestra siano assegnati armadietti personali)
  • controllare accuratamente i capelli una volta alla settimana (soprattutto da agosto a novembre) specialmente a livello della nuca, e dietro le orecchie per accertarsi che non ci siano lendini
  • controllare con molta attenzione la testa di tutti i familiari: se si scopre la presenza di lendini o di pidocchi occorre applicare scrupolosamente le regole per il trattamento dei pidocchi.

Attenzione: Le norme per evitare la trasmissione della pediculosi sono le sole valide per non prendere i pidocchi. I prodotti che si trovano in farmacia non hanno un'azione preventiva, ma servono solo per debellare l'infezione già in atto. Se si eseguono scrupolosamente le indicazioni per eliminare i pidocchi, il bambino può tornare a scuola il mattino dopo il primo trattamento.

1/1/1997

15/4/2015

I commenti dei lettori

Da due anni per la prevenzione della pediculosi uso un prodotto naturale chiamato olio di pid, associo lo shampoo due volte a sett allo spray su capelli asciutti e devo dire che nonostante le varie invasioni che abbiamo subito nella materna di mio figlio ci siamo sempre salvati!

arianna (GE) 01/11/2010

Anche io uso quotidianamente spray de pid che acquisto in erboristeria e una volta a settimana lo lavo con un oil de pid e mi trovo benissimo; anche se la migliore prevenzione rimane il controllo quotidiano. Lo consiglio a tutte le mamme, perchè se ci si accorge subito del problema, risolverlo è molto più semplice!

Monica (RM) 20/03/2011

io lo so che avere i pidocchi non è bello specialmente chi ha i capelli lunghi.Anche io gli ho avuti e mia madre e mio padre mi mettevano lo shampoo melanix o qualcosa del genere me lo lasciavano per 15 minuti e mi pettinavano i capelli poi mi lavavo i capelli con l'aceto e poi mi facevo due volte a settimana lo shampoo e ora adesso non li ho piu' perchè anche se ho i capelli corti io lo shampoo per la prevenzione dei pidocchi. Un mega bacione da Micaela 

micaela (RM) 30/10/2012

salve ,ho una domanda da porre: quante volte la settimana vanno lavate lenzuola e cuscini? so che deve essere fatto ogni giorno cambio di lenzuola e vestiti appena si scopre la colonia di uova. grazie lucia

lucia diotallevi (PA) 04/08/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come curare e prevenire i pidocchi"

I pidocchi
La scheda sui pidocchi (pediculosi) a cura della Associazione per la Ricerca in Pediatria. Come ci si contagia e come ci si cura.
Pidocchi cura e prevenzione
I pidocchi vivono sui capelli e si cibano di sangue. Si riproducono attraverso le uova che si chiamano lendini. I consigli sulla prevenzione e sulla cura.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Mia figlia è a rischio di asma
La diagnosi precisa di asma si può fare dopo i sei anni di età. I sintomi e la terapia da seguire.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare