ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Diverticolo di Meckel

Il diverticolo di Meckel è presente all'incirca nell'1-3% degli individui, è molto più frequente nei maschi, i quali sono perciò maggiormente soggetti alle sue complicanze.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Alla nostra bimba di anni 3 è stato asportato chirurgicamente il diverticolo di Meckel. Vorremmo sapere il più possibile di questa disfunzione e sopratutto che reazione ci può essere per il futuro della bimba.

Normalmente nell'embrione esiste una struttura, il dotto onfalo-mesenterico, che durante la vita embrionale unisce l'intestino primitivo con il sacco vitellino. Dalla mancata chiusura di tale dotto origina il diverticolo di Meckel. Esso è situato nell'intestino ileo terminale, in un tratto generalmente compreso entro cm 100 dalla valvola ileo-cecale (punto di passaggio tra l'intestino tenue e l'intestino crasso). Spesso è connesso all'ombelico tramite un cordone fibroso.

Di solito il suo rivestimento mucoso è identico a quello dell'ileo, ma talvolta sono presenti isole di mucosa gastrica, duodenale o pancreatica; il suo diametro è più piccolo di quello dell'intestino e la sua lunghezza è di solito di 10 cm. Il diverticolo di Meckel è presente all'incirca nell'1-3% degli individui, è molto più frequente nei maschi, i quali sono perciò maggiormente soggetti alle sue complicanze. Per quanto riguarda la sintomatologia, esso decorre quasi sempre in maniera silente a meno che non intervengano complicanze rappresentate generalmente da emorragie, occlusione intestinale e diverticolite (infiammazione).

Il picco di incidenza della sintomatologia è intorno ai 2 anni di età.

  • Emorragie. Anche se il sanguinamento può essere asintomatico, l'emorragia vera e propria rappresenta la complicazione più frequente ed è dovuta ad ulcerazioni della mucosa derivanti dall'attività acida delle isole di mucosa gastrica. L'emorragia non si accompagna a dolore e può essere intermittente, di modesta entità oppure massiva. Le feci sono color catrame oppure si ha emissione anche di sangue rosso vivo.
  • Occlusione intestinale. i meccanismi possono essere diversi poichè il diverticolo può introflettersi e invaginarsi in se stesso, l'intestino può erniarsi nel diverticolo, può crearsi un volvolo (attorcigliamento) del diverticolo su se stesso.
  • Diverticolite. Il diverticolo di Meckel può essere sede di processi infiammatori sia cronici che acuti; in questo caso la sintomatologia è asssolutamente sovrapponibile a quella di una appendicite acuta con cui viene invariabilmente confuso.

La diagnosi non è sempre agevole poichè fattori anatomici e funzionali ne impediscono spesso la visualizzazione radiologica. Indicativa può essere la radioscintigrafia con tecnezio 99m, che ha la proprietà di fissarsi alla mucosa gastrica e quindi alle isole eterotopiche presenti nel diverticolo. La terapia consiste nella asportazione chirurgica; anzi, se capita di dovere intervenire sull'addome per altre cause, è indicato cercare l'eventuale presenza del diverticolo di Meckel e, se c'è, toglierlo. Una volta asportato, il discorso è chiuso.

1/12/1997

11/11/2016

I commenti dei lettori

Mia figlia ha 10 anni e 9 mesi fa ha avuto la prima mestruazione,premetto che ha sempre goduto di ottima salute ma da quanto ha avuto le mestruazioni, emorragiche quasi, ha avuto anche la vasculite ,per 6 mesi il suo  corpo era completamente riempito di puntini rossi, abbiamo girato 16 specialisti : Ematologi, allergologi, dermatologi, immunologi ecc...alla fine il mio medico curante spazientito da tutti questi giri senza nessun costrutto  ha deciso di darle il cortisone per tre settimane e finalmente dopo 6 mesi di autentica disperazione mia figlia è  migliorata moltissimo anche se è ancora soggetta alla rottura spontanea di capillari  sotto pelle .Le analisi sono sempre state perfette e non se ne capisce la causa di tale rottura.Gradirei che affrontaste nei Vostri articoli il problema della vasculite nelle adolescenti.Grazie per gli articoli interessanti che scrivete e porgo i miei  distinti  saluti.Angela 

angiolina rosaria (CS) 27/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.
Latte per il neonato
Qual è la quantità corretta di latte per un neonato nei primissimi giorni di nascita? I consigli del Pediatra.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Non si stacca mai dal ciuccio e dalla sua coperta
Come posso rendere indipendente il mio bambino dal suo ciuccio e dalla sua coperta? I consigli della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte