ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Reflusso vescico-ureterale

Il reflusso vescico-ureterale (RVU) è un'anomalia dell'apparato urinario, primitiva o secondaria ad altre malformazioni, di frequente riscontro in età pediatrica.

a cura di: Prof. Guido Caccia (chirurgo pediatra)

Siamo i genitori di Valeria, una bimba di 3 anni e sette mesi operata a fine giungo 97 per la ricostruzione dell'uretere destro con metodo "COHEN" dopo che una cistografia (20/5/97) aveva evidenziato un reflusso renale destro di terzo grado e una scintigrafia renale (27/5/97) una dimensione del rene destro inferiore a quello sinistro. La bambina é in terapia antibiotica a bassa dose serale dal dicembre 96, allorquando é stata diagnosticata una infezione alle vie urinarie con febbre 39/40 gradi. Una settimana fa abbiamo eseguito la cistografia di controllo, dalla quale é risultato assente il vecchio reflusso destro mentre é comparso un reflusso renale sinistro di terzo grado (.....questo significa che il rene sinistro si sta danneggiando?). Ci hanno parlato del metodo "STING" come soluzione tampone per il reflusso renale sinistro ora manifestatosi. Vorremmo sapere cosa ne pensate e cosa ci consigliate di fare? Inoltre in caso di prolungamento della terapia antibiotica serale sarebbe possibile, in alternativa, utilizzare una cura omeopatica?

Nel caso di Valeria è importante innanzitutto valutare per quale ragione è comparso il reflusso controlaterale a poca distanza dall'intervento chirurgico di reimpianto ureterovescicale dx sec. Cohen. Si possono avanzare delle ipotesi:

  • il reflusso sinistro era già presente prima dell'intervento chirurgico ed è sfuggito al primo esame cistografico;
  • l'intervento chirurgico può avere determinato squilibri funzionali e/o anatomici a livello dello sbocco ureterale sinistro;
  • una possibile causa di reflusso sono le contrazioni instabili del detrusore (fisiologiche peraltro a questa età entro certi limiti).

Questa ultima ipotesi può essere verificata mediante cistomanometria, che in questa fascia di età deve essere eseguita da specialisti qualificati (chirurghi pediatri esperti nel settore). Qualora quest'ultimo esame ponga diagnosi di disfunzione vescicale, si dovrà optare per una terapia medica specifica. Qualora viceversa l'esame risulti normale per l'età, dovrà essere eseguita in anestesia generale la cistoscopia, con possibilità di eseguire "STING" qualora la situazione anatomica locale lo consenta. Nel frattempo:continuare profilassi e controlli urinari. Per i non addetti ai lavori, il metodo Sting consiste nell'iniettare, durante una cistoscopia-endoscopia in narcosi, una sostanza riassorbibile o non riassorbibile nella parete delle vascica al di sotto dello sbocco ureterale, per determinare un allungamento del tratto sottomucoso della giunzione uretero-vescicale al fine di modificare la situazione anatomica e quindi funzionale.

Le valutazioni di cui sopra sono limitate dalla mancata presa visione della documentazione radiologica, dalla mancanza di alcuni dati della storia di Valeria. Se per esempio Valeria non avesse più presentato infezioni si può prospettare anche la possibilità di un trattamento conservativo. Del trattamento omeopatico non ho alcuna esperienza.

1/11/1997

19/2/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Reflusso vescico-ureterale"

Infezione delle vie urinarie
Gli accertamenti diagnostici eseguiti non hanno documentato anomalie significative, ma a 20 mesi ha già avuto tre casi di infezioni delle vie urinarie.
Infezioni delle vie urinarie
Spesso le infezione alle vie urinarie sono causate da un germe, l'Escherichia Coli, con cariche microbiche più o meno alte.
Quali sono le cause della cistite?
Mia figlia è risultata positiva al batterio "escherichia coli" nelle urine. Quali sono le cause della cistite?
Urinocoltura e infezione delle vie urinarie
Urinocoltura: a cosa serve e come si esegue.
La pielonefrite
Una importante infezione del rene.
Leucociti nelle urine
I leucociti nelle urine significano quasi sempre infezione delle vie urinarie o genitale.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.
Prurito vaginale insistente
Ho una bambina di otto anni che da circa due anni soffre di prurito vaginale insistente. Cause e terapia.
Bendaggio dell'occhio
Il trattamento per l'ambliopia prevede il bendaggio dell'occhio, cioè la copertura dell’occhio sano con un cerotto o bendaggio per riattivare "quello pigro".
Il bagnetto del neonato
Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. Come comportarsi.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa